Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Osteoporosi, salute delle ossa e menopausa

Osteoporosi, salute delle ossa e menopausa

0
3

Cos’è l’osteoporosi?

L’osteoporosi è una malattia che causa l’assottigliamento e la riduzione della densità del tessuto osseo. Questo produce ossa indebolite che sono più suscettibili alla frattura.

L’osteoporosi mostra pochissimi sintomi e può progredire fino a stadi avanzati senza presentare alcun problema. Quindi spesso non viene scoperto fino a quando le ossa indebolite non si fratturano o si rompono. Una volta che hai una frattura a causa dell’osteoporosi, sei più suscettibile a un’altra.

Queste interruzioni possono essere debilitanti. Molto spesso, le tue ossa indebolite non vengono scoperte fino a dopo una caduta catastrofica che si traduce in un’anca o una schiena fratturate. Queste lesioni possono lasciarti con mobilità limitata o assente per diverse settimane o mesi. Potrebbe anche essere necessario un intervento chirurgico per il trattamento.

Come si sviluppa l’osteoporosi?

La causa esatta dell’osteoporosi è sconosciuta. Tuttavia, sappiamo come si sviluppa la malattia e cosa fa alle tue ossa.

Pensa alle tue ossa come entità viventi, in crescita e in continua evoluzione del tuo corpo. Immagina la parte esterna del tuo osso come una custodia. All’interno della custodia c’è un osso più delicato con piccoli fori, simile a una spugna.

Se sviluppi l’osteoporosi e le tue ossa iniziano a indebolirsi, i fori nella parte interna del tuo osso diventano più grandi e più numerosi. Ciò fa sì che la struttura interna del tuo osso si indebolisca e diventi anormale.

Se cadi quando le tue ossa sono in questo stato, potrebbero non essere abbastanza forti per sostenere la caduta e si frattureranno. Se l’osteoporosi è grave, le fratture possono verificarsi anche senza cadute o altri traumi.

Osteoporosi e menopausa

La menopausa segna la fine permanente dei periodi mensili e della fertilità. Secondo il National Institute on Aging, la maggior parte delle donne inizia a sperimentare i cambiamenti della menopausa tra i 45 ei 55 anni.

Quando le donne entrano in menopausa, i loro livelli di estrogeni e progesterone iniziano a diminuire. L’estrogeno agisce come un protettore naturale e difensore della forza ossea. La mancanza di estrogeni contribuisce allo sviluppo dell’osteoporosi.

La diminuzione dei livelli di estrogeni non è l’unica causa dell’osteoporosi.

Altri fattori possono essere responsabili dell’indebolimento delle ossa. Quando questi fattori sono combinati con una diminuzione dei livelli di estrogeni durante la menopausa, l’osteoporosi può iniziare o svilupparsi più velocemente se è già presente nelle ossa.

Comprendere i rischi

I seguenti sono fattori di rischio aggiuntivi per l’osteoporosi:

Età

Fino a circa 30 anni, il tuo corpo crea più ossa di quante ne perdi. Successivamente, il deterioramento osseo si verifica più rapidamente della creazione ossea. L’effetto netto è una graduale perdita di massa ossea.

Fumo

È stato dimostrato che il fumo aumenta il rischio di osteoporosi. Sembra anche causare un inizio precoce della menopausa, il che significa che c’è meno tempo in cui le tue ossa sono protette dagli estrogeni.

Le persone che fumano hanno anche più difficoltà a guarire dopo una frattura rispetto ai non fumatori.

Composizione corporea

Le donne che sono minuscole o magre hanno un rischio maggiore di sviluppare l’osteoporosi rispetto alle donne che sono più pesanti o hanno una corporatura più grande. Questo perché le donne più magre hanno una massa ossea complessiva inferiore rispetto alle donne più grandi. Lo stesso vale per gli uomini.

Densità ossea esistente

Quando si raggiunge la menopausa, maggiore è la densità ossea, minore è la possibilità di sviluppare l’osteoporosi.

Pensa al tuo corpo come a una banca. Passi la tua giovane vita a costruire o “salvare” massa ossea. Più massa ossea hai all’inizio della menopausa, meno velocemente “finirai”.

Ecco perché dovresti incoraggiare i tuoi figli a costruire attivamente la densità ossea nella loro giovinezza.

Storia famigliare

Se i tuoi genitori o i tuoi nonni hanno avuto l’osteoporosi o un’anca fratturata a seguito di una piccola caduta, potresti essere maggiormente a rischio di sviluppare l’osteoporosi.

Genere

Le donne hanno fino a quattro volte più probabilità di sviluppare l’osteoporosi rispetto agli uomini. Questo perché le donne tendono ad essere più piccole e di solito pesano meno degli uomini. Le donne di età superiore ai 50 anni hanno il rischio maggiore di sviluppare la malattia ossea.

Razza ed etnia

In tutto il mondo, i nordeuropei e i caucasici hanno il maggior rischio di fratture dovute all’osteoporosi. Anche l’osteoporosi sta diminuendo in questa popolazione.

comunque, il Studio osservazionale dell’iniziativa per la salute delle donne ha mostrato che c’erano più fratture dovute all’osteoporosi nelle donne afroamericane, native americane, asiatiche e ispaniche rispetto ai casi di cancro al seno invasivo, ictus e morte per attacco cardiaco combinati in questa stessa popolazione.

