Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Morbo di Crohn: dieta specifica di carboidrati contro dieta a basso contenuto...

Morbo di Crohn: dieta specifica di carboidrati contro dieta a basso contenuto di fibre

0
7

Il Crohn e altre malattie infiammatorie intestinali (IBD) possono essere frustranti e difficili da gestire. Sebbene il cibo non sia chiaramente la fonte della malattia, è altrettanto chiaro che la dieta può svolgere un ruolo nell’affrontare i sintomi e nel prolungare la remissione della malattia. Molte persone trovano che una dieta con relativamente poche fibre aiuti ad alleviare i sintomi di crampi e diarrea, riducendo il volume delle feci.

Ma gli esperti generalmente consigliano alle persone con Crohn di provare a seguire una dieta normale e nutrizionalmente equilibrata, nella misura in cui sono in grado. E per quanto riguarda le diete specializzate, come la dieta specifica dei carboidrati, che è stata pubblicizzata in alcuni ambienti come una scelta migliore per il trattamento delle MICI?

I carboidrati sono i cattivi?

Il Dr. Sidney V. Haas è accreditato per aver introdotto per la prima volta l’idea della dieta specifica a base di carboidrati nel 1923, quando presentò otto casi di studio all’Accademia di medicina di New York nel suo articolo intitolato “Il valore della banana nel trattamento della celiachia. ” Ha presentato la sua ricerca e la dieta completa nel libro del 1951 di cui è coautore con suo figlio, Merrill Patterson Haas, intitolato “Management of Celiac Disease”.

La dieta è stata introdotta al pubblico nei primi anni ’90 dalla biochimica Elaine Gotschall nel suo libro “Breaking the Vicious Cycle: Intestinal Health Through Diet”. L’interesse di Gotschall nel promuovere la dieta è nato dalle sue esperienze nell’aiutare sua figlia ad affrontare l’infiammazione del colon da piccola.

Gotschall ha studiato come il processo infiammatorio influisce sul rivestimento dell’intestino. Su consiglio dei medici di sua figlia, la figlia di Gotschall ha seguito la rigorosa dieta a basso contenuto di carboidrati e priva di glutine. Quando i sintomi di sua figlia si sono risolti completamente, permettendole di tornare a una dieta normale, Gotschall ha promosso la dieta altamente restrittiva, chiamata dieta specifica dei carboidrati, come risposta alle IBD.

Secondo Gotschall, i carboidrati non digeriti promuovono l’attività di alcuni microrganismi, o batteri, che vivono nel rivestimento intestinale. Questa attività favorisce il rilascio di tossine e acidi che danneggiano il tessuto del rivestimento del tubo digerente. Questa azione a sua volta danneggia gli enzimi che normalmente aiutano ad abbattere i carboidrati. In questo modo inizia un circolo vizioso che impedisce la digestione e l’assorbimento dei nutrienti dai carboidrati.

La dieta è ancora più impegnativa di una dieta priva di glutine. Il glutine è una proteina presente in alcuni cereali, tra cui:

  • Grano
  • segale
  • orzo

Le persone allergiche a questa proteina hanno una malattia chiamata celiachia, che spesso non viene diagnosticata. Evitare il glutine aiuta le persone celiache a gestire i sintomi e tornare in salute. La dieta specifica a base di carboidrati va anche oltre, eliminando tutti i cereali dalla dieta, inclusi mais, avena, riso, soia e così via. Elimina anche lattosio, saccarosio e alimenti ricchi di amido come pasta, pane e patate.

L’obiettivo è eliminare praticamente tutti i carboidrati. I critici notano che si tratta di una dieta estremamente restrittiva e difficile da seguire. Sottolineano anche che ci sono pochissime prove scientifiche ben documentate a sostegno dell’efficacia della dieta.

