Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Puoi ancora fare sesso se vivi con l’HIV: ecco come

Puoi ancora fare sesso se vivi con l’HIV: ecco come

0
3

strana coppia in piedi faccia a faccia, in procinto di baciarsi
Westend61 / Immagini offset

Qual è la risposta breve?

Puoi assolutamente fare sesso se vivi con l’HIV o se sei interessato ad avere una relazione sessuale con qualcuno che ha ricevuto una diagnosi di HIV.

Devi solo prendere alcune precauzioni per prevenire la trasmissione.

Ecco cosa devi sapere.

Importa se hai iniziato il trattamento?

No.

Ricevere un trattamento gioca sicuramente un ruolo importante nel ridurre il rischio, ma puoi comunque dedicarti all’attività sessuale, anche se non hai iniziato il trattamento.

Devi aspettare che la tua carica virale non sia rilevabile?

Non ancora.

Sebbene avere un HIV non rilevabile possa aiutare ad alleviare qualsiasi preoccupazione, non è necessario rinunciare completamente all’attività sessuale in attesa che il trattamento abbia effetto.

Finché prendi precauzioni ed entrambe le parti si sentono a loro agio, cioè.

Quanto tempo ci vuole perché l’HIV diventi non rilevabile?

La maggior parte delle persone che convivono con l’HIV raggiunge una carica virale non rilevabile entro 1 a 6 mesi di iniziare il trattamento con la terapia antiretrovirale (ART) quando assunto come prescritto.

Sei mesi possono sembrare una vita intera quando desideri un po ‘di amore. Ci sono molti modi a basso rischio e davvero piacevoli con cui puoi uscire con un partner o da solo per trattenerti nel frattempo.

Toccare, baciare e fare sesso orale comportano un rischio minimo o nullo di trasmissione dell’HIV. Ecco alcune idee per aiutarti a ottenere la tua correzione:

  • Make-out sesh. L’HIV non si trasmette attraverso la saliva, quindi perché non godersi una sessione di chiacchiere calde e pesanti? È un ottimo modo per aumentare l’intimità e amare gli ormoni.
  • Gioco erogene. Esplora, scopri e conquista i reciproci punti di piacere in modo sicuro con il gioco erogeno. A proposito, ci sono molti più di questi punti oltre ai soliti sospetti – e alcuni di loro hanno il potere di portare all’orgasmo quando vengono toccati nel modo giusto.
  • Masturbazione. Sia che tu voglia goderti un po ‘di gioco da solo o provare la masturbazione reciproca, è destinato ad essere un buon momento. Getta un sex toy nel mix per portarlo a un altro livello. Assicurati solo di disinfettare i giocattoli prima e dopo la condivisione.
  • Gobba secca. Fintanto che mantieni le cose asciutte ed eviti materiali, bottoni o cerniere graffianti o strappati, l’humping asciutto è un modo sicuro per scendere con un partner, un cuscino o il tuo peluche preferito. Mi scuso in anticipo con orsacchiotti ovunque.
  • Sesso orale. Il rischio di HIV dal dare o ricevere per via orale è trascurabile. Questo vale per pompini, cunnilingus e rimming. Detto questo, è possibile contrarre altre malattie sessualmente trasmissibili dal sesso orale. Se vuoi leccarti, usa una barriera.
  • Diteggiatura e fisting. Usa molto lubrificante e fallo, a patto che la persona che fa la diteggiatura o il fisting rimuova eventuali anelli e tenga le unghie tagliate per evitare tagli e graffi. Anche i preservativi per le dita e i guanti in lattice possono essere usati come barriera.
  • Sport acquatici. L’urina non trasporta l’HIV, quindi non ci sono rischi legati agli sport acquatici o al “gioco con la pipì”.

Come lo porti a un potenziale partner?

Parlare dello stato di HIV e del sesso con un potenziale partner può intimidire, perché non puoi prevedere come reagirà qualcuno.

Anche se hanno una certa conoscenza dell’HIV e del sesso sicuro, potrebbero comunque essere preoccupati di fare sesso con qualcuno che convive con l’HIV.