Opzioni di trattamento

Una varietà di trattamenti può aiutare a fermare lo sviluppo dell’osteoporosi. Ecco alcuni passaggi che puoi intraprendere per prevenire il deterioramento osseo:

Assumi integratori di calcio e vitamina D.

Il calcio può aiutare a costruire ossa forti e mantenerle forti con l’età. Il National Institutes of Health (NIH) raccomanda alle persone di età compresa tra 19 e 50 anni di assumere 1.000 milligrammi (mg) di calcio ogni giorno.

Le donne sopra i 50 anni e tutti gli adulti sopra i 70 anni dovrebbero assumere almeno 1.200 mg di calcio ogni giorno.

Se non riesci a ottenere una quantità adeguata di calcio attraverso fonti alimentari come latticini, cavoli e broccoli, parla con il tuo medico degli integratori. Sia il carbonato di calcio che il citrato di calcio forniscono buone forme di calcio al tuo corpo.

La vitamina D è importante per la salute delle ossa, poiché il tuo corpo non può assorbire correttamente il calcio senza di essa. I pesci grassi come il salmone o lo sgombro sono buone fonti di vitamina D dal cibo, insieme a cibi come latte e cereali in cui viene aggiunta vitamina D.

L’esposizione al sole è il modo naturale in cui il corpo produce vitamina D. Ma il tempo necessario al sole per produrre vitamina D varia a seconda dell’ora del giorno, dell’ambiente, del luogo in cui vivi e del pigmento naturale della tua pelle.

Per le persone interessate al cancro della pelle o per coloro che desiderano assumere la vitamina D in altri modi, sono disponibili integratori.

Secondo il NIH, le persone di età compresa tra 19 e 70 anni dovrebbero assumere almeno 600 unità internazionali (UI) di vitamina D ogni giorno. Le persone sopra i 70 anni dovrebbero aumentare la loro vitamina D giornaliera a 800 UI.

Chiedi al tuo medico informazioni su farmaci da prescrizione e agenti per la ricostruzione ossea iniettabili

Un gruppo di farmaci chiamati bifosfonati aiuta a prevenire la perdita ossea. Nel tempo, questi medicinali hanno dimostrato di rallentare la perdita ossea, aumentare la densità ossea e ridurre il rischio di fratture ossee.

UN Studio del 2017 hanno dimostrato che i bifosfonati possono ridurre il tasso di fratture dovute all’osteoporosi fino al 60%.

Gli anticorpi monoclonali possono anche essere utilizzati per aiutare a prevenire la perdita ossea. Questi farmaci includono denosumab e romosozumab (Evenity).

I modulatori selettivi del recettore degli estrogeni, o SERM, sono un gruppo di farmaci che hanno proprietà simili agli estrogeni. A volte sono usati per la prevenzione e il trattamento dell’osteoporosi.

UN Studio del 2016 ha dimostrato che il maggior vantaggio in SERMS è spesso la riduzione del rischio di fratture della colonna vertebrale fino al 42%.

Rendi l’esercizio con pesi parte della tua routine di fitness

L’esercizio fisico spesso fa tanto per costruire e mantenere ossa forti quanto i farmaci. Rende le ossa più forti, aiuta a prevenire la perdita ossea e accelera anche il recupero in caso di frattura ossea.

Camminare, fare jogging, ballare e aerobica sono tutte buone forme di esercizio sotto carico. Uno studio del 2017 indica che il nuoto e gli esercizi in acqua forniscono anche qualche beneficio alla forza ossea, ma non tanto rispetto alle attività di carico.

Parla con il tuo medico della terapia ormonale sostitutiva

La terapia ormonale sostitutiva (TOS) può aiutare a prevenire la perdita ossea causata dai ridotti livelli di estrogeni che si verificano durante la perimenopausa e la menopausa. Tuttavia, gli esperti attualmente raccomandano di utilizzare la terapia ormonale sostitutiva solo dopo che sono state prese in considerazione altre opzioni per la salute delle ossa.

La terapia ormonale sostitutiva può avere un ruolo nel trattamento di altri sintomi della menopausa, tra cui vampate di calore, sudorazione notturna e sbalzi d’umore. Tuttavia, questa terapia non è per tutti. Potrebbe non essere l’opzione di trattamento corretta se hai una storia personale o sei a maggior rischio di:

  • attacco di cuore
  • ictus
  • coaguli di sangue
  • tumore al seno

Ci sono anche altre condizioni mediche in cui la terapia ormonale sostitutiva non è la scelta migliore. Parlate con il vostro medico per ulteriori informazioni su questa opzione di trattamento.

Il cibo da asporto

Le donne in menopausa hanno un rischio maggiore di sviluppare l’osteoporosi, ma ci sono molti modi per rallentarla e fortificare il tuo corpo contro di essa.

Leggi questo articolo in spagnolo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here