Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Non sono religioso, ma uso la preghiera per sostenere la mia salute...

Non sono religioso, ma uso la preghiera per sostenere la mia salute mentale

0
3

La preghiera non deve riguardare la religione. Il rituale stesso può aumentare il benessere.

Avevo fatto della dipendenza di un’altra persona la mia preoccupazione principale, anche se lei era impegnata nel suo lavoro di recupero.

È arrivato al punto in cui ero ossessionato da quello che stava facendo e dove stava andando, temendo che potesse essere sulla buona strada per una ricaduta.

Preoccuparmi di cose – e persone – che non riuscivo a controllare era diventata la mia stessa dipendenza. All’inizio, con riluttanza, mi sono unito alla mia rete di supporto e ho iniziato il mio viaggio in 12 fasi.

Al-Anon offre alle persone affette da dipendenze altrui gli strumenti per lasciar andare la codipendenza. Uno di questi strumenti essenziali è la preghiera.

Era esattamente quello di cui avevo bisogno.

Se sei come me, può sembrare imbarazzante stabilirsi nella preghiera al di fuori di una tradizione religiosa, non importa sviluppare un’abitudine.

Non avevo pregato da quando avevo lasciato la chiesa conservatrice della mia infanzia. Ci è voluto un po’ per lasciare andare le vecchie associazioni e guardare alla preghiera in un modo nuovo.

Ho iniziato a vedere la preghiera come qualcosa di simile alla meditazione, qualcosa di salutare per la mia mente e il mio corpo, un modo per abbassare la pressione sanguigna e un modo per trovare la calma. Alla fine ho scoperto che ha anche molti benefici per la salute mentale.

Inoltre, ho continuato a sentire che “preoccupazione e preghiera non possono coesistere nella stessa mente” dalle persone nel programma.

Ho subito sospettato che avessero ragione.

Quei momenti nelle riunioni in cui abbiamo detto le nostre preghiere di gruppo laico – ognuna al potere più alto di nostra scelta – sono diventati i miei momenti più calmi e pieni di speranza della settimana.

Pregare non impedisce alla dipendenza di avere conseguenze terrificanti, non più di quanto impedisce a una pandemia o al razzismo di distruggere vite umane.

Mi aiuta a centrare e rivedere le mie opzioni realistiche. Mi aiuta a vedere dove il mio pensiero è stato distorto come codipendente in un sistema familiare alcolizzato, come persona bianca privilegiata cresciuta tra il razzismo sistemico, o anche come persona dipendente dalla comunità quasi distrutta dalla solitudine del distanziamento fisico.

La preghiera mi aiuta a vedere e accettare le distorsioni, a superare la vergogna e ad accettare la responsabilità e ad agire in modo più responsabile e giusto nel tempo.

Nessuno può insegnarti a “padroneggiare” la preghiera, perché è un’esperienza profondamente personale. Tuttavia, ho chiesto ad alcuni scienziati, psicologi e attivisti di condividere il perché e il come iniziare.

Perché pregare?

La preghiera non deve riguardare la religione. Il rituale stesso è benefico per il benessere mentale e anche fisico.

Per le persone che non hanno voglia di pregare è per loro, aiuta a pensare alla preghiera come un’altra forma di pratica di consapevolezza.

La scienza non supporta la preghiera come sostituto del trattamento medico o psichiatrico, ma prove crescenti suggeriscono che ha benefici psicologici e fisiologici.

In uno studio del 2014 pubblicato dall’American Psychological Association, la professoressa di gerontologia Carolyn Aldwin ha scoperto che la preghiera privata aiuta a regolare le emozioni. Questo a sua volta aiuta a regolare i processi fisiologici come la pressione sanguigna.

Questi effetti calmanti della preghiera hanno implicazioni per una migliore autonomia rispetto al comportamento.

Nel 2016, i ricercatori del centro medico della New York University hanno scoperto che dopo aver visto immagini progettate per innescare il desiderio di alcol, i membri di Alcolisti Anonimi che hanno recitato preghiere hanno riportato meno voglie di quelli che hanno letto il giornale. Le scansioni MRI di coloro che hanno pregato hanno mostrato una maggiore attività nelle aree del cervello che regolano le emozioni e la concentrazione.

La condivisione comunitaria e la scrittura personale aiutano le persone a sentirsi bene, ma la preghiera le fa sentire ancora meglio.

In uno studio del 2018 su 196 studenti universitari, coloro che hanno letto i loro diari di gratitudine come preghiere hanno mostrato maggiori sentimenti di speranza e autorealizzazione rispetto a coloro che li hanno semplicemente letti a se stessi o a un pari.

Più di recente, i dati raccolti dal Positive Emotions and Psychology Lab dell’UNC Chapel Hill hanno scoperto che la preghiera, la meditazione, l’esercizio e la cura di sé creano emozioni positive. Lo scorrimento e gli sms sui social media hanno avuto l’effetto opposto.

