Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Questi 3 gruppi ispiratori si sono mobilitati durante COVID per sostenere le...

Questi 3 gruppi ispiratori si sono mobilitati durante COVID per sostenere le loro comunità

0
3

Collage di Yunuen Bonaparte. Foto per gentile concessione di Dion’s Chicago Dream and Compassion a Oakland.

La pandemia di coronavirus ha devastato le comunità, le famiglie e le vite degli Stati Uniti per oltre un anno, ma i suoi effetti non sono stati distribuiti equamente. Per le comunità di colore e gli anziani – gruppi che erano già emarginati a causa di problemi sistemici come il razzismo e l’età – COVID-19 è stato particolarmente devastante.

Questi gruppi vulnerabili non solo hanno visto un impatto sproporzionatamente schiacciante nei regni economici e sociali, ma anche tassi di mortalità più elevati e un accesso ineguale all’assistenza governativa, sia che si tratti di sollievo irregolare dagli aiuti federali per le comunità di colore o di scarso personale nelle case di cura.

In tutta la nazione, molte persone si sono impegnate a trovare modi per supportare queste comunità e stanno emergendo nuove organizzazioni per assicurarsi che nessuno venga dimenticato durante questo periodo difficile e oltre.

Perché se abbiamo imparato qualcosa negli ultimi 12 mesi, è che ci siamo coinvolti tutti insieme. Continua a leggere per conoscere questi eroi della comunità.

Compassione a Oakland

I volontari con compassione a Oakland offrono i loro servizi agli anziani nel quartiere locale di Chinatown. Foto per gentile concessione di Compassion a Oakland.

Sulla scia della pandemia, c’è stata un’ondata di crimini ispirati dall’odio contro gli asiatici americani. Secondo un rapporto di Stop AAPI Hate, tra il 19 marzo e il 31 dicembre 2020 sono stati segnalati più di 2.808 resoconti di prima mano di odio anti-asiatico da 47 stati e dal Distretto di Columbia.

Il mese scorso, dopo un altro violento attacco, Jacob Azevedo, residente a Oakland, si è rivolto ai social media per offrirsi di camminare insieme agli anziani nel quartiere locale di Chinatown per aiutarli a sentirsi più al sicuro per le strade. La travolgente risposta di quasi 300 altri che volevano unirsi a lui ha portato alla creazione dell’organizzazione di volontari Compassion for Oakland.

“All’inizio della pandemia, c’era molto razzismo contro i cinesi, contro gli asiatici”, ha spiegato Derek Ko, uno dei fondatori di Compassion a Oakland. “In realtà ho sperimentato il razzismo basato sulla mia etnia personale, e mi ha colpito molto profondamente. Questa è una delle cose che mi ha davvero spinto ad avviare Compassion a Oakland con la mia squadra “.

La scorsa estate, durante le storiche proteste contro l’ingiustizia razziale, Ko, chiropratico di professione, ha organizzato un team di medici scesi in piazza per assicurarsi che i partecipanti potessero ottenere assistenza medica.

Ha usato questa esperienza per aiutare a organizzare i volontari che potessero aiutare la comunità asiatica più anziana. I volontari accompagnano questi anziani, sia che stiano facendo commissioni o abbiano solo bisogno di compagnia.

“Il nostro gruppo di oltre 700 volontari è multirazziale e multietnico”, ha spiegato Ko. “È un gruppo molto diversificato e ci presentiamo tutti e siamo presenti per questa particolare comunità”.

Mentre gli anziani possono richiedere un accompagnatore inviando messaggi di testo o tramite il sito web, molti dei volontari sono in giro per le strade alla ricerca di opportunità per aiutare. Anche dopo che la vita inizia a tornare “normale”, Ko ha detto che il suo team intende continuare a fornire supporto alla comunità degli anziani.

Sebbene le molestie di matrice razzista contro gli asiatici americani non siano nuove, Ko ritiene che questa sia un’opportunità per aiutare gli anziani a trovare la loro voce per migliorare la loro vita andando avanti.

“Potrebbe sembrare buio, potrebbe sembrare terribile, ma è sempre più buio prima della luce”, ha detto Ko. “Penso che il fatto che così tante persone si uniscano e si difendano sia un passo avanti, soprattutto per la nostra comunità”.

Mettersi in gioco:

Per fare volontariato, richiedere un accompagnatore o donare, visita il sito web di Compassion in Oakland qui.

Healthline

Progetto Dream Fridge

Dion Dawson consegna prodotti freschi a un residente nel quartiere di Englewood a Chicago. Foto per gentile concessione di Dion’s Chicago Dream.

Dion Dawson ha sempre saputo di voler restituire qualcosa a Englewood, il quartiere a sud di Chicago in cui è cresciuto e uno dei più poveri della città. Prima di marzo 2020, le opzioni locali per generi alimentari sani non erano sempre facilmente accessibili e convenienti a Englewood e le persone facevano fatica a sbarcare il lunario.

Quando Dawson, che è nero, ha visto come la pandemia stava peggiorando l’insicurezza alimentare nell’area, ha capito che questa era la sua opportunità per fare la differenza. Così, lo scorso giugno, ha deciso di sfamare 100 famiglie.

