Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Quanto tempo rimane il cibo nello stomaco?

Quanto tempo rimane il cibo nello stomaco?

0
3

Due donne siedono fianco a fianco in un ristorante, mangiando hamburger.

Il tuo sistema digestivo è vitale per aiutare ad alimentare il tuo corpo con i nutrienti che estrae dai cibi che mangi.

Durante la digestione, il cibo che hai mangiato si muove attraverso il tratto gastrointestinale (GI), dove viene gradualmente scomposto, consentendo l’assorbimento dei nutrienti.

Ogni parte del tuo tratto gastrointestinale è specializzata per un diverso aspetto della digestione. Ad esempio, il tuo stomaco utilizza metodi sia meccanici che chimici per abbattere il cibo. Quindi svuota il suo contenuto nell’intestino tenue, dove avviene l’assorbimento dei nutrienti.

Sebbene possa variare, esistono stime relative al tempo medio necessario affinché il cibo si muova attraverso lo stomaco e altre parti del tratto gastrointestinale.

Entriamo nei dettagli di come funziona e quanto tempo ci vuole.

Quanto tempo dopo aver mangiato il cibo lascia lo stomaco?

In generale, occorrono dalle 2 alle 4 ore affinché il cibo si sposti dallo stomaco all’intestino tenue.

La quantità esatta di tempo può dipendere da diversi fattori, come la composizione e le dimensioni del pasto, gli ormoni e il sesso. Le donne tendono a digerire il cibo più lentamente degli uomini.

Quando il cibo entra nello stomaco accade quanto segue:

  • Rilassamento. La parte superiore dello stomaco si rilassa per accogliere il cibo che hai mangiato. Questo è il motivo per cui il tuo addome può sembrare leggermente disteso dopo un pasto.
  • Digestione. Il tuo stomaco utilizza movimenti ritmici di zangolatura e macinazione (digestione meccanica), nonché acido dello stomaco ed enzimi (digestione chimica) per abbattere il pasto.
  • Svuotamento. Lo sfintere pilorico consente a piccole quantità di cibo di lasciare gradualmente lo stomaco e spostarsi nell’intestino tenue.

Dopo aver lasciato lo stomaco, il cibo si sposta attraverso l’intestino:

  • Intestino tenue. Nel tuo intestino tenue, il cibo si mescola con ulteriori fluidi digestivi. È qui che avviene la maggior parte dell’assorbimento dei nutrienti. Il cibo può trascorrere da 2 a 6 ore nell’intestino tenue.
  • Intestino crasso. Nel tuo intestino crasso (colon), l’acqua viene assorbita e ciò che rimane dalla digestione viene trasformato in feci. I prodotti di scarto del cibo trascorrono circa 36 ore nell’intestino crasso.

In totale, possono essere necessari dai 2 ai 5 giorni prima che il cibo si muova attraverso l’intero tratto gastrointestinale.

Alcuni cibi possono muoversi nello stomaco a un ritmo più lento o più veloce?

La composizione del cibo può svolgere un ruolo importante in quanto tempo impiega il cibo a lasciare lo stomaco.

Esaminiamo alcuni importanti fattori legati al cibo che possono influenzare il tempo necessario allo stomaco per svuotarsi.

Consistenza

I liquidi in genere lasciano lo stomaco rapidamente. Ad esempio, dopo aver bevuto un bicchiere d’acqua, si stima che solo 50 percento di esso sarà lasciato nel tuo stomaco dopo 10 minuti.

I cibi solidi spesso devono essere scomposti e ulteriormente liquefatti, il che significa che di solito impiegano più tempo a lasciare lo stomaco. In effetti, di solito occorrono dai 20 ai 30 minuti prima che i cibi solidi inizino a lasciare lo stomaco.

Contenuto calorico

Indipendentemente dalla consistenza, cibi e bevande che hanno un contenuto calorico inferiore generalmente lasciano lo stomaco a un ritmo più veloce. I cibi e le bevande più caloriche impiegheranno più tempo.

Ad esempio, mentre l’acqua lascia lo stomaco a una velocità elevata, un liquido più calorico come un bicchiere di succo di frutta o un frappè uscirà più lentamente.

Contenuto di nutrienti

Cibi e bevande ricchi di carboidrati e proteine ​​vengono scomposti più facilmente nello stomaco e, di conseguenza, lasciano lo stomaco più velocemente.

Tuttavia, i cibi ricchi di grassi e fibre trascorrono più tempo nello stomaco. Ecco perché potresti sentirti sazio più a lungo quando mangi cibi ricchi di grassi o fibre.

Volume

La quantità del tuo pasto può influenzare la velocità con cui il cibo lascia lo stomaco. Questo sembra essere vero sia per i liquidi che per i solidi.

È importante notare che i pasti solidi hanno spesso un periodo di ritardo prima che inizi lo svuotamento dello stomaco. Tuttavia, i pasti più grandi si svuotano a un ritmo più rapido rispetto ai pasti più piccoli una volta trascorso questo periodo di ritardo.

C’è un modo per sapere se il tuo stomaco è vuoto?

In generale, se sono trascorse diverse ore dall’ultima volta che hai mangiato qualcosa, è probabile che il tuo stomaco sia vuoto.

Tuttavia, tieni presente che il tasso di svuotamento dello stomaco può variare in base a ciò che hai consumato e ad altri fattori. Per questo motivo, il tempo potrebbe non essere sempre un indicatore molto accurato di uno stomaco vuoto.

