Respinta la richiesta di immunità assoluta di Donald Trump: cosa accadrà dopo?

0
13

Una giuria di tre giudici ha stabilito all’unanimità che Trump non godeva di immunità contro le accuse di aver complottato per far fallire le elezioni del 2020.

L'ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, con i suoi avvocati, partecipa alle argomentazioni conclusive del processo per frode civile della Trump Organization presso la Corte Suprema dello Stato di New York
L’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, con i suoi avvocati, partecipa alle argomentazioni conclusive del processo per frode civile della Trump Organization presso la Corte Suprema dello Stato di New York, 11 gennaio 2024 [Shannon Stapleton/Pool via AP]

Martedì una corte d’appello federale degli Stati Uniti ha stabilito che Donald Trump non ha immunità dalle accuse di manipolazione elettorale quando era presidente, aprendo ulteriormente la possibilità che l’ex presidente possa sostenere un processo penale senza precedenti.

In una decisione scritta, un collegio di tre giudici della Corte d’Appello degli Stati Uniti per il Circuito del Distretto di Columbia ha affermato che Trump non ha l’autorità per infrangere le leggi federali e non essere processato perché una volta era presidente. I giudici hanno aggiunto che il suo ruolo nello sconvolgere le elezioni del 2020 aveva potenzialmente violato le “leggi penali applicabili”.

“Non possiamo accettare che l’ufficio della Presidenza ponga i suoi ex occupanti al di sopra della legge per tutto il tempo successivo”, hanno scritto i giudici nella loro decisione.

Sarebbe storico per un favorito presidenziale affrontare un processo penale o essere un criminale condannato. La sentenza di martedì potrebbe anche mettere in discussione la candidatura, finora vincente, di Trump come candidato presidenziale del Partito Repubblicano alle elezioni previste per novembre.

Ecco una ripartizione del caso e come potrebbe influenzare la corsa presidenziale di Trump:

Di cosa si tratta?

L’anno scorso, Trump ha presentato una mozione al tribunale di prima istanza di Washington per archiviare un caso di interferenza nelle elezioni federali portato dal procuratore speciale Jack Smith nello stesso tribunale. In quel caso, l’ex presidente fu accusato di aver tentato di ribaltare le elezioni del 2020 e di ostacolare il Congresso il 6 gennaio 2021.

Il tribunale di prima istanza ha respinto la mozione di Trump a dicembre, dopo di che lui ha fatto appello alla DC Circuit Court, la stessa corte che ha emesso una sentenza il 6 febbraio.

L’avvocato di Trump aveva sostenuto durante i processi che non avrebbe dovuto rispondere in tribunale a causa dell’immunità presidenziale di cui godeva mentre era in carica.

Un’accusa penale, hanno affermato gli avvocati di Trump, avrebbe un “effetto agghiacciante” sui futuri presidenti, aggiungendo che i leader esecutivi non sarebbero disposti ad agire se ci fossero preoccupazioni su possibili accuse penali.

Il fatto che i legislatori non avevano sotto accusa Trump con l’accusa di insurrezione in seguito agli attacchi al Congresso del gennaio 2021 significava anche che non avrebbe dovuto essere processato penale per lo stesso caso, hanno inoltre sostenuto gli avvocati di Trump.

Trump è stato infatti messo sotto accusa due volte dalla Camera dei Rappresentanti, ma è stato assolto dai senatori repubblicani con un altro voto che si è rivelato a suo favore. Una mozione di impeachment presentata dalla Camera potrà essere approvata solo se approvata dai due terzi del Senato.

Cosa hanno detto i giudici?

Ma nella sentenza unanime di 57 pagine, i giudici Michelle Childs, Karen Henderson e Florence Pan hanno respinto tutte le argomentazioni di Trump a favore della cancellazione dell’immunità presidenziale, affermando che tale indennità non sarebbe nell’interesse pubblico.

Qualsiasi immunità esecutiva che avrebbe potuto proteggere Trump mentre era presidente non lo proteggerebbe più ora, hanno stabilito i giudici.

“Ai fini di questo procedimento penale, l’ex presidente Trump è diventato cittadino Trump, con tutte le difese di qualsiasi altro imputato penale”, si legge nella sentenza. “Non possiamo accettare [his] affermare che un presidente ha un’autorità illimitata per commettere crimini che neutralizzerebbero il controllo più fondamentale sul potere esecutivo: il riconoscimento e l’attuazione dei risultati elettorali”.

I giudici hanno anche affermato che Trump ha potenzialmente violato le leggi penali cercando di rovesciare la presidenza e che le sue azioni costituiscono “un attacco senza precedenti alla struttura del nostro governo”.

Cosa significa questo per la campagna di Trump?

