spot_img
More
    spot_img
    HomeMondoNavi da guerra russe a Cuba: è uno scalo o una dimostrazione...

    Navi da guerra russe a Cuba: è uno scalo o una dimostrazione di forza?

    -

    Le navi da guerra russe sono entrate nel porto principale di Cuba in quella che sembra essere una dimostrazione di forza da parte di Mosca in mezzo alle crescenti tensioni con gli Stati Uniti.

    Nave da guerra russa a Cuba
    La gente guarda il sottomarino a propulsione nucleare Kazan, parte del distaccamento navale russo in visita a Cuba, dopo il suo arrivo al porto dell’Avana il 12 giugno 2024 [Yamil Lage/AFP]

    Mercoledì, decine di residenti dell’Avana si sono riuniti e hanno osservato le navi da guerra russe entrare nel porto principale di Cuba, nell’ultima dimostrazione di forza navale di Mosca in mezzo alle crescenti tensioni con gli Stati Uniti.

    La nazione caraibica è un vicino degli Stati Uniti, che nel suo punto più vicino si trova a circa 150 chilometri (94 miglia), ma ha rapporti tesi da decenni.

    Anche se non è la prima volta che navi della marina russa visitano Cuba, questo convoglio sembra essere il più grande degli ultimi anni. La flotta dovrebbe rimanere tra il 12 e il 17 giugno e il pubblico potrà fare visite guidate alle navi.

    Ecco cosa sappiamo sul motivo per cui la Russia ha inviato navi a Cuba adesso, quanto sono lontani i legami russo-cubani e perché i due si sono avvicinati nell’ultimo anno:

    le persone scattano foto
    La gente scatta foto del sottomarino russo a propulsione nucleare Kazan, parte del distaccamento navale russo in visita a Cuba, in arrivo al porto dell’Avana, il 12 giugno 2024 [Yamil Lage/AFP]

    Perché le navi da guerra sono all’Avana?

    La flottiglia fa parte di una visita “amichevole” di routine tra le marine dei due paesi, hanno detto funzionari cubani. Si prevede che l’equipaggio a bordo condurrà esercitazioni di addestramento militare durante la permanenza nei Caraibi.

    Ma gli analisti sostengono che la mossa di Mosca è in gran parte calcolata per mostrare la forza navale nel cortile di casa degli Stati Uniti. Il distaccamento arriva dopo l’escalation delle tensioni tra Russia e Stati Uniti, in seguito alla decisione del presidente Joe Biden di maggio di consentire all’Ucraina di attaccare obiettivi russi con armi americane.

    Il presidente russo Putin ha promesso ritorsioni non solo contro gli Stati Uniti, ma anche contro altri alleati occidentali dell’Ucraina che hanno rimosso le restrizioni sull’uso delle armi contro Mosca.

    “Ciò segnerebbe il loro coinvolgimento diretto nella guerra contro la Federazione Russa, e ci riserviamo il diritto di agire allo stesso modo”, ha detto Putin la settimana scorsa, aggiungendo che Mosca era pronta a usare armi nucleari.

    Benjamin Gedan, direttore del programma per l’America Latina presso il think tank Wilson Center con sede a Washington, DC, ha dichiarato all’agenzia di stampa The Associated Press che “le navi da guerra ricordano a Washington che è spiacevole quando un avversario si intromette nei vostri affari”. [neighbourhood].”

    Lo show-off navale ha anche lo scopo di rassicurare gli alleati latinoamericani di Mosca – Cuba e Venezuela – del suo continuo sostegno nei loro confronti contro Washington, hanno detto alcuni esperti.

    Come la Russia e Cuba, il Venezuela, economicamente devastato, ha rapporti spiacevoli con gli Stati Uniti ed è soggetto a sanzioni americane.

    Ammiraglio Gorshkov
    In un’immagine tratta dal video diffuso martedì 11 giugno 2024, si vede la fregata Admiral Gorshkov della marina russa in rotta verso Cuba [Russian Defence Ministry Press Service photo via AP]

    Quali navi ha schierato la Russia e quanto rappresentano una minaccia?

