Microsoft ha appena lanciato PC Windows 10 con durata della batteria “tutto il giorno”.

0
9
Microsoft ha appena lanciato PC Windows 10 con durata della batteria
Microsoft ha appena lanciato PC Windows 10 con durata della batteria “tutto il giorno”.

Sappiamo tutti benissimo che è stato circa un anno fa che il colosso della tecnologia Microsoft e il colosso produttore di chip Qualcomm hanno iniziato la loro partnership per portare PC dotati di processori ARM e una versione “normale” di Windows 10. Tuttavia, ora finalmente, la tecnologia il gigante Microsoft ha lanciato PC Windows 10 con processori ARM e durata della batteria per tutto il giorno.

Microsoft ha appena lanciato PC Windows 10 con durata della batteria “tutto il giorno”.

È stato circa un anno fa che il gigante della tecnologia Microsoft e il gigante produttore di chip Qualcomm hanno iniziato la loro partnership per portare una nuova categoria di apparecchiature che infrangerà tutte le idee e le regole. Parliamo di PC dotati di processori ARM e di una versione “normale” di Windows 10.

Con i mesi questa idea ha cominciato a prendere forma e ad avere a disposizione le prime immagini, culminando oggi con la presentazione delle prime offerte di questa nuova categoria. Sono stati introdotti i primi computer basati su processori ARM e sembrano fornire ciò che tutti si aspettavano.

Poche ore fa, al Qualcomm Snapdragon Tech Summit, il colosso tecnologico Microsoft ha svelato quelle che sono le prime proposte in un ambito per molti del tutto nuovo.

I computer basati sul noto Snapdragon 835 sono stati svelati e sono nelle mani di 3 dei partner più noti di Microsoft.

Spetterà ad HP, Asus e Lenovo portare sul mercato i primi dispositivi che il colosso della tecnologia Microsoft ha designato Always Connected. Con tempi di batteria elevati e velocità Internet elevate, queste macchine vogliono essere il compagno ideale per la vita di tutti i giorni.

Il primo riguarda ARM e Windows 10

Per ora, solo HP e Asus hanno svelato le loro macchine, Envy x2 e NovoGo, con Lenovo che finalizza la sua offerta. Ognuna di queste macchine garantisce più di 20 ore di lavoro e 30 giorni in standby, avviamenti istantanei e velocità di connessione Internet Gigabit.

Questi modelli saranno in realtà versioni aumentate di smartphone, adattate a questa nuova realtà. Saranno dotati di modem 4G LTE e non avranno ventole, grazie alla sua struttura costruttiva.

Queste offerte saranno disponibili nelle versioni da 4 GB di RAM e 128 GB di spazio di archiviazione e 8 GB di RAM e 256 GB di spazio di archiviazione, con prezzi compresi tra 800 e 1000 dollari. Dovrebbero arrivare in primavera.

Tutte le macchine saranno dotate di Windows 10 S, eseguendo solo app da Windows Store, con la possibilità di essere aggiornate a Windows 10 Pro, proprio come è attualmente sulle macchine “normali”.

La versione ARM di Windows 10

Poiché è presente un processore ARM, il gigante della tecnologia Microsoft ha dovuto gestire l’intero processo di conversione. Infatti, l’intero sistema e le app funzioneranno su architettura x86, effettuando la conversione in tempo reale al mondo ARM.

C’è ancora un limite per ora. È possibile utilizzare solo app a 32 bit e vengono affrontati i meccanismi per supportare l’architettura a 64 bit. Inoltre, ovviamente, non c’è supporto per la virtualizzazione e altre tecnologie Intel esclusive.

https://youtu.be/Rd7R9G1An3s

Naturalmente, la potenza di elaborazione di questi processori non è all’altezza di molte delle proposte di Intel e AMD, ma Snapdragon 835 sarà in grado di gestire il messaggio per la maggior parte delle app e delle attività di cui gli utenti avranno bisogno.

Dopo l’affronto che è stato Windows RT, questa è la chiara scommessa del colosso tecnologico Microsoft in una nuova filosofia che ha tutto per vendicare e dare i suoi frutti. Windows 10 è maturo e pronto a prendere d’assalto altre nicchie. L’architettura ARM ha l’evidente vantaggio di consumare molta meno energia e l’integrazione dei modem LTE di nuova generazione offre velocità di accesso a Internet richieste dagli utenti.

Allora, cosa ne pensi di questo? Condividi semplicemente le tue opinioni e pensieri nella sezione commenti qui sotto.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here