Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Qual è la differenza tra una cisti al seno e un tumore?

Qual è la differenza tra una cisti al seno e un tumore?

0
3

Trovare un nodulo al seno può essere inquietante, ma la maggior parte dei noduli al seno non sono cancerogeni. Molto spesso, questi noduli risultano essere cisti piene di liquido.

Ci sono alcune caratteristiche che possono aiutare a differenziare una cisti da un tumore. Anche così, è importante che tu veda il tuo medico per i noduli al seno in modo da poter ottenere la giusta diagnosi.

In questo articolo spiegheremo alcune delle principali differenze tra cisti al seno e tumori e come un’ecografia può aiutare a determinare quale sia.

Cos’è una cisti al seno?

Le cisti al seno si formano quando c’è un accumulo di liquido. Potrebbe esserci una connessione tra cisti e livelli ormonali fluttuanti, ma la causa esatta non è chiara.

Queste sacche rotonde o ovali piene di liquido sono abbastanza comuni. Ciò è particolarmente vero tra le persone sulla quarantina a cui è stata assegnata una donna alla nascita.

Le cisti possono essere così piccole (microcisti) che non puoi sentirle o vederle senza l’imaging del seno. A volte, possono crescere abbastanza grandi (macrocisti).

I sintomi possono variare in gravità durante il ciclo mestruale e possono includere:

  • grumosità
  • tenerezza
  • dolore

Le cisti possono essere semplici, complesse o complicate:

  • Cisti semplici. Queste cisti hanno bordi lisci, pareti sottili e sono completamente piene di liquido. Sono sempre benigni. Le cisti che si formano a causa di cambiamenti fibrocistici sono semplici cisti.
  • Cisti complesse. A differenza delle cisti semplici, le cisti complesse hanno bordi irregolari, pareti spesse e una certa materia solida all’interno del fluido. La maggior parte sono benigni.
  • Cisti complicate. Queste cisti sono da qualche parte tra semplici e complesse. Non hanno pareti spesse, ma possono contenere una sostanza solida all’interno del fluido. La maggior parte sono benigni.

Cos’è un tumore al seno?

Un tumore al seno è una massa solida che può essere cancerosa o non cancerosa.

Tumori al seno benigni

I tumori al seno benigni sono costituiti da cellule anormali. Sono benigni, il che significa che sebbene possano crescere, non possono diffondersi ad altre parti del tuo corpo.

I tipi più comuni di tumori mammari benigni includono:

  • Fibroadenoma: Questi tumori benigni sono costituiti da tessuti connettivi e ghiandolari. Sono più comuni nelle persone di età compresa tra 20 e 30 anni e possono avere una dimensione compresa tra 1 e 5 centimetri. Possono sembrare lisce o gommose, con bordi ben definiti e sono facili da spostare con le dita.
  • Papilloma intraduttale: Questi tumori si sviluppano nel dotto mammario, solitamente vicino al capezzolo, e possono causare dolore.
  • Tumore di fillodi: Questi tumori iniziano nei tessuti connettivi e ghiandolari. Il nodulo può essere rotondo e sodo, a volte causare dolore. Tendono ad essere in rapida crescita. Solo un numero molto piccolo di tumori fillodi è canceroso.

Tumori al seno cancerosi

Le cellule dei tumori cancerosi contengono DNA danneggiato. Invece di morire, producono più cellule anormali, formando tumori che possono spingere nei tessuti sani.

Le cellule cancerose possono anche staccarsi per formare nuovi tumori o entrare nel flusso sanguigno e nel sistema linfatico. Quando ciò accade, le cellule tumorali possono diffondersi ad organi distanti.

La maggior parte dei tumori al seno sono adenocarcinomi, un tipo di tumore che si sviluppa nelle cellule ghiandolari che producono muco. Un carcinoma duttale inizia nei dotti lattiferi e un carcinoma lobulare inizia nei lobuli produttori di latte.

I tipi rari di tumori al seno cancerosi includono:

  • sarcoma dei tessuti molli
  • tumori metaplastici
  • tumore dei fillodi

Il cancro al seno in stadio iniziale non sempre causa sintomi, ma i sintomi possono includere:

  • un nodulo duro e sodo che non puoi spostare facilmente con le dita
  • un nodulo che non cambia con il tuo ciclo
  • modifiche alle dimensioni e alla forma del seno o del capezzolo

Le differenze tra una cisti al seno e un tumore

Se hai un nodulo al seno, è importante che un medico faccia la diagnosi il prima possibile. Sebbene ci siano alcune differenze rivelatrici tra una cisti e un tumore, queste differenze possono essere sottili. Inoltre, ci sono sempre eccezioni a queste norme.

Probabili caratteristiche di una cisti al seno

  • dolore
  • si sente morbido e liscio
  • può essere facilmente spostato all’interno del tessuto mammario
  • cambia con il ciclo mestruale

Probabili caratteristiche del tumore al seno

  • nessun dolore
  • si sente duro e fermo
  • non può essere facilmente spostato all’interno del tessuto mammario
  • non cambia con il ciclo mestruale
Healthline

Come vengono diagnosticate e trattate le cisti al seno?

Un esame fisico può dare al tuo medico un’idea generale se hai a che fare con una cisti o un tumore.

Il passaggio successivo è solitamente un test ecografico.