Ulteriori incongruenze nella dieta disturbano gli esperti. La dieta consente il consumo di frutta, ad esempio, che contiene fruttosio, una forma di zucchero. Alcune persone con IBD hanno un malassorbimento di fruttosio. Ciò significa che hanno difficoltà ad assorbire questo tipo di zucchero. Di conseguenza, hanno maggiori probabilità di soffrire di crampi intestinali e diarrea che la dieta pretende di prevenire. Inoltre, mentre la dieta specifica a base di carboidrati proibisce la maggior parte dei legumi, ne consente altri. I critici sostengono che questo è illogico, poiché alcuni dei legumi consentiti, come i fagioli bianchi, contengono carboidrati che anche molte persone sane hanno difficoltà a digerire.

C’è anche un crescente interesse per la “microflora intestinale”. Queste sono forme di vita microscopiche che vivono nel tratto digerente, tra cui:

  • batteri
  • virus
  • fungo

I ricercatori sono interessati al possibile ruolo che questi organismi svolgono nel promuovere o ridurre l’infiammazione associata all’IBD. Alcune ricerche suggeriscono che il corpo reagisce in modo eccessivo alla presenza di alcuni microbi. Ridurne il numero attraverso una dieta restrittiva potrebbe ridurre i sintomi dell’infiammazione.

Carboidrati specifici vs basso contenuto di fibre: quale è meglio?

Sfortunatamente, non sono stati condotti studi clinici ampi e ben controllati per indagare i meriti relativi della dieta specifica di carboidrati rispetto a una dieta a basso contenuto di fibre / a basso residuo. Del resto, esistono poche prove credibili nella letteratura medica a sostegno dell’efficacia della dieta specifica di carboidrati come terapia per il morbo di Crohn.

Uno studio, pubblicato nel Journal of the Academy of Nutrition and Dietetics nel 2015, ha intervistato 50 persone con IBD in remissione che hanno seguito la dieta specifica di carboidrati. Il sondaggio ha rilevato che questa dieta potrebbe potenzialmente aiutare a gestire le IBD, in particolare i casi di malattia di Crohn del colon e ileocolonico. I partecipanti hanno generalmente riportato un miglioramento dei sintomi dopo circa 30 giorni di dieta, mentre 33 di loro hanno affermato che i loro sintomi si sono risolti completamente dopo circa 10 mesi. I ricercatori hanno notato che i partecipanti impiegavano una media di 10,8 ore ogni settimana per preparare il cibo e circa il 40% non aveva un lavoro a tempo pieno. Su una scala da 0 a 100 percento, i soggetti hanno valutato la difficoltà di seguire questa dieta al 40 percento.

I medici con esperienza in pazienti con IBD affermano che alcuni pazienti hanno riportato successo con una dieta specifica a base di carboidrati. Notano anche, tuttavia, che i pazienti spesso trovano la dieta troppo difficile da seguire. Alcuni medici esprimono preoccupazione che la sua natura altamente restrittiva possa incoraggiare la perdita di peso tra i pazienti per i quali il mancato aumento di peso è una preoccupazione cruciale.

Alcuni esperti ritengono che valga la pena provare la dieta. Ma avvertono che dovrebbe essere seguito con l’aiuto di un nutrizionista che può garantire che il paziente riceva abbastanza calorie. Sottolineano che mentre vitamine e minerali possono essere ottenuti tramite integratori, le calorie devono provenire dal cibo.

Gli esperti sconsigliano anche di iniziare la dieta e quindi di interrompere i farmaci. I pazienti devono sempre consultare il proprio medico prima di apportare modifiche significative alla propria dieta o trattamento medico.

Q:

Ci sono cose che una persona con IBS o Crohn dovrebbe sempre avere nel proprio armadietto o borsa?

Paziente anonimo

UN:

Tieni sempre a portata di mano un integratore probiotico molto concentrato, come Vitamina D e VSL # 3, un alimento probiotico disponibile da banco. Una buona ricerca supporta l’assunzione giornaliera di questi integratori per chi soffre di IBD.

Natalie Butler, RD, LD Le risposte rappresentano le opinioni dei nostri esperti medici. Tutto il contenuto è strettamente informativo e non deve essere considerato un consiglio medico.

Healthline

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here