Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Quali esercizi (o movimenti) evitare dopo una sostituzione del ginocchio

Quali esercizi (o movimenti) evitare dopo una sostituzione del ginocchio

0
6

SeventyFour / Getty Images

Le nostre articolazioni del ginocchio subiscono molto martellamento per tutta la vita, il che può alla fine portare ad artrosi e altre lesioni al ginocchio.

La chirurgia sostitutiva del ginocchio (artroplastica del ginocchio) è progettata per ripristinare la funzione del ginocchio e ridurre il dolore sostituendo l’articolazione del ginocchio con una artificiale.

La chirurgia sostitutiva del ginocchio è molto comune e si prevede che entro il 2030 ci sarà 3,5 milioni eseguita ogni anno negli Stati Uniti.

Rafforzare e allungare i muscoli è una parte importante del recupero dopo l’intervento chirurgico di sostituzione del ginocchio. Tuttavia, alcuni tipi di movimenti ed esercizi possono fare più male che bene.

Continua a leggere per sapere quali tipi di movimenti dovrebbero essere evitati dopo l’intervento chirurgico di sostituzione del ginocchio.

Esercizi e movimenti da evitare dopo una sostituzione del ginocchio

L’obiettivo dell’intervento di sostituzione del ginocchio è quello di consentire di tornare alle attività quotidiane senza dolore. Anche se è forte la tentazione di tornare alla routine abituale il più rapidamente possibile, ci sono alcuni esercizi e movimenti che dovresti evitare durante il recupero.

Attività ad alto rischio di caduta

Dopo una sostituzione totale del ginocchio, la perdita di forza, la mobilità e l’equilibrio aumentano il rischio di caduta. Una caduta può danneggiare la protesi o interferire con il processo di guarigione.

Uno studio del 2018 ha rilevato che il 17,2% di un gruppo di 134 persone che si erano sottoposte a una sostituzione del ginocchio è caduto almeno una volta entro 6 mesi dall’operazione. Circa due terzi di queste cadute si sono verificate camminando.

Alcune modifiche allo stile di vita per ridurre il rischio di cadute includono:

  • utilizzando il corrimano quando si salgono e scendono le scale
  • utilizzando un tappetino di gomma o una sedia da doccia durante la doccia
  • sedersi quando si indossano pantaloncini o pantaloni
  • mantenere il pavimento lontano da giocattoli vaganti, tappetini scivolosi e altri oggetti che rappresentano un pericolo di inciampo
  • evitando terreni scivolosi come fango, ghiaccio o erba bagnata

Seduta prolungata

Periodi prolungati di seduta dopo l’intervento chirurgico di sostituzione del ginocchio possono aumentare il rischio di sviluppare un coagulo di sangue, specialmente nelle prime 2 settimane dopo l’intervento. Lunghi periodi di seduta possono anche ostacolare il drenaggio dei liquidi nella parte inferiore della gamba e peggiorare il gonfiore.

Nei primi 7-10 giorni dopo una sostituzione del ginocchio, si consiglia di non sedersi per più di 45-60 minuti alla volta. Se è necessaria una seduta prolungata, appoggiare la gamba su una sedia o qualcosa di simile può aiutare a ridurre al minimo il gonfiore.

Troppo carico subito dopo l’intervento chirurgico

Dopo una sostituzione del ginocchio, la maggior parte delle persone usa un deambulatore, stampelle o altri dispositivi di assistenza.

La maggior parte dei chirurghi incoraggia un po ‘di carico precoce e di alzarsi dal letto e di muoversi il prima possibile dopo l’intervento. Per i primi giorni, ciò richiederà l’assistenza di un infermiere o di un fisioterapista.

Dovresti evitare le scale finché non sei autorizzato a farlo dal tuo chirurgo o fisioterapista. Quando salite le scale, guidate con la gamba che non ha subito un intervento chirurgico e quando scendete, fate un passo per primo con la gamba che ha subito un intervento chirurgico. Questo è facile da ricordare come “il buono sale, il cattivo scende”.

Correre e saltare

La quantità di forza esercitata su un’articolazione del ginocchio durante la corsa è di circa tre volte più in alto rispetto a quando si cammina. Saltare espone il ginocchio a forze ancora più elevate.