    La flotta russa comprende in totale quattro veicoli.

    • Ammiraglio Gorshkov: è la nave principale del convoglio. La fregata, cioè una nave da guerra leggera da governare e facilmente manovrabile, è uno dei modelli più moderni della marina russa. È in grado di effettuare attacchi missilistici a lungo raggio e operazioni antisommergibili, pur essendo difficile da individuare con i radar a causa dell’uso della tecnologia stealth. La nave è equipaggiata con missili ipersonici Zircon, che secondo Putin in passato possono volare nove volte più velocemente della velocità del suono a una distanza di oltre 1.000 km (più di 620 miglia). Trasporta anche missili da crociera Kalibr e Oniks.
    • Kazan: è un sottomarino a propulsione nucleare e ospita un reattore nucleare. Si ritiene che il veicolo sia dotato anche di missili delle famiglie Kalibr e Oniks.
    • Pashin – la petroliera della flotta e un rimorchiatore di salvataggio – Nikolaj Chiker – completare il convoglio come veicoli di supporto.
    Mappa delle distanze INTERATTIVA Cuba Stati Uniti-1718263915
    Si prevede che la flottiglia resterà attraccata al porto dell’Avana per almeno 3 giorni, durante i quali i residenti potranno effettuare visite guidate sulle navi da guerra [Al Jazeera]

    Come hanno risposto gli Stati Uniti?

    I funzionari statunitensi stanno pubblicamente minimizzando lo schieramento e affermano che fa parte dei consueti scali tra Russia e Cuba.

    Il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, Jake Sullivan, ha detto mercoledì ai giornalisti che tali esercitazioni navali erano di routine e che non c’erano segnali che Mosca stesse trasferendo missili all’Avana.

    Lo scorso luglio, la Perekop – una nave scuola russa dotata di cannoni antiaerei e lanciarazzi – è stata in visita di quattro giorni all’Avana e ha condotto “una serie di attività”, secondo i funzionari cubani. L’Ammiraglio stesso ha visitato nel 2019.

    “Abbiamo già visto questo genere di cose in passato, e ci aspettiamo di vedere questo genere di cose ancora, e non ho intenzione di leggervi alcun motivo particolare”, ha detto Sullivan, aggiungendo che gli Stati Uniti rimarranno vigili.

    Gli Stati Uniti hanno schierato navi e aerei che hanno monitorato i movimenti della flotta anche prima che arrivasse a Cuba e hanno valutato che non c’erano armi nucleari a bordo, hanno detto i funzionari parlando ai media statunitensi, sottolineando che la flotta è rimasta per tutto il tempo in acque internazionali.

    Marinai russi a Cuba
    Marinai russi dell’equipaggio del cacciatorpediniere Vice Ammiraglio Kulakov tornano alla loro nave portando scatole di rum cubano e altri souvenir mentre passano davanti all’incrociatore missilistico Moskva nel porto dell’Avana, Cuba, lunedì 5 agosto 2013 [Ramon Espinosa/AP]

    Cosa dicono Cuba e Russia?

    Martedì il Ministero della Difesa russo ha dichiarato che la flotta aveva condotto esercitazioni nell’Atlantico mentre era in viaggio verso Cuba.

    Secondo il ministero, l’equipaggio russo si è esercitato nell’uso di armi missilistiche ad alta precisione con l’aiuto di obiettivi di navi nemiche simulati al computer situati a una distanza di oltre 600 km (più di 320 miglia nautiche).

    Nel frattempo, il Ministero degli Esteri cubano, prima dell’arrivo della flotta, ha sottolineato che nessuna delle navi da guerra porterà armi nucleari e ha aggiunto che la loro presenza “non rappresenta una minaccia per la regione”.

    “Le visite di unità navali di altri paesi sono una pratica storica del governo rivoluzionario con le nazioni che mantengono rapporti di amicizia e collaborazione”, ha affermato il ministero in una nota.

    È una riproduzione del 1962?

