Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Perché “essere intelligenti” non aiuta le persone con ADHD

Perché “essere intelligenti” non aiuta le persone con ADHD

0
3

Panoramica

Il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) è classificato come una condizione dello sviluppo neurologico che di solito si manifesta durante la prima infanzia.

L’ADHD può porre molte sfide nelle attività quotidiane. Ma molte persone traggono conforto dall’idea sbagliata che i bambini con ADHD siano più intelligenti di quelli senza il disturbo. Tuttavia, l’intelligenza e l’ADHD non vanno di pari passo.

Alcune persone con ADHD potrebbero avere un QI più elevato. Ma supporre che esista una correlazione potrebbe essere dannoso perché può impedire a tuo figlio di ottenere l’aiuto di cui ha bisogno.

Cos’è l’ADHD?

L’ADHD viene spesso diagnosticato intorno ai 7 anni. Tuttavia, i sintomi del disturbo si vedono generalmente prima dei 12 anni. L’ADHD è meglio conosciuto per causare comportamenti iperattivi e difficoltà di attenzione.

Secondo la National Alliance on Mental Illness (NAMI), circa il 9% dei bambini statunitensi e il 4% degli adulti hanno il disturbo. Il motivo per cui ci sono differenze statistiche è perché in alcuni adulti i sintomi migliorano e quindi non soddisfano più i criteri diagnostici per il disturbo. È anche più diffuso nei ragazzi.

Alcuni dei sintomi più comuni dell’ADHD sono:

  • impazienza
  • movimento costante
  • difficoltà a stare fermo
  • parlare costantemente
  • difficoltà a completare le attività
  • incapacità di ascoltare o seguire le indicazioni quando vengono fornite istruzioni
  • noia a meno che non sia costantemente intrattenuto
  • interrompere altre conversazioni
  • fare le cose senza pensare (o d’impulso)
  • problemi di apprendimento di concetti e materiali a scuola

Anche il National Institute of Mental Health (NIMH) classifica il disturbo in tre sottotipi:

  • prevalentemente disattento (esistono più sintomi di disattenzione rispetto all’iperattività)

  • prevalentemente iperattivo-impulsivo
  • combinato iperattivo-impulsivo e disattento (questa è la forma più comune di ADHD)

Per essere diagnosticato con ADHD, devi mostrare sei o più sintomi (anche se gli adulti potrebbero aver bisogno di mostrare solo cinque o più sintomi per una diagnosi).

ADHD e QI

C’è molto dibattito sul fatto che qualcuno con ADHD abbia automaticamente un alto QI. C’è ancora più dibattito su cosa significhi tale correlazione.

A seconda della gravità dei sintomi, l’ADHD può influire sulla capacità di una persona di funzionare a scuola e al lavoro. Anche le attività quotidiane possono essere difficili. Questo può dare l’impressione che la persona abbia un QI inferiore quando non è così.

Secondo uno studio del 2010 pubblicato su Psychological Medicine, gli adulti che avevano entrambi un alto QI e È stato scoperto che l’ADHD ha una funzione cognitiva complessivamente inferiore rispetto ad altri partecipanti che avevano un QI alto ma non ADHD.

Nello studio è stata utilizzata una serie di test verbali, di memoria e di risoluzione dei problemi. Un problema con questo studio, tuttavia, è che non c’erano altri gruppi di controllo. Ad esempio, non c’erano gruppi con solo ADHD o con basso QI per il confronto.

Il rovescio della medaglia, molte persone con ADHD sembrano concentrare la loro attenzione solo su qualcosa che amano fare. Questo può tradursi bene in scuola o lavoro. In questi casi, non è che il QI sia basso, è solo che questi individui possono concentrarsi solo sulle cose a cui tengono di più.

Un altro rapporto pubblicato in un numero del 2011 di Psychological Medicine ha ulteriormente determinato che IQ e ADHD sono entità separate.

Lo studio afferma che il QI può funzionare nelle famiglie più o meno come l’ADHD, ma avere un parente con un QI alto non significa che un altro membro della famiglia con ADHD avrà lo stesso QI.

Possibili problemi

Il processo diagnostico dell’ADHD può anche porre problemi nel determinare se un bambino è “intelligente” o meno. Non esiste un test particolare che possa diagnosticare con precisione l’ADHD, invece, il processo si basa su osservazioni a lungo termine di possibili sintomi.

Alcune altre condizioni, come l’autismo o il disturbo bipolare, potrebbero anche essere scambiate per ADHD. Il disturbo può anche essere visto in alcuni bambini con difficoltà di apprendimento, poiché alcune persone con ADHD hanno difficoltà di processo.

Gli stimolanti, come il Ritalin e l’Adderall, sono i farmaci più comuni usati per trattare l’ADHD e sono piuttosto efficaci.

Uno stimolante è utile in alcuni casi perché si ritiene che l’aumento dei livelli di sostanze chimiche nel cervello aiuti ad aumentare la concentrazione. Questi farmaci possono anche ridurre l’iperattività. Alcune persone possono anche provare meno impulsività.

Gli stimolanti possono fare un’enorme differenza per alcuni bambini che hanno difficoltà scolastiche. Il QI di coloro che possono apprendere completamente e sostenere i test possono aumentare a causa della loro migliore capacità di concentrarsi sulle attività coinvolte nei test del QI formale.

La linea di fondo

Come con altri disturbi, l’ADHD non può prevedere correttamente il QI. Inoltre, “essere intelligenti” non dipende sempre da un alto QI. Le correlazioni tra ADHD e IQ si basano su stereotipi e idee sbagliate.

Ci sono pericoli associati a entrambi: chi presume che qualcuno con ADHD abbia un QI alto potrebbe non cercare un trattamento adeguato. D’altra parte, chi presume che qualcuno con un paziente con ADHD non sia intelligente trascurerà il potenziale di quell’individuo.

È importante trattare l’ADHD e l’intelligenza come entità separate. Sebbene uno possa influenzare l’altro, non sono certamente la stessa cosa.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here