Putin è pronto per i colloqui sull’Ucraina, ma alle sue condizioni

0
11

La sua intervista con Tucker Carlson rivela come immagina i negoziati e la pace.

Il presidente russo Vladimir Putin parla durante un'intervista con l'ospite televisivo statunitense Tucker Carlson a Mosca, Russia, il 6 febbraio 2024. Sputnik/Gavriil Grigorov/Kremlin via REUTERS ATTENZIONE REDATTORI - QUESTA IMMAGINE È STATA FORNITA DA TERZE PARTI.
Il presidente russo Vladimir Putin parla durante un’intervista con il conduttore televisivo statunitense Tucker Carlson a Mosca il 6 febbraio 2024 [Sputnik/Gavriil Grigorov/Kremlin via Reuters]

L’8 febbraio, il conduttore televisivo americano Tucker Carlson ha rilasciato un’intervista di due ore con il presidente russo Vladimir Putin. Questo è stato il primo incontro del leader russo con un giornalista occidentale dall’inizio dell’invasione russa su vasta scala dell’Ucraina nel febbraio 2022.

L’intervista è stata accolta con molte prese in giro in Occidente, in gran parte concentrata sulla prima parte, in cui Putin ha suggerito di parlare della storia russo-ucraina per 30 secondi e poi ha continuato a vantarsi dei principi medievali e degli imperi estinti da tempo. una buona mezz’ora.

Alcune delle sue affermazioni erano assolutamente scioccanti, come il suo suggerimento che la Polonia avesse accelerato la Seconda Guerra Mondiale non riuscendo a soddisfare le richieste di Hitler. Altri riflettevano una visione della storia associata alla mitologia nazionalista russa, che non è certo peggiore della mitologia nazionalista dell’Ucraina – quella che i sostenitori occidentali dell’Ucraina tendono a far passare come la storia legittima del paese.

Sebbene l’intervista abbia fornito molto cibo per il ridicolo occidentale, conteneva anche alcuni messaggi importanti che gli osservatori occidentali hanno ignorato nel loro persistente rifiuto della prospettiva, molto probabile che Putin mettesse fine alla guerra in Ucraina alle sue condizioni.

Durante la sua conversazione con Carlson, il leader russo sembrava incanalare la sensazione di essere costantemente ingannato dall’Occidente e dimostrare la ferma determinazione a non farsi ingannare mai più.

Il presidente russo ha parlato dell’invito dell’Ucraina ad aderire alla NATO, lanciato al vertice di Bucarest nel 2008. All’epoca si sapeva che Germania e Francia erano contrarie e solo una piccola minoranza di ucraini sosteneva l’idea. Secondo Putin, il presidente americano George W. Bush ha fatto approvare la decisione che ha innescato una catena di eventi che alla fine hanno portato al conflitto in Ucraina.

Ha detto a Carlson che all’epoca gli era stato ripetutamente assicurato dai suoi omologhi tedeschi e francesi che l’Ucraina non avrebbe realmente aderito alla NATO, ma non aveva motivo di credere a queste assicurazioni. Se gli Stati Uniti fossero riusciti a spingerli ad accettare l’invito per l’Ucraina, non c’era alcuna garanzia che non lo avrebbero fatto di nuovo per far entrare il paese nella NATO, ha detto.

Più avanti nell’intervista, Putin ha menzionato l’accordo del febbraio 2014 tra il governo ucraino e l’opposizione. Mediato da Francia, Germania e Polonia, avrebbe dovuto porre fine alle violenze nel momento più drammatico della rivoluzione Maidan a Kiev. Putin ha detto che invece di rispettarlo, l’opposizione ha rovesciato il governo di Viktor Yanukovich, dopo di che – ha sostenuto – i garanti occidentali hanno gettato l’accordo “nella fornace”.

