Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi L’unica differenza tra malattie sessualmente trasmissibili e malattie sessualmente trasmissibili e come...

L’unica differenza tra malattie sessualmente trasmissibili e malattie sessualmente trasmissibili e come ridurre al minimo il rischio

0
4

persona seduta a gambe incrociate sul letto che usa il proprio laptop

IST e MST non sono la stessa cosa. Veramente!

Se pensavi che lo fossero, non sei l’unico. I termini sono spesso usati in modo intercambiabile anche se sono condizioni diverse.

Quindi, qual è la differenza e perché è importante? Ci arriveremo e risponderemo ad alcune delle tue altre domande su STI e STD qui.

Qual è la risposta breve?

Le malattie sessualmente trasmissibili sono infezioni trasmesse sessualmente. Le malattie sessualmente trasmissibili sono malattie a trasmissione sessuale.

Una IST è considerata una malattia solo quando provoca sintomi. Questo è tutto. Questa è l’unica differenza.

Perché cambiare dopo anni di riferimento a tutte le malattie sessualmente trasmissibili come malattie sessualmente trasmissibili? Per migliorare la precisione e lo stigma.

STI è più accurato per la maggior parte dei casi. Inoltre, STD è un acronimo che fa rabbrividire alcune persone grazie ad anni di educazione sessuale scadente e cattivi speciali doposcuola.

Infezione contro malattia

Pensa a un’infezione come al primo passo verso la malattia. Le infezioni non si sono ancora trasformate in malattie e spesso non causano alcun sintomo.

Questo è in realtà il motivo per cui molti esperti stanno spingendo per utilizzare STI su STD e credono che “STD” sia fuorviante.

La “malattia” suggerisce che una persona ha un problema medico con segni e sintomi evidenti. Spesso non è affatto così poiché le malattie sessualmente trasmissibili più comuni, come la clamidia e la gonorrea, sono spesso asintomatiche.

Tutte le malattie sessualmente trasmissibili iniziano come malattie sessualmente trasmissibili

Non tutte le malattie iniziano come infezioni, ma quando si tratta di quelle trasmesse sessualmente, lo fanno.

Le infezioni si verificano quando agenti patogeni come virus, batteri o parassiti entrano nel tuo corpo e iniziano a moltiplicarsi. Il modo in cui entrano nel tuo corpo dipende dal tipo di agente patogeno.

Alcuni entrano attraverso il contatto pelle a pelle con una persona che ha un’infezione; altri sono trasmessi attraverso uno scambio di fluidi corporei, come sperma, secrezioni vaginali o sangue.

L’infezione progredisce in malattia quando questi agenti patogeni causano danni alle cellule e compaiono segni e sintomi.

Ma non tutte le malattie sessualmente trasmissibili si trasformano in malattie sessualmente trasmissibili

Alcune malattie sessualmente trasmissibili non si sviluppano mai in malattie sessualmente trasmissibili. Prendi l’HPV, per esempio.

HPV generalmente si risolve da solo senza causare problemi di salute. In questi casi, l’HPV è una IST.

Se l’infezione non si risolve da sola, può causare verruche genitali o alcuni tipi di cancro. Questo poi lo rende una malattia.

Sintomi da tenere d’occhio

I sintomi possono richiedere giorni, settimane o addirittura anni per comparire, se non del tutto, motivo per cui i test sono importanti. (Più su questo in un secondo.)

Detto questo, chiunque sia sessualmente attivo dovrebbe sapere a quali sintomi prestare attenzione.

Tieni presente che i sintomi variano tra le malattie sessualmente trasmissibili e possono colpire diverse parti del tuo corpo, a seconda del tipo di attività sessuale che hai avuto.

Per la cronaca, questo vale per qualsiasi tipo di attività sessuale, compreso il sesso vaginale e anale, orale (rimming, anche!), Seghe/sesso con le mani, humping a secco, ecc.

