Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Occlusione vascolare retinica

Occlusione vascolare retinica

0
3

Cos’è l’occlusione vascolare retinica?

L’occlusione vascolare retinica colpisce l’occhio, in particolare la retina. La retina è lo strato di tessuto sensibile alla luce che riveste la parte posteriore dell’occhio. È ricoperto da cellule speciali chiamate coni e bastoncelli che convertono la luce in segnali neurali e inviano questi segnali al cervello in modo che tu possa vedere. La retina è vitale per la visione.

Il sistema vascolare comprende vasi sanguigni chiamati arterie e vene, che trasportano il sangue in tutto il corpo, compresi gli occhi. La tua retina richiede un costante apporto di sangue per assicurarsi che le tue cellule ricevano abbastanza nutrienti e ossigeno. Il sangue rimuove anche i rifiuti prodotti dalla retina. Tuttavia, è possibile che uno dei vasi che trasportano il sangue da o verso la retina si blocchi o si formi un coagulo di sangue. Questa è chiamata occlusione.

L’occlusione può causare l’accumulo di sangue o altri fluidi e impedire alla retina di filtrare adeguatamente la luce. Quando la luce è bloccata o sono presenti liquidi, può verificarsi un’improvvisa perdita della vista. La gravità della perdita della vista può dipendere da dove si è verificato il blocco o il coagulo.

L’occlusione vascolare retinica è una condizione potenzialmente grave, soprattutto se esiste già l’indurimento delle arterie o l’aterosclerosi. Si verifica più spesso nelle persone di mezza età e negli anziani.

Quali sono i diversi tipi di occlusione vascolare retinica?

Esistono due tipi di occlusione vascolare retinica. Il tipo dipende da quale vaso sanguigno è interessato:

Occlusione dell’arteria retinica

L’occlusione dell’arteria retinica è un blocco di una delle arterie retiniche, che sono vasi sanguigni che trasportano il sangue ossigenato dal cuore alla retina. Un blocco nell’arteria principale della retina è chiamato occlusione dell’arteria retinica centrale. Un’occlusione dell’arteria retinica del ramo si verifica quando il blocco si verifica più avanti nei rami più piccoli dell’arteria.

Occlusione della vena retinica

L’occlusione della vena retinica è il blocco di una delle vene retiniche, che sono vasi sanguigni che trasportano il sangue deossigenato al cuore. Anche l’occlusione della vena retinica è divisa in due tipi:

  • L’occlusione della vena retinica centrale (CRVO) è un blocco nella vena principale della retina, chiamata vena retinica centrale.
  • L’occlusione della vena retinica del ramo (BRVO) si verifica quando il blocco si trova in un ramo più piccolo delle vene in tutta la retina.

I blocchi nella vena o nell’arteria principale sono spesso più gravi dei blocchi nelle vene o nelle arterie ramificate.

Cause di occlusione vascolare retinica

La causa specifica del blocco vascolare o dei coaguli di sangue nella retina è sconosciuta. Può verificarsi quando le vene dell’occhio sono troppo strette. Tuttavia, altri fattori che influenzano il flusso sanguigno possono aumentare il rischio di avere un’occlusione vascolare retinica. Questi fattori di rischio includono:

  • aterosclerosi o indurimento delle arterie
  • coaguli di sangue, che spesso viaggiano da altre parti del corpo all’occhio
  • un blocco o restringimento delle arterie carotidi del collo
  • problemi cardiaci, inclusi ritmo irregolare o problemi alle valvole
  • diabete
  • ipertensione
  • colesterolo alto
  • essere sovrappeso
  • uso di droghe per via endovenosa (IV)
  • avere più di 60 anni
  • glaucoma, che è una condizione che danneggia il nervo ottico

  • fumare
  • rari disturbi del sangue
  • edema maculare, ovvero accumulo di liquidi, gonfiore e ispessimento della parte centrale della retina
  • disturbi infiammatori come l’arterite a cellule giganti

Sintomi di occlusione vascolare retinica

Il sintomo principale dell’occlusione vascolare retinica è un improvviso cambiamento della vista. Ciò potrebbe includere visione offuscata o una perdita della vista parziale o totale.

I sintomi della vista di solito si verificano solo in un occhio. Il dolore fisico non è un sintomo di occlusione vascolare retinica.

I cambiamenti nella vista potrebbero essere a breve termine o permanenti, a seconda della velocità con cui si cerca il trattamento e se si hanno altre condizioni di salute. Dovresti fissare subito un appuntamento con il tuo oftalmologo o oculista se riscontri cambiamenti nella tua vista. Sicuramente vai immediatamente al pronto soccorso se perdi improvvisamente la vista da un occhio.

Complicazioni dell’occlusione vascolare retinica

La condizione può occasionalmente portare a complicazioni e sintomi più gravi. La vista può essere gravemente e permanentemente compromessa se si verifica una delle seguenti complicazioni:

Edema maculare è un gonfiore nella macula, o nella parte centrale della retina, a causa di un accumulo di sangue.

