Qual è la differenza tra la modalità di navigazione in incognito e una VPN?

0
3

Una silhouette di un individuo davanti al fumo blu su uno sfondo scuro.
WeAre/Shutterstock.com

Le VPN e la modalità di navigazione in incognito sono due degli strumenti più popolari per la privacy online. Una VPN ti rende più difficile da tracciare durante la navigazione, mentre la modalità di navigazione in incognito ti offre un nuovo browser che non ricorda la tua cronologia e non ti farà accedere ai siti Web durante la navigazione sulla VPN.

Che cos’è la modalità di navigazione in incognito?

La navigazione privata ha molti nomi, tra cui InPrivate in Microsoft Edge e Modalità di navigazione in incognito in Google Chrome. Il suo scopo è quello di dare al tuo browser un’amnesia temporanea. Ogni volta che sei in modalità di navigazione in incognito, il browser non memorizzerà i dati dei siti che hai visitato: nessun indirizzo, nessun cookie, nessuno dei dati che hai inserito, niente.

La modalità di navigazione in incognito ti offre anche un nuovo stato del browser senza cookie. Quindi, se hai effettuato l’accesso a Facebook nella normale finestra del browser, puoi aprire una finestra della modalità di navigazione in incognito e Facebook non ti vedrà come connesso mentre navighi con quella finestra.

Quando navighi in modalità di navigazione in incognito, nulla di ciò che fai nel browser verrà ricordato dal browser stesso. Le pagine web che visiti non appariranno nella tua cronologia o non verranno visualizzate nella scheda “visitate di recente”. Se accedi a un sito Web, tutto ciò che devi fare è chiudere la finestra e il tuo browser dimenticherà di aver mai effettuato l’accesso.

Annuncio pubblicitario

Tuttavia, questo è tutto ciò che la navigazione privata può fare e il tuo browser di solito te lo dirà quando entri in modalità privata.

Sebbene nessuno dei tuoi dati di navigazione sia memorizzato sul tuo computer, ciò non significa che sia stato cancellato dall’altra parte. I siti web che visiti possono ancora vedere il tuo indirizzo IP, il tuo provider di servizi Internet può ancora vedere la tua attività e gli amministratori di sistema sul tuo posto di lavoro sapranno ancora cosa stavi facendo quando avresti dovuto lavorare. La navigazione in incognito e altre modalità di navigazione privata non ti renderanno anonimo online.

schermata di navigazione in incognito cromata

RELAZIONATO: La modalità privata o di navigazione in incognito rende anonima la navigazione sul Web?

Che cos’è una VPN?

È qui che entrano in gioco le VPN. Quando ti connetti a una VPN, questa si connetterà a Internet utilizzando un server privato, facendo sembrare che quel server stia accedendo a un sito Web anziché a te. In altre parole, i siti Web a cui accedi non vedranno il tuo vero indirizzo IP. Vedranno l’indirizzo IP della VPN.

Ciò migliora la tua privacy generale durante la navigazione, con il vantaggio aggiuntivo che puoi falsificare la tua posizione in qualsiasi parte del mondo in cui la tua VPN ha server. I siti web ti vedranno mentre navighi dalla regione del server VPN piuttosto che dalla tua posizione fisica. Ciò ti consente di eludere le restrizioni regionali su, ad esempio, Netflix o di utilizzare l’online banking durante le vacanze. È anche un ottimo modo per aggirare la censura online e il monitoraggio nei paesi repressivi.

Tutto ciò rende le VPN popolari tra una vasta gamma di utenti, comprese le persone normali che amano la loro privacy, gli attivisti per i diritti umani che vivono sotto regimi repressivi e le persone che usano BitTorrent per scaricare gli ultimi film.

RELAZIONATO: Che cos’è una VPN e perché dovrei averne bisogno?