Ecco alcune cose che potrebbero aiutare a rendere più facile la conversazione:

  • Scegli un momento e un luogo per parlare in cui puoi prenderti il ​​tuo tempo senza essere interrotto.
  • Preparati con le informazioni sui trattamenti per l’HIV e sui metodi di prevenzione, in modo da poter rispondere alle domande e indirizzarle alle risorse.
  • Parla con loro di U = U (non rilevabile equivale a non trasmissibile) e delle precauzioni che puoi prendere per proteggere la loro salute durante il sesso.
  • Condividi ciò che stai facendo per rimanere in buona salute, come aderire al trattamento e visitare regolarmente con il tuo medico.
  • Sii disponibile ad ascoltare ciò che hanno da dire e dai loro il tempo di elaborare le informazioni.
  • Preparati alla possibilità che reagiscano negativamente o non vogliano andare avanti e cerca di non prenderla sul personale. La loro reazione è tutta loro.

Quali precauzioni potete prendere tu e il tuo partner sessuale?

Ci sono diverse precauzioni che tu e il tuo partner potete prendere per evitare di contrarre o trasmettere l’HIV attraverso l’attività sessuale.

Usa il preservativo e altri metodi di barriera

I metodi di barriera, come i preservativi e le dighe, forniscono una barriera. Questo può aiutare a prevenire il contatto con i fluidi corporei durante il sesso con qualcuno che convive con l’HIV.

Se usate correttamente, le barriere possono impedire la trasmissione dell’HIV e di altre malattie sessualmente trasmissibili.

L’uso di una quantità sufficiente di lubrificante può anche aiutare a ridurre il rischio di HIV, per non parlare del fatto che il sesso è molto migliore.

Il lubrificante rende il sesso più sicuro aiutando con secchezza e attrito, che riduce il rischio di lacrime che possono consentire al virus di entrare nel flusso sanguigno. Può anche ridurre la possibilità di rottura del preservativo.

Assicurati di utilizzare lubrificanti a base d’acqua, poiché i lubrificanti contenenti olio indeboliscono il lattice e possono provocare lo strappo del preservativo.

Rimani aggiornato sui farmaci, inclusi ART, PrEP e PEP

Sono disponibili alcuni farmaci che possono aiutare a prevenire la trasmissione dell’HIV:

  • ARTE. Una persona che convive con l’HIV può assumere farmaci noti come ART per aiutarli a rimanere in buona salute e prevenire la trasmissione dell’HIV. La maggior parte delle persone che lo prendono come prescritto possono abbassare la loro carica virale a un livello non rilevabile.
  • PrEP. Abbreviazione di profilassi pre-esposizione, PrEP è un farmaco che chi è HIV negativo può assumere per ridurre il rischio di contrarre l’HIV fino a 99 percento.
  • PEP. La profilassi post-esposizione, o PEP, è un regime farmacologico che può aiutare a ridurre il rischio di HIV dopo una possibile esposizione se iniziata entro 72 ore.

Sottoponiti a esami regolari per le malattie sessualmente trasmissibili

È importante per te e per i tuoi partner sottoporsi a test regolari per le malattie sessualmente trasmissibili. La diagnosi precoce e il trattamento delle IST possono ridurre il rischio di complicanze.

Avere una STI può aumentare il rischio per contrarre l’HIV.

Sii consapevole dei potenziali sintomi dell’HIV e di altre malattie sessualmente trasmissibili

Essere al corrente dei potenziali sintomi delle IST è importante per chiunque sia sessualmente attivo.

Rivolgiti a un operatore sanitario se nota uno di questi:

  • scarico insolito dall’ano, dal pene o dalla vagina
  • sanguinamento vaginale insolito, come sanguinamento dopo il sesso o tra i periodi
  • bruciore o dolore durante la pipì
  • necessità frequente o urgente di fare pipì
  • piaghe, protuberanze o vesciche su o intorno ai genitali o all’ano
  • eruzione cutanea su o intorno ai genitali o all’ano
  • prurito genitale

Alcune attività sono più a rischio?