Il professore di legge e studioso di consapevolezza Rhonda V. Magee suggerisce che la consapevolezza compassionevole è un fattore di cambiamento, anche come un passo per affrontare il razzismo.

Come pregare

Da adulto, pregare una figura autoritaria maschile sembrava compromettente. Stavo cercando di rivendicare sia la mia indipendenza che la mia responsabilità, e questo non ha aiutato. Pregare Wonder Woman, come suggerito da un amico ben intenzionato, non ha fatto molto di più per il mio senso di maturità.

Al passo di una donna attraverso i dodici passi, Stephanie Covington, LICSW, PhD, suggerisce che le donne traggono vantaggio dall’immaginare i loro poteri superiori come co-manager, non come capi.

“Invece di essere sottomessi, possiamo immaginare una relazione interattiva in cui nutriamo il nostro Potere Superiore tanto quanto esso nutre noi”, scrive Covington.

Trasmettere preoccupazioni stereotipicamente femminili, come calmare i sentimenti degli altri o risolvere tutti i problemi interpersonali, ti libera di concentrarti sulle cose in cui hai effettivamente voce in capitolo, come le dinamiche relazionali sane, il lavoro e la salute.

Una potenza superiore

Quando scegli di credere che un potere superiore aiuti coloro che aiutano se stessi, è potenziante.

Adolescenti afroamericani alle prese con la depressione segnalato sentirsi peggio quando sono stati incoraggiati a pregare Dio per “aggiustare tutto”. D’altra parte, coloro che pregavano con un senso di “iniziativa personale” che permetteva loro di lavorare con un potere superiore ha mostrato maggiore libertà d’azione, speranza e leadership per cercare supporto terapeutico e di altro tipo.

Diane Ullius, ministro laico incaricato per la Chiesa unitaria universalista di Arlington, in Virginia, ha co-facilitato un gruppo di preghiera su Zoom da quando il distanziamento sociale ha chiuso le porte della sua chiesa di mattoni e malta.

Le persone per cui e con cui prega Ullio provengono da molte tradizioni di fede diverse. Indirizza le preghiere di gruppo a “Spirito di vita”, “Spirito d’amore”, “Fonte di tutto” o “Misericordia eterna”, evocando intimità e unità con un potere superiore.

Cosa chiedere?

Da bambino, ho pregato preghiere infantili, come chiedere A rette o cotte restituite. Da adulto, queste preghiere non soddisfano più il mio bisogno di responsabilità e indipendenza.

Nessuno degli individui con cui ho parlato o di cui ho letto di sostiene questo tipo di preghiera transazionale.

Ullio dice che in tutto il suo lavoro di cura pastorale, non prega mai per un intervento, nemmeno per far star bene qualcuno.

“Da solo e per gli altri, prego per la saggezza, la compassione, la connessione”, dice.

La memorialista Laura Cathcart Robbins si sentiva alienata quando i suoi coetanei pregavano un dio bianco. Quando il suo fidato sponsor l’ha spinta a pregare, ha fatto comunque un tentativo.

In un recente articolo per The Temper, ha scritto: “Ogni mattina per le prossime settimane sentendomi AF imbarazzata, chiudo gli occhi per un minuto e cerco di schiarirmi le idee, poi pronuncio una preghiera silenziosa che fa qualcosa come , ‘Per favore aiutami a rimanere sobrio.’”

Trovare il percorso

Secondo quanto detto in precedenza studio 2015 degli adolescenti afroamericani, la preghiera promuove la presenza, l’assunzione di prospettiva, la regolazione emotiva e l’empatia. Questi tutti supportano l’azione compassionevole.

Questo ha senso per me. Da qualche parte nella mia abitudine di pregare, ho smesso di pregare per una divinità particolare o per un cambiamento specifico da fare, anche a me stesso.

Invece, ho iniziato a pregare per un percorso.

Alcuni giorni, anche dopo la preghiera, riesco a vedere solo un passo o due davanti a me. Un passo è sufficiente per farmi andare avanti, però.


La narrativa e la saggistica di Karen Sosnoski, più recentemente in The Temper, esplora ciò che accade quando le persone affrontano i propri limiti attraverso disabilità, malattie, dipendenze, sport o altri incontri intensi, come l’arte. Il suo lavoro è apparso in diverse pubblicazioni tra cui Romper, Culture Trip, The Sunlight Press, Argot Magazine, LA Times, Poets and Writers, Word Riot, Grappling, Bitch, Radioactive Moat e PsychologyToday.com, e su Studio 360 e This American Life . Berkeley Media distribuisce il suo film documentario, “Consigli di nozze: parla ora o taci per sempre”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here