Ecco cosa cercare:

  • protuberanze, piaghe o eruzioni cutanee dentro o intorno a genitali, ano, glutei o cosce
  • cambiamenti nella quantità, nel colore o nell’odore delle perdite vaginali
  • scarico del pene
  • sanguinamento vaginale insolito o spotting tra i periodi o dopo il sesso
  • minzione dolorosa o bruciante
  • dolore durante la penetrazione vaginale o anale
  • dolore pelvico
  • testicoli dolorosi o gonfi
  • formicolio o prurito intorno ai genitali
  • linfonodi ingrossati e doloranti, specialmente all’inguine e al collo
  • eruzione genitale o anale
  • sanguinamento rettale

Quando fare il test

Il Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) raccomanda lo screening annuale per tutti gli adulti sessualmente attivi, ma una buona regola generale è fare il test se:

  • hanno fatto sesso senza un metodo barriera, come un preservativo
  • hanno avuto o stanno pianificando di fare sesso con un nuovo partner
  • avere più partner sessuali
  • sei preoccupato che tu possa essere stato esposto a una STI
  • sono incinta?
  • condividere l’attrezzatura per l’iniezione di farmaci

Ma non saltare direttamente dal sacco alla clinica di screening, perché fare il test troppo presto non ti dirà se sei stato esposto a una IST dal tuo più recente incontro sessuale.

Le malattie sessualmente trasmissibili hanno un periodo di incubazione. Questo è il tempo che intercorre tra quando contrai l’infezione e il tuo corpo riconosce e produce anticorpi contro di essa.

La presenza di questi anticorpi – o la loro mancanza – è ciò che ti dà il risultato.

I periodi di incubazione variano a seconda delle infezioni, da pochi giorni per clamidia e gonorrea a mesi o anni per HPV e sifilide.

Detto questo, se hai motivo di credere di essere stato esposto a una IST, parla con un operatore sanitario per un consiglio il prima possibile.

A seconda della tua situazione, possono consigliarti sui passaggi successivi, ad esempio quando sottoporti al test o sulle misure preventive, come la profilassi post-esposizione (PEP) se potresti essere stato esposto all’HIV.

Cosa succede dopo

Dipende dai tuoi risultati.

Risultato negativo

Se ricevi un risultato negativo, tieni sotto controllo lo screening con regolari test STI.

Chiedi al tuo medico il miglior programma di screening per te in base ai tuoi fattori di rischio individuali. Puoi anche parlare con loro dei modi migliori per ridurre il rischio di malattie sessualmente trasmissibili, come l’utilizzo di metodi di barriera o PrEP.

Risultato positivo

Se ricevi un risultato positivo, il tuo medico prescriverà un trattamento o un piano di gestione a seconda della diagnosi.

Dovrai anche informare i tuoi partner in modo che possano essere testati e trattati se necessario. Non sai come dirglielo? Ti abbiamo! Questa guida può aiutare.

Le malattie sessualmente trasmissibili più comuni sono causate da batteri. Un ciclo di antibiotici di solito può curarli.

Gli antibiotici non funzionano sulle infezioni causate da virus. Alcune infezioni virali si risolvono da sole, ma la maggior parte sono condizioni a lungo termine. I farmaci antivirali di solito possono gestire i sintomi e ridurre il rischio di trasmissione.

Per le malattie sessualmente trasmissibili come i granchi, che sono causate da qualcosa di diverso da batteri o virus, i farmaci topici e orali di solito fanno il trucco.

Potrebbe essere consigliato di ripetere il test per assicurarsi che il trattamento abbia funzionato.

La linea di fondo

Anche se le malattie sessualmente trasmissibili e le malattie sessualmente trasmissibili sono tecnicamente diverse, è probabile che continuerai a vedere l’acronimo usato in modo intercambiabile. Nessun problema, perché ora sai cosa è cosa.

Goditi la sensazione di conoscere la differenza e continua a rimanere al passo con la tua salute sessuale. La conoscenza è potere, amici!


Adrienne Santos-Longhurst è una scrittrice e autrice freelance con sede in Canada che ha scritto molto su tutto ciò che riguarda la salute e lo stile di vita per più di un decennio. Quando non è rinchiusa nel suo capannone per scrivere a fare ricerche su un articolo o intervistare professionisti della salute, può essere trovata a spassarsela nella sua città di mare con marito e cani al seguito o a sguazzare nel lago cercando di padroneggiare la tavola da paddle stand-up.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here