Poteri stranieri per spingere i rivali libici per tregua a Berlino

0
78

BERLINO / TRIPOLI – La Germania e le Nazioni Unite spingeranno i campi libici rivali e i loro sostenitori stranieri a combattere sulla capitale per concordare domenica una tregua e un meccanismo di monitoraggio come hanno detto i primi passi verso la pace, hanno detto i diplomatici e un progetto di comunicato.

Ma l'incontro a Berlino nella sede del cancelliere Angela Merkel non cercherà di mediare la condivisione del potere tra le forze con base a est e il governo internazionalmente riconosciuto a Tripoli, hanno detto i diplomatici informati sui preparativi.

Il summit metterà sotto pressione Khalifa Haftar e il suo esercito nazionale libico orientale (LNA) affinché fermino un'offensiva di nove mesi contro il governo di Fayez al-Serraj nella capitale costiera dopo una pausa di una settimana di combattimenti.

Circa 140.000 persone sono state costrette a lasciare le loro case.

"Spero che la guerra finisca e che il nostro paese torni a vivere in pace", ha detto Aisha Ali Saleh, madre di otto figli in un appartamento in un cantiere abbandonato senza elettricità né acqua corrente.

Haftar e Serraj sono entrambi dovuti a Berlino – insieme ai leader di Russia, Turchia, Egitto e altre potenze occidentali e arabe – nell'ultimo tentativo di stabilizzare la nazione membro dell'OPEC in subbuglio dopo la caduta del 2011 del forte Muammar Gheddafi.

I membri dell'alleanza transatlantica NATO e dei paesi arabi furono determinanti nella rimozione di Gheddafi in quel momento, e le potenze straniere sono state di nuovo i motori delle conseguenze, fornendo droni, armi e munizioni alle fazioni.

Haftar è sostenuto dagli Emirati Arabi Uniti (Emirati Arabi Uniti), dall'Egitto, dalla Giordania, dai combattenti sudanesi e ciadiani e, più recentemente, dai mercenari russi. Anche la Francia ha fornito sostegno.

Dall'altro lato, la Turchia si è precipitata in soccorso di Serraj inviando truppe per bilanciare i recenti guadagni dei cecchini russi. Centinaia di combattenti a favore della Turchia dalla guerra siriana sono stati anche schierati, dicono i diplomatici.

"Berlino è un'opportunità per riavviare il processo politico e basarsi sulla pausa dei combattimenti", ha detto un diplomatico occidentale.

Un progetto di sei pagine pubblicato da Reuters richiede "passi credibili, verificabili, sequenziati e reciproci" a partire da una tregua che deve essere monitorata dai comitati tecnici.

Ciò potrebbe comportare il rafforzamento dell'esistente missione delle Nazioni Unite in Libia o il dispiegamento di truppe dalla Russia, dalla Turchia o da altri stati, hanno detto i diplomatici. Il progetto menzionava vagamente piani a lungo ritardati per le elezioni e un governo nazionale, senza alcuna tempistica, chiedendo semplicemente incontri di follow-up guidati dalle Nazioni Unite.

Le persone vengono viste in Piazza dei Martiri a Tripoli, in Libia, il 16 gennaio 2020. REUTERS / Ismail Zitouny

MIGRANTI E MILITANTI

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha esortato Haftar e Serraj a riunirsi a Berlino senza aggiungere condizioni e incolparsi successivamente. "Le relazioni tra loro sono attualmente molto tese, non vogliono nemmeno stare nella stessa stanza insieme", ha detto ai giornalisti venerdì.

Il ministro degli Esteri greco Nikos Dendias ha incontrato Haftar venerdì e lo ha invitato ad adottare uno "spirito costruttivo" a Berlino. Atene, che si oppone a un recente patto Turchia-Libia sui confini del Mar Mediterraneo, aveva voluto partecipare al vertice.

Il caos in Libia ha reso un hub per i trafficanti di esseri umani la spedizione di migranti in Italia, mentre anche i militanti islamisti hanno sfruttato il disordine. L'ultimo conflitto non ha tuttavia interrotto la produzione di petrolio a circa 1,2 milioni di barili al giorno.

Nel complesso gioco di potere esterno, non vi era alcuna indicazione che l'Egitto e gli Emirati Arabi Uniti, che vedono l'ex generale di Gheddafi Haftar come la migliore scommessa per la stabilità, mettessero fine al loro sostegno.

Ma i diplomatici occidentali sperano di aver capito che Haftar non può prendere Tripoli e che una situazione di stallo darebbe alla Turchia un punto d'appoggio, che il Cairo teme in particolare. I legami Turchia-Egitto sono stati gelidi dall'esercito egiziano nel 2013 estromesso dal presidente dei Fratelli Musulmani Mohammed Mursi, alleato del presidente turco Tayyip Erdogan.

"Più dura la guerra, più forte è la presenza turca in Libia", ha detto il diplomatico.

Anche se Haftar violasse le difese di Tripoli, avrebbe comunque dovuto conquistare Misrata, un centro di potere nella Libia occidentale alleato di Serraj e sede di migliaia di combattenti.

Alcuni mercenari russi sono stati ritirati nelle ultime settimane dal fronte di Tripoli, minando i recenti progressi delle forze di Haftar mentre la Russia lo spinge per un cessate il fuoco.

Le persone sfollate dal conflitto vivono in scuole ed edifici angusti, con alcuni che si sono recentemente avvicinati alla città mentre le forze di Haftar avanzavano.

Il marito di Saleh è morto per un attacco di cuore ad aprile quando è iniziata la guerra, tagliando la sua pensione statale di 450 dinari ($ 322,53).

"Mio figlio di 17 anni dorme di notte nella nostra macchina in modo che possa darci abbastanza spazio", ha detto, coprendosi il viso mentre piangeva.

Il vicino di casa di Saleh, 36 anni, padre di cinque figli Mohamed Siddiq, era ottimista. "La nostra speranza è molto, molto grande (che la conferenza di Berlino) annuncerà un cessate il fuoco".

($ 1 = 1,3952 dinari libici)