    Sia la Russia che Cuba sono da tempo unite nella loro opposizione agli Stati Uniti. Durante la Guerra Fredda, i loro legami si approfondirono intensamente, poiché l’allora Unione Sovietica fece amicizia con l’Avana, ideologicamente allineata. Mosca fornì aiuti finanziari, equipaggiamento militare e addestramento navale, rafforzando la potenza militare del paese nei Caraibi.

    La situazione precipitò nel 1962, quando Mosca trasferì armi nucleari a Cuba, provocando la risposta degli Stati Uniti, che in risposta imposero un blocco navale all’Avana. Quell’episodio teso è ora conosciuto come la crisi missilistica cubana del 1962.

    La caduta dell’Unione Sovietica ha visto Cuba perdere un importante partner economico e cadere nella depressione economica. Ma negli ultimi anni la cooperazione tra i due paesi si è nuovamente approfondita.

    Gli analisti hanno affermato che lo spettacolo navale di questa settimana ha segnato l’intensificarsi delle relazioni, ma hanno notato che ciò non significa necessariamente una ripetizione degli eventi del 1962. Piuttosto, Cuba, in particolare, è nuovamente attratta dalla Russia per ragioni economiche, piuttosto che ideologiche.

    Crisi missilistica di Cuba
    Un funzionario dell’amministrazione statunitense mostra ai membri del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite le vedute aeree di una delle basi missilistiche a medio raggio cubane, scattate nell’ottobre del 1962. Allora sono state lanciate minacce di una guerra nucleare, proprio come è successo negli ultimi mesi [File: AFP]

    Come si sono approfonditi i loro legami economici nell’ultimo anno?

    Con le sanzioni commerciali più durature della storia moderna, dal 1958 gli Stati Uniti hanno vietato alle entità americane di commerciare con Cuba, in seguito al rovesciamento del governo dell’Avana sostenuto da Fidel Castro.

    Sebbene le sanzioni siano state allentate in momenti diversi, sono rimaste in gran parte stabili nel corso degli anni. Nel 2015, il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha deciso di ristabilire i rapporti diplomatici con Cuba dopo 50 anni, ma il suo successore Donald Trump ha invertito la rotta quasi quattro anni dopo.

    Ciò ha in parte contribuito al perdurare della crisi economica nel paese caraibico – insieme alle instabili politiche economiche del governo – hanno detto gli analisti.

    “Il blocco si qualifica come un crimine di genocidio”, ha detto il ministro degli Esteri cubano Bruno Rodriguez Parrilla in una riunione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite a novembre, riferendosi alle sanzioni statunitensi.

    Il deterioramento dei servizi pubblici, le regolari interruzioni di corrente, la carenza di cibo e carburante e l’elevata inflazione hanno spinto Cuba nella peggiore crisi economica degli ultimi decenni.

    Negli ultimi anni Cuba si è nuovamente rivolta alla Russia, con l’obiettivo di attirare investitori stranieri. I due paesi, lo scorso maggio, hanno avviato una serie di partenariati economici, tra cui uno che consentirà alle imprese russe di affittare terreni cubani per 30 anni – una mossa insolita in un paese in gran parte chiuso.

    Il commercio bilaterale tra Cuba e Russia ha raggiunto i 450 milioni di dollari nel 2022, tre volte quello del 2021, hanno affermato funzionari russi. Circa il 90% del commercio comprendeva vendite di prodotti petroliferi e olio di soia, poiché la Russia pompa nel paese il carburante di cui ha assoluto bisogno.

    Ricardo Cabrisas, ex ministro del commercio estero di Cuba, ha detto ai giornalisti a margine di un forum d’affari che ha ospitato investitori russi all’Avana lo scorso maggio che i legami economici tra Russia e Cuba non potranno che rafforzarsi.

    “Niente e nessuno può fermarlo”, ha detto Cabrisas.

    Related articles

    Stay Connected

    0FansLike
    0FollowersFollow
    0FollowersFollow
    0SubscribersSubscribe
    spot_img

    Latest posts