Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Perché le ricette per la protezione solare fai-da-te non funzionano – nemmeno...

Perché le ricette per la protezione solare fai-da-te non funzionano – nemmeno l'olio di cocco

0
65

Quando "naturale" è più pericoloso

Forse hai sentito parlare di "creme solari naturali fai-da-te" o che gli oli vegetali forniscono protezione solare. Lo vedo costantemente scritto nella comunità del benessere come un'ottima "opzione di protezione solare senza sostanze chimiche". In particolare olio di cocco.

La maggior parte di queste ricette fai-da-te contengono olio di cocco miscelato con una base di ossido di zinco. Mentre le persone che scrivono su queste "opzioni più sicure" intendono bene, queste informazioni sono anche errate e non sicure se prese alla lettera.

Abbattiamo questo mito e capiamo da dove viene e perché acquistare una protezione solare ben formulata è la scelta sicura per la pelle.

L'olio di cocco è di gran lunga il più popolare quando la comunità fai-da-te pensa alla protezione solare "naturale". Questa convinzione potrebbe essere iniziata dopo che un solo studio del 2009 ha suggerito che l'olio di cocco può agire come protezione solare con SPF 7. Tuttavia, questo studio è stato condotto in una capsula di Petri, non sulla pelle umana. Ciò lascia molto spazio all'inesattezza.

Inoltre, SPF 7 non fornisce un'adeguata protezione solare che SPF 30 fornisce, secondo i dermatologi, né soddisfa la raccomandazione inferiore di (almeno) SPF 15 dal Food and Drug Administration (FDA). La Mayo Clinic menziona anche che l'olio di cocco blocca solo il 20 percento dei raggi ultravioletti del sole rispetto al 97 percento della protezione solare.

Inoltre, la protezione solare è uno dei pochi prodotti per la cura personale che è effettivamente regolato dalla FDA. I filtri solari cosmetici sono considerati un ingrediente farmacologico.

Nel 2011, anche la FDA ha pubblicato nuove linee guida per la protezione solare che richiedono ai ricercatori di applicare la protezione solare a 10 partecipanti umani e di misurare il tempo impiegato prima che si verifichino le scottature. Queste linee guida aiutano a garantire che i prodotti proteggano dai raggi UVA e UVB e dalle scottature solari. Se dovessi creare la tua crema solare fai-da-te, sarebbe molto difficile dimostrare quanto sia protettiva la tua ricetta fatta in casa. È improbabile che soddisfino i requisiti delle linee guida di oggi.

Visto che i danni del sole e le scottature solari sono uno dei fattori di rischio più elevati per il cancro della pelle, non vuoi giocare con questo passaggio della tua routine.

È indispensabile che una crema solare offra una protezione che assorba i raggi UV o che blocchi i raggi UV per essere efficace. Non sono riuscito a trovare uno fornito uno studio scientifico a dimostrazione dell'olio di cocco o di qualsiasi altro olio naturale adeguato Protezione anti-UV o anti-UV. Ma per quanto riguarda l'ossido di zinco (l'ingrediente principale per la protezione solare in queste ricette fai-da-te), miscelare cosmetici attivi non è così semplice come aggiungere la quantità raccomandata.

Esistono diversi fattori importanti da considerare, come:

  • gli ingredienti inattivi e come reagiscono con gli ingredienti attivi
  • come viene miscelato per fornire una copertura uniforme e protettiva sulla pelle
  • i livelli di pH e in che modo la formula manterrà l'efficacia nel flacone nel tempo

Questi non sono fattori che puoi valutare con un laboratorio fai-da-te a casa, il che spiega la nostra prossima domanda: ti sei mai chiesto perché i filtri solari sono generalmente piuttosto costosi? O perché un marchio di cura della pelle non ha affatto una crema solare nella sua collezione?

È perché la protezione solare è uno dei prodotti più difficili da formulare. Richiede test significativi e costosi per essere considerati sicuri ed efficaci. C'è molta chimica, anni di test e rapporti adeguati di ingredienti attivi e inattivi che contribuiscono a creare una crema solare ben formulata.

Vantaggi della protezione solare chimica o minerale

  • La protezione solare chimica agisce come una spugna assorbendo i raggi UV, quindi convertendoli in una forma di radiazione meno dannosa.
  • La protezione solare fisica o minerale funge da scudo sedendosi sulla pelle e bloccando o deviando i raggi UV.

Montare una maschera fai-da-te a casa è una cosa. Qualcosa di così importante come la protezione solare per te e la tua famiglia non è qualcosa per il fai-da-te. Ustioni di secondo o terzo grado e cancro della pelle non sono uno scherzo.

1. La composizione degli oli vegetali può variare

A seconda della posizione, del clima, delle condizioni del suolo e del momento della raccolta, gli oli naturali hanno una qualità incoerente. Soprattutto quando si tratta di misurare acidi grassi, vitamine o contenuto di minerali.

2. Gli oli vegetali non sono adatti per bloccare i raggi UV

In uno studio del 2015, i ricercatori hanno misurato il modo in cui i raggi UV sono stati assorbiti da:

  • olio di cocco
  • Aloe Vera
  • olio di canola
  • olio di citronella
  • olio d'oliva
  • olio di semi di soia

Hanno trovato tutti questi oli forniti zero Protezione dai raggi UV. Lo studio ha anche esaminato i succhi di verdura, che si sono dimostrati promettenti come protezione dai raggi UV ingrediente, non come unica protezione solare.

3. Gli oli naturali non assorbono i raggi UV alle lunghezze d'onda giuste

Questa è la parte più convincente di informazioni su oli naturali e crema solare. Solo nello stesso studio del 2015 puro l'olio di vitamina E ha mostrato un assorbimento significativo della lunghezza d'onda dei raggi UV, a circa 310 nanometri.

Tuttavia, i raggi UVB del sole emettono tra 290 e 320 nanometri e i raggi UVA emettono tra 320 e 400 nanometri.

Ciò significa sostanzialmente che la vitamina E non assorbe qualunque Raggi UVA (i raggi che invecchiano) e solo circa 10 nanometri di raggi UVB (i raggi che ci bruciano). È piuttosto insignificante quando si parla di protezione solare reale.

Tutti gli altri oli, compreso l'olio di cocco, sono rimasti terribilmente corti alle lunghezze d'onda corrette.

Vai al negozio

Oli naturali come l'olio di cocco sono fantastici per idratare, lenire la pelle e fornire antiossidanti.

Ma sono creme solari adeguate, efficaci o sicure? Dalla mia esperienza come estetista e sviluppatore di prodotti di bellezza, assolutamente no.

Se desideri utilizzare ingredienti naturali per la tua protezione solare, ti consiglio una crema solare a base di ossido di zinco non nano o ossido di titanio formulata da un chimico cosmetico che è stata sottoposta a test adeguati (che riguarda tutti i marchi commerciali acquistati in negozi rispettabili, non mercati di agricoltori o siti di bricolage).

Puoi leggere di più sulla protezione solare, i suoi effetti sull'ambiente e le raccomandazioni per i tipi di pelle qui.


Dana Murray è un'estetista autorizzata della California meridionale con una passione per la scienza della cura della pelle. Ha lavorato nell'educazione della pelle, dall'aiutare gli altri con la loro pelle allo sviluppo di prodotti per marchi di bellezza. La sua esperienza si estende su 15 anni e circa 10.000 trattamenti per il viso. Dal 2016 utilizza le sue conoscenze per scrivere blog sui miti della pelle e sballare su Instagram.