Dopo aver raggiunto il suo obiettivo iniziale di raccogliere $ 2.500 attraverso l’aiuto di una campagna GoFundMe, ha deciso di impegnarsi a nutrire Englewood a tempo pieno. Ad agosto, ha avviato ufficialmente la sua organizzazione no-profit, Dion’s Chicago Dream.

“Non sapevo che stavo per avviare un’organizzazione non profit, ma non ne ho visto una che si occupasse di come è cambiata la nostra società”, ha spiegato Dawson, che ha esperienza nelle comunicazioni di massa. “Così ho iniziato da solo.”

La sua prima iniziativa è stata Project Dream Fridge, un frigorifero comunitario che rifornisce ogni giorno con frutta, verdura e acqua gratuite. Dal suo lancio nel settembre 2020, ha fornito l’equivalente di 1.300 pasti ai residenti. È diventata una risorsa fondamentale nella zona.

“Non sono d’accordo nel dare sempre alle comunità degli scarti di colore. Non credo che dovremmo sempre dare loro la frutta e la verdura che sembrano cattive o che stanno per andare a male. Perché allora, questo inizia a influenzare ciò che pensi di meritare “, ha spiegato Dawson al telefono da Chicago.

Grazie all’aiuto di donatori e sostenitori, che chiama il suo “Dream Team”, il mese scorso Dawson ha lanciato un nuovo servizio chiamato “Dream Deliveries”.

Ora, ogni venerdì, Dawson, insieme a sua madre, consegna prodotti freschi alle famiglie del quartiere. I generi alimentari, che provengono da un grossista locale, forniscono cinque giorni di pasti alle famiglie svantaggiate. Finora è stato in grado di aiutare 60 famiglie.

“Nel caso di Englewood, il minimo che possiamo fare è dar loro da mangiare. Una volta che una persona non deve pensare a cosa mangerà il giorno successivo, la sua mente è libera di pensare ad altre cose: può concentrarsi sul provvedere ai propri figli e avere una migliore qualità della vita. E così con questo, stiamo rimettendo l’elemento umano nella nutrizione. “

Mettersi in gioco:

Per donare, visita il sito Web di Chicago Dream di Dion qui.

Healthline

Ragazzi che aiutano gli anziani

Dhruv Pai, a destra, e Matthew Casertano che consegnano generi alimentari a una donna anziana nella loro comunità. Foto per gentile concessione di Teens Helping Seniors.

Quando è diventato chiaro la scorsa primavera che il coronavirus stava colpendo in modo sproporzionato gli anziani, Dhruv Pai ha subito temuto per i suoi nonni. Il diciassettenne ha visto come il semplice fatto di fare la spesa stia mettendo a rischio la sua salute.

“Ogni volta che vedevo qualcuno avvicinarsi a loro senza maschera o qualcuno non si allontanava dal punto di vista sociale, il mio cuore si bloccava per un secondo. Ho continuato a pensare E se i miei nonni prendessero il virus? ” Pai ha spiegato al telefono da Silver Springs, nel Maryland.

Per aiutarli a tenerli al sicuro, Pai iniziò a fare consegne settimanali di generi alimentari a casa loro. Ben presto, ha scoperto che il suo amico, il sedicenne Matthew Casertano, stava facendo la stessa cosa per i suoi nonni.

Insieme, si sono resi conto che c’erano dozzine di anziani nella loro zona che avevano bisogno di un servizio simile, così hanno lanciato Teens Helping Seniors poche settimane dopo che gran parte del paese è stata chiusa.

“Abbiamo pensato a persone che non hanno nipoti. Cosa fanno le persone quando non hanno parenti da cui dipendere? E questo è stato davvero il trampolino di lancio per avviare un’organizzazione “, ha detto Pai.

Quello che era iniziato come un progetto locale con l’aiuto degli amici della loro scuola superiore è diventato rapidamente un servizio di consegna senza contatto a livello nazionale con 850 volontari e 33 capitoli che abbracciano 17 stati e persino province canadesi.

“Abbiamo scelto un sistema a capitoli perché abbiamo pensato che, specialmente durante la pandemia COVID, le uniche persone che sanno cosa sta attraversando la loro comunità sono le persone in quella comunità”, ha detto Casertano.

Come hanno spiegato i fondatori adolescenti, il loro servizio di consegna ha rivelato che c’è molto di più del semplice bisogno di generi alimentari. Casertano e Pai affermano che attraverso le loro consegne sono stati in grado di promuovere un dialogo intergenerazionale, rendendo il lavoro che stanno facendo inestimabile anche per i giovani volontari.

“In questo periodo di crisi, vediamo che forse non siamo così diversi, dopotutto”, ha detto Casertano. “Anche se siamo separati da 60, 70, 80 anni di età, possiamo ancora unirci come una comunità e aiutarci a vicenda”.

Mettersi in gioco:

Per offrirti volontario o iscriverti a una consegna, visita il sito web Teens Helping Seniors qui o invia un’e-mail a teenshelpingseniors@gmail.com.

Healthline

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here