Sì. Il sesso con pene nell’ano e pene in vagina sono attività a più alto rischio.

Il sesso pene nell’ano è il tipo di sesso più rischioso per contrarre o trasmettere l’HIV. Il rischio è maggiore per il partner ricettivo, a volte indicato come il “fondo”.

Questo perché il rivestimento del retto è molto sottile. Piccole abrasioni danno ai fluidi corporei infetti un accesso diretto al flusso sanguigno.

Il rischio è leggermente inferiore per il partner insertivo, o “top”, sebbene possano ancora contrarre l’HIV. Il virus può entrare nel corpo attraverso l’uretra, il prepuzio (se non sono circoncisi) o qualsiasi ferita aperta o piccolo graffio sul pene.

Il sesso con pene in vagina non è rischioso come l’anale, ma è comunque un rischio più elevato. La maggior parte delle persone che hanno la vagina che contraggono l’HIV lo fanno sesso con pene nella vagina.

Una persona con una vagina può contrarre l’HIV da rapporti sessuali non protetti quando il virus entra nel corpo attraverso le membrane mucose che rivestono la vagina e la cervice.

Il partner con il pene lo contrae dal sangue o dal liquido vaginale che entra nel corpo attraverso l’uretra, il prepuzio o piccoli tagli o ferite aperte sul pene.

È possibile contrarre una diversa forma di HIV?

Sì, ma il rischio è Basso.

Esistono due tipi principali di HIV:

  • HIV-1, che è il file più comune tipo, rappresenta circa il 99 percento di tutte le contrazioni negli Stati Uniti.
  • L’HIV-2 lo è raro, meno trasmissibili e concentrati principalmente nell’Africa occidentale.

E se una di voi rimane incinta? È possibile la trasmissione perinatale?

È possibile, ma il trattamento può ridurre il rischio di trasmettere l’HIV al bambino a meno di 1 percento.

Ciò implica che la madre con HIV assume ART come prescritto per tutta la gravidanza e il parto, oltre a somministrare al bambino la medicina per l’HIV per 4-6 settimane dopo la nascita.

C’è qualcosa che puoi fare per prevenire altre forme di trasmissione?

Assolutamente!

Evita di condividere apparecchiature per l’iniezione di droghe, come aghi e siringhe, che possono esporre qualcuno a sangue infetto da HIV.

Tieni sotto controllo l’assunzione di alcol o l’uso di droghe. Se necessario, prendere in considerazione la possibilità di cercare aiuto per l’uso di sostanze, che è collegato a un rischio più elevato di HIV e altre malattie sessualmente trasmissibili.

Quando dovresti parlare con un medico o un operatore sanitario?

Non esitare a contattare il tuo medico o un altro operatore sanitario se tu o il tuo partner avete dubbi.

Un professionista sanitario può aiutarti con:

  • Test HIV e IST
  • farmaci per il trattamento e la prevenzione
  • per quanto riguarda i sintomi
  • rinvio alla consulenza
  • rinvii a professionisti della salute mentale
  • rinvio a cliniche di pianificazione familiare o professionisti con esperienza nell’HIV

La linea di fondo

L’attività sessuale non deve essere esclusa dal tavolo perché vivi con l’HIV.

Ci sono molti atti a basso rischio che sono ad alto piacere in cui puoi impegnarti. Ci sono anche diverse precauzioni che puoi prendere per evitare di contrarre o trasmettere l’HIV, anche se vai a pelo.


Adrienne Santos-Longhurst è una scrittrice e autrice freelance con sede in Canada che ha scritto ampiamente su tutto ciò che riguarda la salute e lo stile di vita per più di un decennio. Quando non è rintanata nel suo capanno di scrittura alla ricerca di un articolo o fuori da interviste a professionisti della salute, può essere trovata a giocare per la sua città sulla spiaggia con marito e cani al seguito o sguazzare per il lago cercando di padroneggiare lo stand-up paddle board.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here