Le lacune nella sicurezza VPN

Una VPN funziona instradandoti attraverso una connessione crittografata chiamata tunnel sicuro. Il tuo ISP o un amministratore di rete può vedere che ti stai connettendo a un server esterno, la VPN, ma non a quali siti web sei connesso oltre a quello. Questa parte del processo funziona come un incantesimo, poiché i tunnel generalmente utilizzano la crittografia end-to-end.

Tuttavia, l’utilizzo di una VPN non garantisce il completo anonimato. Mentre la tua connessione è nascosta, se rimani connesso ai tuoi social media o account Google, possono comunque rintracciarti. In altre parole: se accedi a Google, ti connetti a una VPN e poi continui a utilizzare il normale browser in cui hai eseguito l’accesso a Google, ovviamente Google sa ancora chi sei. I cookie del browser salvati nel tuo browser possono anche essere utilizzati per tracciarti. (La modalità di navigazione in incognito ti offre uno stato del browser pulito, evitando questi problemi.)

Annuncio pubblicitario

Ecco l’elefante nella stanza: il servizio VPN che stai utilizzando può vedere ogni singola cosa che stai facendo mentre è attivo.

In un certo senso, stai scambiando il monitoraggio del tuo ISP o del tuo capo con il monitoraggio della tua VPN. Tuttavia, come parte del loro pacchetto, la maggior parte delle VPN promette di eliminare regolarmente i propri registri, la cronologia delle connessioni effettuate da qualsiasi utente. Questo è generalmente pubblicizzato come una politica di “no-log” e, sulla carta, significa che la VPN non ha traccia di te o delle tue azioni. Ciò significa che non può condividere tali informazioni con il tuo ISP, gli inserzionisti, le forze dell’ordine o chiunque altro possa voler sapere cosa hai combinato.

In pratica, però, non tutte le VPN sono uguali in questo senso. Ad esempio, nel 2017, PureVPN è stata in grado di aiutare l’FBI a catturare un cyberstalker perché, sebbene non registrasse l’attività degli utenti, registrava gli indirizzi IP degli utenti (da allora ha cambiato questa politica). Le VPN sono un po’ una scatola nera, così come le aziende dietro di esse, il che può rendere difficile capire quale VPN scegliere. In generale, consigliamo alle persone di leggere l’informativa sulla privacy e di controllare un po’ il servizio prima di registrarsi.

Stai riponendo molta fiducia in qualunque VPN tu scelga, quindi fai prima la tua ricerca.

Come utilizzare una VPN e la navigazione privata insieme

Sebbene le VPN e la modalità di navigazione in incognito potrebbero non condividere alcuna funzionalità, funzionano molto bene insieme. Molte delle lacune nella sicurezza VPN possono essere colmate utilizzando la modalità di navigazione in incognito, mentre le carenze di Incognito sono coperte dalle VPN. Usarli in tandem significa che stai rendendo più difficile per terze parti rintracciarti e allo stesso tempo proteggere la tua privacy da chiunque condivida il tuo computer.

Ad esempio, in una finestra di navigazione privata, non effettuerai l’accesso ai tuoi account Google o Facebook e verranno eliminati anche tutti i cookie che hai raccolto durante la navigazione.

Annuncio pubblicitario

Allo stesso tempo, i siti Web a cui ti connetti non possono vedere il tuo vero indirizzo IP e il tuo provider di servizi Internet non può vedere a quali siti ti stai connettendo.

Ciò ti consente di navigare in relativo anonimato, anche se ti fidi ancora del provider VPN.

Sebbene né le VPN né la modalità di navigazione in incognito possano garantire una privacy completa, usarle insieme ti avvicina molto di più che usarne una.


Se stai cercando una VPN, ti consigliamo ExpressVPN. È la nostra prima scelta qui su How-To Geek e molti di noi lo usano da anni. ExpressVPN è un’azienda stabile che esiste da molto tempo e innova persino con nuove funzionalità come Lightway, un protocollo VPN di prossima generazione che sarà open-source.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here