Verso la fine della sua lezione di storia, ha accennato ai colloqui di Istanbul del marzo 2022, che avrebbero potuto porre fine all’attuale guerra in Ucraina. Ha affermato di aver rimosso le truppe dai dintorni di Kiev su insistenza dei leader occidentali per facilitare i colloqui, dopodiché gli ucraini hanno abbandonato gli accordi per volere dell’Occidente, vale a dire il primo ministro britannico Boris Johnson.

L’affermazione che il ritiro fosse intenzionale è difficilmente plausibile poiché le forze russe nel nord dell’Ucraina erano estremamente tese e subivano pesanti perdite a causa delle tattiche di guerriglia dell’esercito ucraino. Probabilmente avrebbero dovuto essere comunque ritirati. Ma la sensazione di essere stato ingannato era ancora una volta molto presente e dovrebbe informarci sulle sue ulteriori azioni.

Putin sembra vedere la storia del suo rapporto con i leader occidentali e ucraini come un susseguirsi di insulti e tradimenti, ai quali ha risposto con la sua tipica maniera pesante: non occhio per occhio, ma una punizione che cresce esponenzialmente ogni volta che il L’ l’avversario mostra una percepita intransigenza. Eppure la sua politica, almeno dal suo punto di vista, è sempre stata reattiva, non proattiva.

Che fosse in buona o malafede, il messaggio che stava cercando di trasmettere nell’intervista è che in ogni momento cruciale della storia, l’Ucraina ha potuto scegliere di risparmiarsi tutti gli ulteriori problemi e che ha ancora questa scelta adesso. È pronto per i colloqui. Più volte nell’intervista ha ridicolizzato il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy per aver vietato di parlare con Putin con un decreto presidenziale. Ha esortato la sua controparte ucraina ad annullare tale decisione.

L’obiettivo finale di Putin sembra essere quello di ottenere un accordo sulla falsariga di quanto provvisoriamente raggiunto a Istanbul, ma questa volta con tutti i territori che la Russia ha occupato e formalmente annesso dopo che questi colloqui sono falliti. La minaccia implicita è che l’Ucraina perderà ancora più territorio – per non parlare di vite umane e infrastrutture – se dovrebbe continuare a essere ostinata.

Ciò che Putin sta cercando di ottenere è costringere l’Occidente ad affrontare il suo dilemma morale, che si riduce ai costi e ai benefici della resistenza alla sua aggressione. Il continuo sostegno allo sforzo militare dell’Ucraina costerà migliaia di vite e devasterà ulteriormente l’Ucraina, mentre il successo difficilmente è garantito.

Per come stanno le cose, la posta in gioco non sembra essere a favore di Kiev: le truppe russe avanzano lungo tutta la linea del fronte e l’aiuto militare americano all’Ucraina è in pericolo a causa della resistenza dei repubblicani.

Ma tornare al quadro di Istanbul significa una chiara sconfitta sia per l’Ucraina che per l’Occidente, non importa quanto tutti gli spin-doctor e gli allevamenti di troll cercheranno di inquadrarla come una vittoria.

Più di chiunque altro, saranno gli ucraini a chiedersi a cosa sia servito tutto questo enorme sacrificio quando sarà stato possibile firmare un accordo a Istanbul nel marzo 2022 o attuare gli accordi di Minsk, che Zelenskyj ha iniziato liquidato come “insulsi”. giorni prima che Putin ordinasse alle sue truppe di marciare sull’Ucraina.

Se la situazione non cambia miracolosamente, per il momento l’Ucraina sembra molto lontana da ciò che era previsto a Minsk o Istanbul e sta scivolando sempre più verso la miseria. La presa in giro dell’intervista di Putin continuerà, ovviamente, in un’ermetica camera di risonanza che da tempo si è separata dalla realtà.

Le opinioni espresse in questo articolo appartengono all’autore e non riflettono necessariamente la posizione editoriale di Al Jazeera.

Il post Putin è pronto per i colloqui sull’Ucraina, ma alle sue condizioni è apparso per la prima volta su su oggi.