Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Perché dovresti stare attento al ginseng

Perché dovresti stare attento al ginseng

0
2

Dalle bevande energetiche alla medicina tradizionale, sembra di non poter andare da nessuna parte in questi giorni senza imbattersi in ginseng. Alcuni sostengono che sia un potente antiossidante. Altri ti diranno che può fare di tutto, dal migliorare la funzione cerebrale alla regolazione della glicemia.

Il ginseng è stato utilizzato per migliaia di anni in diverse nazioni e culture. È apprezzato per le sue proprietà curative, ma può essere difficile separare i miti dai fatti. Ci siamo seduti con la dietista californiana Lori Zanini per parlare di ciò che il ginseng può e non può fare, di come e se dovresti integrarlo nella tua dieta e dei modi migliori per sfruttarne il potere.

Scopri perché la tiamina è un nutriente essenziale »

Non è un farmaco miracoloso

Innanzitutto, parliamo di ciò che il ginseng non è: un farmaco miracoloso, una panacea o un rimedio valido per tutti.

Alcuni sostengono che possa ridurre lo stress, alleviare la disfunzione erettile, scongiurare la demenza, rafforzare il sistema immunitario, prevenire il raffreddore o l’influenza, ridurre le infezioni, migliorare la digestione e persino curare il cancro. Tuttavia, non ci sono molte ricerche a supporto di tutto ciò.

“Le uniche due condizioni in cui si è scoperto che il ginseng americano è probabilmente efficace sono la regolazione del diabete di tipo 2 e delle infezioni delle vie respiratorie superiori”, afferma Zanini. Tuttavia, si affretta a sottolineare che non dovrebbe essere usato per trattare alcun tipo di malattia senza controllo medico e per diffidare di chiunque ti dica che può farlo. Sebbene sia spesso aggiunto a bevande energetiche e cibi – per aumentare l’energia, la produttività e persino la memoria – non ci sono prove a sostegno di queste affermazioni.

Pieno di antiossidanti

Uno dei motivi principali per cui le persone assumono il ginseng è a causa delle sue proprietà antiossidanti. Gli antiossidanti, che sono molecole che inibiscono l’ossidazione di altre molecole, sono molto in voga in questo momento. Poiché l’ossidazione può causare la crescita dei radicali liberi, sono state fatte molte ricerche per determinare se gli antiossidanti possono effettivamente combattere il cancro. Secondo uno studio, il ginseng contiene infatti abbastanza antiossidanti per aiutare a rafforzare lo scudo immunitario del tuo corpo.

Chi dovrebbe evitare il ginseng?

Come ogni integratore, il ginseng ha la sua quota di effetti collaterali, alcuni dei quali gravi. Molti farmaci interagiscono male con esso. Zanini ci dice di aver visto segnalazioni di consumatori di ginseng che soffrivano di diarrea, insonnia, mal di testa, battito cardiaco accelerato, fluttuazioni della pressione sanguigna e altro ancora. Le donne possono manifestare ulteriori effetti collaterali, come sanguinamento vaginale e tensione mammaria. Questi effetti collaterali sono abbastanza gravi che alle donne che combattono il cancro al seno viene detto di evitare il ginseng.

Se scegli di assumere integratori di ginseng, acquistalo sempre da una fonte attendibile e assicurati di non consumarne troppo. La maggior parte dei medici darà il via libera agli adulti sani che assumono 3 grammi per bocca fino a due ore prima di mangiare. Questo può aiutare le persone con diabete di tipo 2 a controllare la glicemia. Tuttavia, dovresti parlare con il tuo medico prima di aggiungere il ginseng al tuo regime esistente. “Non c’è una dose adeguata”, dice Zanini. “Dipende dall’età, dallo stato di salute e da altri fattori.”

Zanini consiglierebbe di aggiungere il ginseng alla dieta dei suoi pazienti? Sì e no. “Mi sentirei più a mio agio a consigliarlo a persone che non assumono altri farmaci in cui potrebbero verificarsi potenziali interazioni, ma non consiglierei il ginseng per curare una malattia.”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here