Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Quali sono le ultime novità nella ricerca sul cancro del polmone?

Quali sono le ultime novità nella ricerca sul cancro del polmone?

0
5

Il cancro ai polmoni è il secondo tipo di cancro più comune.

Secondo l’American Cancer Society, è la prima causa di decessi per cancro tra uomini e donne, rappresentando quasi un quarto di tutti i decessi per cancro. È più del cancro al colon, al seno e alla prostata messi insieme.

I ricercatori sono sempre alla ricerca di modi per curare il cancro ai polmoni. Le loro indagini hanno portato a nuovi metodi di prevenzione e rilevamento del cancro del polmone, nonché a trattamenti.

Ecco alcuni punti salienti della ricerca degli ultimi anni.

Prevenzione

Sappiamo da tempo che alcuni fattori aumentano il rischio di cancro ai polmoni.

Alcuni di loro non sono controllabili, come i tuoi geni. Altri a volte sono prevenibili, tra cui:

  • tabacco da fumo
  • esposizione a radon e gas di scarico diesel
  • Infezione da HIV

Gli studi stanno cercando di determinare come i geni interagiscono con rischi come questi per aumentare il rischio di cancro ai polmoni.

I ricercatori stanno anche esaminando i collegamenti tra dieta e integratori alimentari e cancro.

UN Revisione del 2019 della ricerca attuale ha trovato risultati contrastanti per il rapporto tra integratori alimentari come retinolo, beta carotene, vitamine del gruppo B e vitamina E nei fumatori attuali ed ex.

Sono necessarie ulteriori ricerche per determinare in che modo questi integratori influenzano il rischio di cancro ai polmoni in questi gruppi.

Rilevamento

L’individuazione precoce del cancro ai polmoni è fondamentale. Secondo la Lung Cancer Foundation of America, oltre l’80% delle persone riceve la diagnosi in una fase avanzata, quando il cancro è più difficile da trattare.

Molti studi si stanno concentrando sui modi per rilevare prima il cancro ai polmoni.

Scansioni TC

Un modo per individuare precocemente il cancro ai polmoni è lo screening TC. La US Preventive Services Task Force raccomanda scansioni TC a basso dosaggio per chiunque abbia un’età compresa tra 55 e 80 anni che abbia una storia di fumo pesante. In questo gruppo, lo screening può ridurre il rischio di morire di cancro ai polmoni.

Ora i ricercatori stanno cercando di capire come mettere a punto lo screening TC per rilevare il cancro in modo più accurato e determinare quali altri gruppi potrebbero trarre vantaggio dallo screening.

Biomarcatori

Il trattamento del cancro al polmone è diventato molto più personalizzato negli ultimi anni. I ricercatori hanno scoperto che i cambiamenti del DNA sono unici per il cancro di ogni persona.

I biomarcatori sono segni medici che possono essere misurati nel corpo per prevedere l’esito della malattia. I ricercatori hanno scoperto più di 200 biomarcatori del cancro del polmone.

I biomarcatori si presentano in molte forme, comprese mutazioni genetiche e biomarcatori del sangue. Alcune delle mutazioni genetiche più comuni nel cancro del polmone includono:

  • ALK (linfoma chinasi anaplastico)
  • EGFR (recettore del fattore di crescita epidermico)
  • BRAF
  • ROS-1
  • METex14

I medici possono ora cercare questi e altri biomarcatori del cancro del polmone con test genetici utilizzando un campione del sangue o del tessuto polmonare.

Questo può aiutarli a diagnosticare precocemente il cancro ai polmoni e consigliare trattamenti mirati che funzionano meglio contro le tue particolari mutazioni genetiche.

Broncoscopia a fluorescenza e navigazione elettromagnetica

La broncoscopia è un test che utilizza un mirino illuminato per rimuovere un campione di tessuto polmonare per il test. Esistono due tipi:

  • Broncoscopia a fluorescenza. Questo aggiunge una luce fluorescente per aiutare il medico a vedere più facilmente il tessuto anormale. La luce fa apparire le cellule tumorali di un colore diverso rispetto ai tessuti sani.
  • Broncoscopia a navigazione elettromagnetica. Questo crea una mappa virtuale che rende più facile trovare il cancro con il broncoscopio. Una scansione TC crea un’immagine 3-D del polmone per aiutare il medico a individuare l’area sospetta.

Tomografia computerizzata quadridimensionale (4DCT)

Questa nuova versione innovativa della scansione TC scatta foto dei polmoni da molte angolazioni per creare un’immagine quadridimensionale.

Può aiutare i medici a identificare con maggiore precisione dove si trova il tumore nei polmoni e se il cancro si è diffuso ad altre parti del torace.

Apprendimento automatico

I computer possono analizzare scansioni TC e campioni di tessuto molto più velocemente dei medici.

I ricercatori hanno già addestrato un programma per computer per leggere e analizzare campioni di tessuto polmonare. Il programma ha diagnosticato due tipi comuni di cancro ai polmoni (adenocarcinomi e tumori a cellule squamose) con 97 percento precisione.

Trattamento

La ricerca ha portato a molti nuovi trattamenti per il cancro del polmone che coinvolgono:

  • chirurgia
  • chemioterapia
  • radiazione
  • terapie mirate
  • immunoterapia

Chirurgia

La chirurgia può curare alcuni tumori in fase iniziale che non si sono diffusi al di fuori dei polmoni. I chirurghi ora eseguono procedure per il cancro ai polmoni attraverso incisioni più piccole. Ciò può portare a meno complicazioni rispetto alla chirurgia a cielo aperto.

