Fragole fresche affettate in bicchieri di plastica
Le fragole possono aiutare a migliorare l’umore e la cognizione? Oscar Wong/Getty Images
  • Secondo un nuovo studio randomizzato e controllato, le fragole mangiate nella mezza età possono proteggere dal declino cognitivo e dalla depressione in età avanzata.
  • Lo studio ha coinvolto persone di mezza età con sovrappeso e resistenza all’insulina che hanno descritto di soffrire di un lieve declino cognitivo.
  • Gli autori dello studio suggeriscono che gli antociani, composti bioattivi presenti nelle fragole, nei mirtilli e in altri frutti di bosco, potrebbero essere l’agente neuroprotettivo all’opera.
  • Pur sostenendo le fragole come alimento sano, un neurologo era scettico sui risultati dello studio.

Secondo un nuovo studio, gli adulti di mezza età con sovrappeso e resistenza all’insulina che hanno consumato fragole per 12 settimane hanno riportato una riduzione delle interferenze con la memoria e della depressione.

Poiché i disturbi cognitivi, come il morbo di Alzheimer, si sviluppano lentamente nell’arco di anni a partire dalla mezza età, gli autori dello studio hanno studiato un cambiamento nella dieta che potrebbe rallentare la progressione della demenza e migliorare l’umore.

Lo studio si concentra sugli antociani, un composto nutrizionale contenuto nelle fragole. Ricerca precedente sui mirtilli – che contengono anche antociani – da parte dell’autore principale dello studio ha suggerito che il composto migliora la funzione cerebrale esecutiva.

Lo studio attuale era un piccolo studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo. Hanno partecipato cinque uomini e 25 donne. Sono stati divisi in due gruppi: uno che ha consumato fragole e uno che ha ricevuto un placebo.

I ricercatori hanno valutato la salute neurocognitiva e l’umore degli individui prima dell’inizio dello studio di 12 settimane.

Durante la prova, al gruppo sperimentale è stato chiesto di consumare un pacchetto di polvere mescolata con liquido, preparato con fragole intere essiccate, liofilizzate e macinate. La confezione di fragole conteneva l’equivalente di una tazza di fragole fresche intere, stabilita come porzione standard dalla California Strawberry Commission, che ha finanziato lo studio.

I ricercatori hanno formulato il placebo in modo che avesse lo stesso gusto, aspetto e carico di carboidrati della polvere di fragole.

Nessuno dei due gruppi ha consumato altre bacche durante il periodo di prova per evitare di influenzare i risultati dello studio poiché altri frutti simili potrebbero avere composti neuroprotettivi propri.

Gli effetti primari misurati dagli autori dello studio dopo il periodo di prova erano la frequenza degli “errori di intrusione” e l’umore auto-riferito dai partecipanti. Gli errori di intrusione descrivono la ripetizione o il ricordo di parole che non sono state incluse in un compito di apprendimento delle parole.

I ricercatori hanno osservato un minor numero di errori di intrusione dopo lo studio e una minore incidenza di depressione dopo lo studio.

Lo studio è stato pubblicato in Nutrienti.

I potenziali benefici per la salute delle fragole

Michelle Routhenstein, RD, CDE, CDN, una dietista di cardiologia preventiva che non è stata coinvolta nello studio, ha descritto le fragole in questo modo:

“Le fragole sono ricche di antociani, che le rendono potenzialmente buone per la salute cognitiva ed emotiva. Gli antociani sono ciò che conferisce alle fragole il loro pigmento rosso. Gli antociani sono un potente antiossidante che ha proprietà antinfiammatorie, che apportano benefici alla salute del cervello e delle emozioni”.

Routhenstein ha osservato che anche altri frutti contengono antociani, come mirtilli, more, mirtilli, ribes nero e gelsi.

Per molti, le uniche fragole disponibili durante gran parte dell’anno sono congelate.

Questo non dovrebbe essere un problema, secondo Routhenstein:

“Le fragole congelate sono nutrienti quanto le fragole fresche e spesso possono essere più gustose e più comode da consumare data la loro natura stagionale. È meglio scongelarli naturalmente, ad esempio in frigorifero durante la notte, per evitare di distruggere il contenuto di vitamina C quando vengono esposti al calore, come quando si cuociono nel microonde.

Le fragole possono proteggere dal declino cognitivo?

Gli autori dello studio ipotizzano che il beneficio degli antociani delle fragole risieda nella loro natura antinfiammatoria e che questa riduzione dell’infiammazione e una diminuzione dello stress ossidativo possano essere protettivi contro il declino cognitivo.

Il neurologo Dr. Clifford Segil era scettico: “È molto difficile come neurologo clinico affermare che il cibo che avrà un effetto antinfiammatorio ti proteggerà dalla perdita di memoria”. Questo “perché diamo alle persone Motrin, Advil e Alleve, che sono farmaci antinfiammatori”.

“Se questi non ti proteggono dalla perdita di memoria, che effetto avrà su di te un alimento antinfiammatorio intelligente?”

“Le fragole sembrano buone.” Ha aggiunto il dottor Segil. “Ma è difficile dire che sarebbe neuroprotettivo.”

Il dottor Segil ha detto che studi come questo attraversano continuamente la sua scrivania: “Il mio studio preferito fino ad oggi è stato uno sugli sciroppi e come gli sciroppi d’acero sono protettivi. I miei figli adorano lo sciroppo e vorrei solo che fosse neuroprotettivo.

Tuttavia ce n’è qualcuno ricerca che ha trovato un’associazione tra fragole e un ridotto rischio di intrecci tau caratteristici della malattia di Alzheimer con il consumo di fragole e del loro composto bioattivo, la pelargonidina.

Come le fragole possono influenzare l’umore

Allo stesso modo, il dottor Segil ipotizza che l’effetto benefico delle fragole sull’umore abbia meno a che fare con gli antociani e più con qualcosa di più semplice.

Notando che i partecipanti allo studio erano in sovrappeso, ha proposto:

“Le fragole e questo tipo di alimenti possono far diminuire il peso e, se le persone mangiano cibi più sani, potrebbero non essere esposte a cibi malsani, e ciò potrebbe aumentare la sensazione di felicità dei pazienti perché stanno mangiando sano.”

Il dottor Segil ha aggiunto: “Come neurologo, consiglio comunemente alle persone di aumentare il consumo di cibi come fragole e mirtilli quando i pazienti sono stitici, perché sono anche un ammorbidente delle feci. Quindi il beneficio più diretto per il quale consiglio clinicamente alle persone di aumentare l’assunzione di frutti di bosco è l’ammorbidimento delle feci, che può anche avere benefici per la salute, ma non è un beneficio neurologico diretto”.