Quando lo stomaco è vuoto, potresti avvertire sintomi fisici di fame. Alcuni esempi di questi includono:

  • ringhio o dolori allo stomaco
  • vertigini
  • debolezza o tremore
  • mal di testa
  • irritabilità

Se hai bisogno di assumere farmaci a stomaco vuoto, quando è sicuro farlo?

Alcuni farmaci devono essere assunti a stomaco vuoto. Ci sono un paio di ragioni per questo.

Innanzitutto, i farmaci orali vengono assorbiti nel flusso sanguigno attraverso il rivestimento del tratto gastrointestinale. Per questo motivo, avere cibo nello stomaco può potenzialmente rallentare l’assorbimento di un farmaco, rendendolo meno efficace.

In secondo luogo, ci sono alcuni alimenti che possono interferire con l’attività di specifici tipi di farmaci. Ciò può potenzialmente aumentare o diminuire il livello di un farmaco nel sistema. Questo tipo di interazione è chiamata interazione cibo-farmaco.

Alcuni esempi di interazioni cibo-farmaco includono:

  • Pompelmo. Il pompelmo può aumentare i livelli di alcuni farmaci nel sangue. Gli esempi includono alcune statine e farmaci per la pressione sanguigna.
  • vitamina K Gli alimenti ricchi di vitamina K, come spinaci, cavoli e cavoletti di Bruxelles, possono ridurre l’efficacia del warfarin, fluidificante del sangue.
  • Pasti ricchi di grassi. Il consumo di un pasto ricco di grassi può abbassare i livelli di esomeprazolo, un inibitore della pompa protonica, nel flusso sanguigno.

Se il consumo di cibo ha il potenziale per influenzare un farmaco, la tua prescrizione dirà di prenderlo a stomaco vuoto.

Una buona linea guida da seguire per questi tipi di farmaci è prenderli 1 ora prima di mangiare o 2 ore dopo aver mangiato.

Se hai bisogno di assumere farmaci con il cibo, quando dovresti farlo?

A volte ti può essere prescritto un farmaco che ti dice di prenderlo con cibo. Ci sono alcuni motivi per questo:

  • Riduce gli effetti collaterali. Alcuni farmaci, come i farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) e i corticosteroidi, possono causare disturbi allo stomaco se assunti a stomaco vuoto. Avere cibo nello stomaco può aiutare a ridurre la probabilità di questi effetti collaterali.
  • Aiuta con una condizione. Alcune condizioni di salute, come il diabete o il bruciore di stomaco, sono influenzate dall’assunzione di cibo. Ecco perché è importante assumere farmaci per questo tipo di condizioni con il cibo.
  • Aiuta nell’assorbimento. A volte avere cibo nel tratto gastrointestinale può aiutare con l’assorbimento del farmaco. Questo è vero per alcuni tipi di farmaci per l’HIV.

Se hai un farmaco che devi assumere con il cibo, cerca di coordinare l’assunzione del farmaco con i pasti.

Seguire sempre le istruzioni sulla confezione della prescrizione e contattare il medico o il farmacista per qualsiasi domanda.

Se hai bisogno di digiunare prima di una procedura, quando devi smettere di mangiare?

Alcuni tipi di test o procedure potrebbero richiedere di digiunare in anticipo. Quando digiuni, ti astieni dal mangiare per un determinato periodo di tempo. Ad esempio, potresti dover digiunare prima:

  • alcuni tipi di esami del sangue, come quelli per la glicemia e i trigliceridi
  • procedure che coinvolgono il tratto gastrointestinale o la regione addominale, come un’endoscopia o un’ecografia addominale
  • test per allergie o intolleranze alimentari
  • chirurgia che viene eseguita utilizzando l’anestesia generale

Se stai digiunando, potresti non essere in grado di mangiare nulla per 6-8 ore prima del test o della procedura.

Ad esempio, se hai un intervento al mattino, farai l’ultimo pasto completo la sera prima e non mangerai nulla fino a dopo l’intervento.

Potrebbero esserci ulteriori linee guida relative ai tipi di bevande che puoi consumare. Questo spesso implica bere solo una piccola quantità di acqua durante il periodo di digiuno.

Le linee guida specifiche per l’assunzione di cibo e acqua possono dipendere dal test o dalla procedura che viene eseguita. Segui sempre attentamente le linee guida del tuo medico e non esitare a fare domande se qualcosa non è chiaro.

La linea di fondo

Dopo aver mangiato, il cibo trascorre in genere dalle 2 alle 4 ore nello stomaco. Tuttavia, questo può variare in base al tipo di cibo che hai mangiato, alla quantità e ad altri fattori.

I liquidi di solito lasciano lo stomaco rapidamente, mentre i cibi solidi in genere richiedono più tempo. Altri fattori legati al cibo che possono portare a un tempo di ritenzione dello stomaco più lungo includono:

  • cibi ricchi di grassi
  • cibi ricchi di fibre
  • cibi ad alto contenuto calorico

Se il tuo stomaco è pieno o vuoto può influire su cose come l’assunzione di farmaci o il digiuno prima di un test o di una procedura.

In queste situazioni, è sempre importante seguire attentamente le istruzioni del medico per quanto riguarda l’assunzione di cibi e bevande.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here