Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Pietre del condotto salivare

Pietre del condotto salivare

0
2

Includiamo prodotti che riteniamo utili per i nostri lettori. Se acquisti tramite link in questa pagina, potremmo guadagnare una piccola commissione. Ecco il nostro processo.

Cosa sono i calcoli del dotto salivare?

Le pietre del dotto salivare sono masse di minerali cristallizzati che si formano nei tubi attraverso i quali passa la saliva dopo che è stata prodotta nelle ghiandole salivari. La condizione è anche nota come sialolitiasi. La pietra è spesso indicata come calcolo del dotto salivare e si verifica principalmente negli adulti di mezza età. È la causa più comune di blocco dei dotti salivari.

Poiché i calcoli del dotto salivare causano dolore alla bocca, sia i medici che i dentisti possono diagnosticare questa condizione e fornire cure mediche se necessario. Anche se le pietre raramente causano problemi seri e spesso possono essere trattate a casa.

Quali sono i sintomi dei calcoli del dotto salivare?

Il sintomo principale dei calcoli del dotto salivare è il dolore al viso, alla bocca o al collo che peggiora appena prima o durante i pasti. Questo perché le ghiandole salivari producono saliva per facilitare il mangiare. Quando la saliva non può fluire attraverso un condotto, torna indietro nella ghiandola, provocando gonfiore e dolore.

Altri sintomi comuni includono tenerezza e gonfiore del viso, della bocca o del collo. Potresti anche avere la bocca secca e difficoltà a deglutire o ad aprire la bocca.

Le infezioni batteriche possono verificarsi quando la ghiandola è piena di saliva stagnante. I segni di un’infezione includono febbre, sapore sgradevole in bocca e arrossamento sulla zona interessata.

Quali sono le cause dei calcoli del dotto salivare?

Alcune sostanze nella tua saliva, come il fosfato di calcio e il carbonato di calcio, possono cristallizzare e formare calcoli. Possono variare in dimensioni da pochi millimetri a più di due centimetri. Quando queste pietre bloccano i dotti salivari, la saliva si accumula nelle ghiandole, il che le fa gonfiare.

Il motivo per cui le pietre si formano in primo luogo non è noto. Alcuni fattori sono stati associati a un rischio maggiore di avere queste pietre. Questi includono:

  • prendendo farmaci, come farmaci per la pressione sanguigna e antistaminici, che riducono la quantità di saliva prodotta dalle ghiandole
  • essere disidratato, poiché ciò rende la tua saliva più concentrata
  • non mangiare abbastanza cibo, che provoca una diminuzione della produzione di saliva

Dove si verificano i calcoli del dotto salivare?

Hai tre paia di ghiandole salivari principali in bocca. I calcoli del dotto salivare si verificano più spesso nei dotti collegati alle ghiandole sottomandibolari. Queste sono le ghiandole situate su entrambi i lati della mascella nella parte posteriore della bocca.

Le pietre possono anche formarsi nei condotti collegati alle ghiandole parotidi, che si trovano su ciascun lato del viso davanti alle orecchie. Le pietre nelle ghiandole sottomandibolari sono generalmente più grandi di quelle che si formano nelle ghiandole parotidi.

Puoi avere una o più pietre nel tuo condotto. Circa il 25% delle persone con questa condizione di solito sviluppa più di una pietra.

Come vengono diagnosticati i calcoli del dotto salivare?

Il medico o il dentista esaminerà la testa e il collo per verificare la presenza di ghiandole salivari gonfie e calcoli del dotto salivare.

I test di imaging possono fornire una diagnosi più accurata perché il medico sarà in grado di vedere le pietre. Una radiografia, un’ecografia o una tomografia computerizzata (TC) del viso sono alcuni dei test di imaging che possono essere ordinati.

Come vengono trattati i calcoli del dotto salivare?

Esistono diversi trattamenti per i calcoli del dotto salivare:

Trattamenti domiciliari

Il trattamento per i calcoli del dotto salivare comporta attività per sbarazzarsi dei calcoli. Il medico o il dentista potrebbero suggerirti di succhiare gocce di limone senza zucchero e bere molta acqua. L’obiettivo è aumentare la produzione di saliva e forzare la fuoriuscita dei calcoli dal condotto. Puoi anche spostare la pietra applicando calore e massaggiando delicatamente la zona interessata.

Acquista gocce di limone senza zucchero.

Trattamenti medici

Se non riesci a estrarre la pietra a casa, il medico o il dentista può provare a spingerla fuori premendo su entrambi i lati del condotto. Potrebbe essere necessario rimuovere chirurgicamente le pietre grandi o situate in profondità all’interno del condotto.

In alcuni casi, il medico può suggerire di utilizzare le onde d’urto per rompere la pietra in pezzi più piccoli. Questa è chiamata litotrissia extracorporea ad onde d’urto (ESWL) e consente ai pezzi più piccoli di passare attraverso il condotto. Durante questa procedura, le onde sonore ad alta energia vengono dirette alla pietra. Probabilmente sarai sedato o sotto anestesia generale durante questo processo. L’ESWL è più comunemente usato per rompere altri tipi di calcoli nel corpo, come quelli nei reni o nella vescica.

Se hai un’infezione batterica nella ghiandola, il medico prescriverà antibiotici per curarla.

Qual è la prospettiva a lungo termine?

Nella maggior parte dei casi, la pietra del condotto salivare viene rimossa senza complicazioni. Se continui a sviluppare calcoli del dotto salivare o infezioni delle ghiandole salivari, il medico può raccomandare di rimuovere chirurgicamente la ghiandola interessata.

Poiché hai molte altre ghiandole salivari, avrai ancora abbastanza saliva se ne viene rimossa una. Tuttavia, questi interventi chirurgici non sono privi di rischi. I nervi che controllano i vari movimenti facciali e la produzione di sudore attraversano o si avvicinano alle principali ghiandole salivari. Parla con il tuo medico dei rischi di tali interventi chirurgici.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here