Se le onde sonore passano attraverso il nodulo, significa che è pieno di liquido ed è una semplice cisti. Se le onde sonore echeggiano, significa che c’è almeno un po ‘di materia solida e saranno necessari ulteriori test per raggiungere una diagnosi.

Se l’ecografia mostra una cisti complessa o complicata, i passaggi successivi possono includere:

  • una mammografia o una risonanza magnetica per ottenere una visione migliore dell’intero seno
  • aspirazione o drenaggio della cisti con un ago sottile per vedere se il fluido contiene sangue o cellule insolite.
  • una biopsia per determinare se le aree solide sono cancerose o benigne

In circa 1,6 milioni di biopsie mammarie all’anno negli Stati Uniti, il 75% è benigno.

Una semplice cisti non è motivo di preoccupazione e non deve necessariamente essere trattata. Il medico può suggerire un approccio “aspetta e vedi” perché le cisti a volte vanno via da sole.

Per le cisti che continuano a causare disagio, il medico può drenare la cisti o rimuoverla chirurgicamente.

Esiste un legame tra cisti al seno e cancro?

Secondo l’American Cancer Society, le cisti semplici non aumentano il rischio di sviluppare il cancro al seno, anche se c’è una piccola possibilità che le cisti complesse possano farlo.

Uno studio del 2019 ha rilevato che il 30% dei casi di cancro al seno riguardava persone con una storia di malattia mammaria benigna.

Se sei preoccupato per il rischio di cancro al seno o hai una storia familiare di malattia al seno, parla con il tuo medico di come e quando dovresti essere sottoposto a screening e se ci sono altre precauzioni da prendere.

A quali cambiamenti del seno dovresti prestare attenzione?

Il cancro al seno allo stadio iniziale di solito non causa sintomi, ma ecco alcuni segnali di allarme:

  • un nodulo al seno
  • gonfiore, arrossamento o indolenzimento del seno
  • pelle del seno con fossette, desquamazione o ispessita
  • inversione o secrezione del capezzolo
  • ingrossamento dei linfonodi sotto il braccio o intorno alla clavicola

Avere alcuni di questi sintomi non significa che hai un cancro al seno. Ma significa che dovresti contattare il tuo medico. Il cancro al seno è più facile da trattare nelle prime fasi, prima che abbia la possibilità di diffondersi ad altre parti del corpo.

Come fare un autoesame del seno

L’esecuzione di un autoesame del seno ti aiuterà a familiarizzare con ciò che è normale per il tuo seno. Ciò può rendere più facile notare eventuali modifiche che potrebbero verificarsi in seguito. Se hai le mestruazioni, il momento migliore per un autoesame è qualche giorno dopo la fine del ciclo.

Segui questi passaggi quando esegui un autoesame:

  • Stai nudo davanti a uno specchio. Tieni le spalle dritte con le braccia lungo i fianchi. Cerca cambiamenti nelle dimensioni, nella forma o nel colore del tuo seno. Cerca anche gonfiore e cambiamenti dei capezzoli, inclusa la secrezione.
  • Ripeti con le braccia alzate.
  • Quindi, sdraiati e solleva il braccio destro sopra la testa.
  • Usa la mano sinistra per controllare il seno destro. Usa i polpastrelli delle dita, tenendo le dita piatte e premute insieme. Con un tocco deciso e un piccolo movimento circolare, senti le anomalie nel tuo seno, iniziando dal capezzolo e procedendo a spirale verso l’esterno.
  • Continua a esaminare l’intero seno, dalla clavicola alla parte superiore dell’addome e dal centro del torace all’ascella. Prova a seguire uno schema in modo da coprire tutto il seno. Prima di finire, stringi delicatamente il capezzolo per verificare la presenza di eventuali perdite.
  • Infine, alzati o siediti, solleva il braccio destro sopra la testa e massaggia il seno in modo simile ai passaggi precedenti. Farlo sotto la doccia quando la tua pelle è bagnata può rendere più facile sentire il tuo seno.
  • Una volta che hai finito con un seno, cambia lato e ripeti. Prova a fare un autoesame una volta al mese, più o meno alla stessa ora ogni mese.

Importante

Se noti qualcosa di insolito, chiama il medico. Un esame del seno non sostituisce le cure mediche di routine e lo screening del cancro al seno.

Quando vedere un dottore

Rivolgiti al medico se senti un nodulo inspiegabile al seno o noti altri cambiamenti, come:

  • modifiche alla pelle del seno
  • rigonfiamento
  • scarico
  • inversione del capezzolo

Durante la visita, chiedi informazioni sui tuoi fattori di rischio e sul programma di screening consigliato.

La linea di fondo

Un nodulo al seno potrebbe essere una cisti o un tumore. Ci sono alcune caratteristiche da cercare, inclusi i sintomi che cambiano durante il ciclo, che potrebbero indicare l’una o l’altra.

Le cisti al seno sono sacche piene di liquido. Sono abbastanza comuni, soprattutto per le persone sulla quarantina a cui è stata assegnata una femmina alla nascita.

La maggior parte delle volte le cisti al seno si rivelano benigne e non necessitano di cure. Un tumore può essere canceroso o non canceroso e di solito richiede un trattamento.

Può essere difficile distinguere una cisti da un tumore semplicemente sentendolo o prendendo in considerazione altri fattori. Se senti un nodulo di qualsiasi tipo al seno, è importante consultare il medico per una corretta diagnosi il prima possibile.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here