Trump può contestare la decisione della corte d’appello presso la Corte Suprema e gli esperti affermano che questo è lo scenario più probabile. I suoi avvocati hanno già deciso di ricorrere in appello.

La corte d’appello ha fissato la scadenza del 12 febbraio affinché Trump possa presentare una richiesta di emergenza alla Corte Suprema per chiedere che la sua mozione venga ascoltata e che il caso del processo originale (portato dal procuratore speciale Smith) venga ulteriormente sospeso.

Una decisione della Corte Suprema che rafforzi quella della corte d’appello potrebbe significare che Trump sarà costretto a sostenere un processo penale mentre le primarie continuano. Il processo penale contro un importante candidato alla presidenza come Trump è inaudito nella storia degli Stati Uniti.

Essere processato, o addirittura essere condannato, non squalifica automaticamente Trump dalla candidatura alla presidenza secondo la Costituzione degli Stati Uniti. In passato, due candidati alla presidenza, Eugene V Debs (1920) e Lyndon LaRouche Jr (1992), hanno condotto una campagna elettorale dalle prigioni federali.

Ma una condanna potrebbe rovinare la campagna di Trump. Mentre alcuni sondaggi mostrano che un elevato numero di elettori repubblicani in alcuni stati voterebbero ancora per Trump nonostante una condanna penale, gli esperti affermano che la realtà di votare per un criminale potrebbe costringerli a riconsiderare la situazione.

Finora, Trump ha goduto di una serie di vittorie consecutive, quasi consolidando la sua presa come candidato repubblicano. Dopo le vittorie schiaccianti alle primarie e ai sondaggi dei caucus in Iowa e New Hampshire, i suoi rivali repubblicani si sono ritirati, lasciando Trump come il candidato con maggiori probabilità ad assicurarsi la nomination.

Uno sconvolgimento della campagna di Trump potrebbe vedere Nikki Haley, l’ultimo principale sfidante repubblicano, strappare la nomination al partito all’ultimo minuto. Il partito annuncerà ufficialmente un candidato ad una convention a metà luglio.

La sentenza della corte gioca un ruolo nei piani di Trump?

Gli analisti sottolineano che le argomentazioni di Trump sull’”immunità presidenziale” nella corte d’appello non avrebbero mai intaccato, ma che fanno parte di una strategia legale più ampia per il presidente volta a ritardare una serie di accuse penali contro di lui fino alle elezioni.

Trump attualmente deve affrontare quattro incriminazioni penali negli Stati Uniti.

Oltre alle accuse di interferenza elettorale in DC, Trump deve affrontare anche accuse di interferenza nello stato della Georgia. In altri due atti d’accusa, Trump è accusato di aver gestito male documenti governativi riservati in Florida e di aver falsificato documenti aziendali per nascondere un pagamento in denaro nascosto alla star del cinema per adulti Stormy Daniels a New York.

Casi ammontano a 91 accuse di crimini in totale. Le date dei processi per almeno due di loro sono fissate nei prossimi due mesi, anche se le mozioni di appello del team di Trump potrebbero vederli ritardati.

Se i processi rimanessero incompiuti dopo una potenziale vittoria di Trump alle urne, Trump potrebbe nominare un procuratore generale che farebbe cadere tutte le accuse contro di lui, sottolineano gli esperti.

La data originaria del processo per il caso di interferenza elettorale della DC era già fissata per il 4 marzo, ma ora è stata influenzata dalla mozione di appello di Trump e dalle quattro settimane di discussioni orali che sarebbero seguite.

È probabile che ci saranno ritardi lunghi poiché il team legale parteciperà alla decisione della Corte Suprema una volta che Trump presenterà ricorso. La Corte non ha fissato cadenze entro le quali potrebbe annunciare la decisione di sospendere il processo originale e ascoltare un secondo appello nel caso di interferenza elettorale.

A parte i processi penali, Trump deve affrontare altre sfide legali per la sua candidatura a una seconda presidenza.

Giovedì la Corte Suprema esaminerà il caso di gruppi per i diritti civili che sostengono che Trump dovrebbe essere squalificato dalla corsa per la violazione del 14° emendamento. Una clausola della legge vieta alle persone di ricoprire incarichi se si sono impegnate in “insurrezioni” o “ribellioni” contro il governo.

La disposizione è stata invocata raramente in 150 anni e non è mai stata applicata a un candidato alla presidenza.

Il post risponde alla richiesta di immunità assoluta di Donald Trump: cosa accadrà dopo? è apparso per la prima volta su oggi.

Il post risponde alla richiesta di immunità assoluta di Donald Trump: cosa accadrà dopo? è apparso per la prima volta su oggi.

Il post Respinta la richiesta di immunità assoluta di Donald Trump: cosa accadrà dopo? è apparso per la prima volta su su oggi.