Un modo per eseguire la chirurgia mininvasiva in modo più preciso è utilizzare bracci robotici. Se la chirurgia robotica abbia risultati migliori rispetto alla chirurgia a cielo aperto è ancora oggetto di indagine.

La chirurgia toracica video assistita (VATS) è un’altra nuova tecnica che consente ai chirurghi di operare attraverso incisioni più piccole. La VATS può provocare meno dolore e una degenza ospedaliera più breve rispetto alla chirurgia a cielo aperto. Non è ancora chiaro se possa trattare tumori più grandi.

Chemioterapia

Il regime chemioterapico tipico per il cancro del polmone è da quattro a sei cicli di due o più farmaci combinati.

Oggi alcune persone continuano a prendere una chemioterapia o un farmaco mirato dopo aver terminato tutti i loro cicli per tenere sotto controllo il cancro. Questa si chiama terapia di mantenimento.

Radiazione

Le radiazioni utilizzano raggi X ad alta energia per uccidere le cellule tumorali. Viene spesso utilizzato per ridurre i tumori prima dell’intervento chirurgico o per sbarazzarsi di eventuali cellule tumorali rimanenti dopo l’intervento chirurgico.

Poiché alcuni tipi di cancro ai polmoni si diffondono spesso al cervello, anche le radiazioni vengono utilizzate per prevenirlo.

Il problema è che le radiazioni possono danneggiare gli organi circostanti. Troppe radiazioni possono anche danneggiare le delicate strutture del cervello.

La radioterapia ablativa stereotassica (SABR) è un’alternativa per le persone con carcinoma polmonare non a piccole cellule in stadio iniziale che non possono sottoporsi a intervento chirurgico. SABR fornisce un fascio di radiazioni ad alta dose in modo più preciso. Questo limita i danni ai tessuti circostanti e al cervello.

Gli studi stanno esaminando se il SABR potrebbe essere efficace quanto la chirurgia per le persone con carcinoma polmonare in stadio iniziale.

Terapia mirata

La terapia mirata è un approccio più personalizzato al trattamento del cancro del polmone rispetto alla radioterapia o alla chemioterapia. Alcuni tumori polmonari hanno modifiche a determinati geni che li aiutano a crescere.

La terapia mirata blocca l’attività di questi geni per rallentare o fermare il cancro.

Alcuni farmaci sono già stati approvati per il trattamento di persone i cui tumori presentano determinate mutazioni genetiche. Queste mutazioni includono:

  • ALK
  • EGFR
  • KRAS
  • RET
  • NTRK
  • BRAF

Nel 2020, la Food and Drug Administration (FDA) ha approvato capmatinib (Tabrecta) per METex14 mutazioni. Nuovi trattamenti che prendono di mira le mutazioni tra cui RET, HER2, e MEK sono sotto inchiesta.

Immunoterapia

L’immunoterapia aumenta la risposta immunitaria del tuo corpo per aiutarlo a trovare e uccidere le cellule tumorali. Gli inibitori del checkpoint immunitario per il cancro ai polmoni esistono dal 2015.

I checkpoint impediscono al tuo sistema immunitario di attaccare i tuoi tessuti sani. Il cancro può nascondersi dietro questi punti di controllo per evitare di essere scoperto.

Gli inibitori del checkpoint tolgono i freni al tuo sistema immunitario in modo che possa trovare e attaccare il cancro.

Alcuni inibitori del checkpoint sono già approvati per il cancro del polmone, tra cui nivolumab (Opdivo) e pembrolizumab (Keytruda). Questi farmaci bloccano la proteina PD-1 sulla superficie di alcune cellule di cancro del polmone che le aiuta a nascondersi dal sistema immunitario.

Sono in corso studi per trovare nuove immunoterapie e capire quali persone risponderanno meglio a loro.

I ricercatori vogliono anche sapere se somministrare inibitori del checkpoint più radiazioni o chemioterapia potrebbe aiutare le persone con cancro ai polmoni a vivere più a lungo.

Test clinici

I ricercatori utilizzano studi clinici per testare nuovi trattamenti contro il cancro del polmone o combinazioni di trattamenti esistenti. L’obiettivo è trovare terapie che funzionino meglio di quelle attuali per migliorare la sopravvivenza.

Sono in corso più di 1.000 studi clinici per il cancro ai polmoni.

Chiedi al tuo medico se potrebbe essere una buona idea per te prendere parte a uno di questi studi. Gli studi clinici possono essere un’opzione particolarmente buona se si dispone di una mutazione genetica che le terapie mirate esistenti non sono in grado di trattare.

Porta via

La ricerca sul cancro del polmone sta facendo molti progressi entusiasmanti. La FDA ha approvato il doppio dei nuovi trattamenti negli ultimi 2,5 anni rispetto all’intero decennio precedente.

Molti altri nuovi trattamenti sono in fase di studio negli studi clinici.

L’immunoterapia e i trattamenti mirati sono più sicuri ed efficaci dei precedenti trattamenti contro il cancro del polmone. Grazie a queste terapie, i tassi di sopravvivenza sono migliorati.

Man mano che i ricercatori introducono nuovi test e trattamenti, le prospettive per le persone con cancro ai polmoni probabilmente miglioreranno ancora di più.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here