L’esecuzione di attività che implicano la corsa e il salto durante il recupero da una protesi di ginocchio può ritardare la guarigione o causare danni alla protesi. Chirurghi in generale scoraggiare fortemente partecipare ad attività ad alto impatto anche una volta completamente guarito.

Sport ad alto impatto o che cambiano rapidamente direzione

Durante il recupero da un intervento chirurgico di sostituzione del ginocchio, evitare di partecipare a sport di contatto o sport che possono portare a improvvise torsioni o scatti del ginocchio. Alcuni esempi includono:

  • calcio
  • calcio
  • Rugby
  • sciare
  • pallacanestro
  • hockey
  • ginnastica

Gli sport a basso impatto come il ciclismo, il golf e il nuoto sono ottime opzioni per rimanere attivi dopo l’intervento di sostituzione del ginocchio.

In ginocchio

Circa il 60-80% delle persone riferisce difficoltà a inginocchiarsi o incapacità di inginocchiarsi dopo una sostituzione totale del ginocchio.

Al momento non ci sono prove cliniche che suggeriscano che l’inginocchiarsi accorci la vita della protesi, ma se sei a disagio, dovresti evitare di inginocchiarti.

Quali esercizi sono utili per riabilitare una protesi di ginocchio?

La maggior parte dei programmi riabilitativi di sostituzione del ginocchio mirano ad aumentare la gamma di movimento e rafforzare il muscoli quadricipiti. È importante lavorare con il tuo chirurgo ortopedico dopo l’intervento per costruire il miglior programma possibile.

Ecco alcuni esempi di esercizi che i chirurghi consigliano in diverse fasi del recupero.

Subito dopo l’intervento chirurgico

Prima di lasciare l’ospedale, vengono incoraggiati semplici esercizi per aiutare a ritrovare la mobilità del ginocchio. Per esempio:

Raddrizzamento del ginocchio. Con un piccolo asciugamano arrotolato posto sotto il tallone, contraete i muscoli sopra il ginocchio e cercate di raddrizzare completamente il ginocchio. Mantieni la posizione per 5-10 secondi.

Piegamenti del ginocchio supportati dal letto. Mentre sei sdraiato a letto, fai scorrere la pianta del piede lungo la superficie del letto verso i glutei. Una volta raggiunta la quantità massima di piegamento del ginocchio, mantenere la posizione per 5-10 secondi e quindi raddrizzare di nuovo la gamba.

Insieme a questi esercizi, un fisioterapista ti aiuterà spesso a imparare a usare e camminare con un dispositivo di assistenza.

3 mesi dopo l’intervento

Entro 3 mesi dall’intervento, la maggior parte delle persone è in grado di tornare alla maggior parte delle attività quotidiane e ad esercizi a bassa intensità come:

  • sollevamento pesi leggero
  • nuoto
  • danza a basso impatto
  • giocare a golf

6 mesi dopo l’intervento

Entro 6 mesi dall’intervento, la maggior parte delle persone può iniziare a svolgere attività più intense come il doppio tennis, il sollevamento pesi più pesante e forme di ballo più faticose. Per domande specifiche su uno sport o un’attività particolare, è sempre meglio chiedere al tuo chirurgo.

Pericoli di fare certi esercizi troppo presto

L’esecuzione di movimenti o esercizi troppo intensi può aumentare le possibilità di allentamento o frattura delle ossa intorno all’impianto.

Spingere troppo può anche portare a un aumento del dolore e del gonfiore intorno al ginocchio, rallentando il processo di riabilitazione e rendendo più difficile l’esercizio.

Come sapere se hai esagerato

I sintomi di spingere troppo forte durante il programma di recupero potrebbero includere:

  • aumento del dolore
  • gonfiore del ginocchio o della parte inferiore della gamba
  • calore intorno al ginocchio

Se si verifica uno di questi sintomi, è meglio interrompere l’attività e ghiacciare il ginocchio per 15-20 minuti.

Se il sintomo persiste, chiama il tuo medico.

Porta via

È importante fare esercizio dopo l’intervento di sostituzione del ginocchio, ma ci sono alcuni movimenti e attività che dovresti evitare.

Le attività ad alto rischio di caduta e quelle che rischiano di torcere il ginocchio sono tra le più pericolose.

Se non sei sicuro che una determinata attività sia sicura, è sempre meglio chiedere al tuo medico. In caso di dubbio, è meglio fare di meno che di più.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here