Neovascolarizzazione è una crescita anormale dei vasi sanguigni causata da uno scarso flusso sanguigno e dalla mancanza di ossigeno alla retina.

Glaucoma neovascolare comporta accumulo di liquidi e alta pressione negli occhi. Questa è una grave complicazione. È associato a una grave perdita della vista e forse alla perdita dell’occhio.

Distacco della retina è raro. È una separazione della retina dal tessuto oculare.

Diagnosi dell’occlusione vascolare retinica

Il tuo oftalmologo eseguirà un esame completo per diagnosticare l’occlusione vascolare retinica. Controlleranno la tua vista, la pressione nei tuoi occhi e l’aspetto fisico dei tuoi occhi. Il medico valuterà la tua funzione oculare e l’aspetto della pupilla. Possono anche misurare la pressione sanguigna e suggerire un esame del sangue per verificare le condizioni di coagulazione del sangue.

Possono essere eseguiti anche i seguenti esami della vista:

  • La tomografia a coerenza ottica (OCT) può essere utilizzata per acquisire un’immagine ad alta definizione della retina.
  • Uno strumento chiamato oftalmoscopio può essere utilizzato per esaminare la retina.
  • Nell’angiografia con fluoresceina, un colorante viene iniettato in una determinata vena del braccio. Questa vena è quella che viaggia verso i vasi sanguigni della retina. Il tuo medico può usarlo per vedere cosa succede alla tintura una volta che è nei tuoi occhi.

Il medico può suggerire altri esami cardiaci se sospetta che i coaguli di sangue provengano da qualche altra parte del corpo. Questi test possono includere un ecocardiogramma, un elettrocardiogramma e un cardiofrequenzimetro per controllare il ritmo cardiaco. Questi test valuteranno il tuo cuore e il tuo sistema vascolare.

Prevenire l’occlusione vascolare retinica

Il modo migliore per prevenire l’occlusione vascolare retinica è identificare e trattare i fattori di rischio. Poiché l’occlusione vascolare retinica deriva da problemi vascolari, è importante apportare modifiche allo stile di vita e alla dieta per proteggere i vasi sanguigni e mantenere il cuore sano. Queste modifiche includono:

  • esercizio
  • perdere peso o mantenere un peso sano
  • mangiare una dieta sana a basso contenuto di grassi saturi
  • non fumare o smettere di fumare
  • controllare il diabete mantenendo il livello di zucchero nel sangue a un livello sano
  • prendendo aspirina o altri fluidificanti del sangue dopo aver consultato prima il medico

I controlli di routine con il medico possono aiutarti a capire se hai o meno uno dei fattori di rischio dell’occlusione vascolare retinica. Ad esempio, se il tuo medico scopre che hai la pressione alta o il diabete, puoi iniziare subito un trattamento preventivo.

Trattamento dell’occlusione vascolare retinica

Non sono disponibili farmaci specifici per le occlusioni dell’arteria retinica. La maggior parte delle persone con questa condizione avrà cambiamenti permanenti alla loro visione.

Per trattare l’occlusione vascolare retinica, il medico può raccomandare farmaci come fluidificanti del sangue o iniezioni nell’occhio.

I farmaci usati per trattare l’occlusione della vena retinica includono:

  • farmaci antivascolari con fattore di crescita endoteliale (anti-VEGF) come aflibercept (Eylea) e ranibizumab (Lucentis), che vengono iniettati nell’occhio
  • farmaci corticosteroidi che vengono iniettati nell’occhio per controllare il gonfiore

In alcuni casi, la terapia laser può essere utilizzata per abbattere il blocco nei vasi sanguigni e per evitare che si verifichino ulteriori danni.

È possibile sviluppare un blocco nell’altro occhio. Il medico svilupperà un piano di prevenzione per te se è preoccupato che l’altro occhio sia a rischio.

Outlook per le persone con occlusione vascolare retinica

Le prospettive dipendono dalla gravità della tua condizione. Molte persone si riprenderanno e riacquisteranno la maggior parte delle loro capacità visive, ma non tutte. È possibile che la tua visione non ritorni. Poiché l’occlusione vascolare retinica colpisce in genere solo un occhio, il cervello può adattarsi al cambiamento della vista dopo alcuni mesi. Una volta che l’occhio si è abituato, la perdita della vista potrebbe diventare un problema minore per te.

Se soffri di altre condizioni oculari o complicazioni dovute all’occlusione vascolare retinica, come la perdita completa della vista o il glaucoma, potresti non recuperare completamente la vista. Dovrai lavorare con il tuo medico per assicurarti che le tue condizioni oculari siano gestite correttamente.

Il trattamento di fattori di rischio come il diabete e l’aterosclerosi riduce drasticamente il rischio che l’occlusione si ripresenti o provochi ulteriori danni. In rari casi, un coagulo di sangue che continua a muoversi nel flusso sanguigno potrebbe causare un ictus.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here