Le forze di sicurezza libanesi si affrontano contro i manifestanti vicino al palazzo del parlamento

0
80

Un manifestante lancia una bomboletta di gas lacrimogeni durante una protesta contro un'élite al potere accusata di aver guidato il Libano verso la crisi economica a Beirut, in Libano, il 18 gennaio 2020. REUTERS / Mohamed Azakir

BEIRUT – Le forze di sicurezza di Beirut hanno sparato gas lacrimogeni e hanno usato i cannoni ad acqua sabato negli scontri con manifestanti armati di rami di alberi e insegne vicino al parlamento libanese.

Dopo una pausa di proteste in gran parte pacifiche scoppiate in tutto il paese a ottobre sullo stato dell'economia, la gente ha riempito di nuovo le strade questa settimana. Sono furiosi per un'élite al potere che ha guidato il paese verso la peggiore crisi economica degli ultimi decenni.

La polizia che maneggia manganelli e spara gas lacrimogeni ha ferito dozzine di persone alle proteste nei giorni scorsi, allarmando gruppi di diritti umani. La rabbia nei confronti delle banche – che hanno frenato l'accesso delle persone ai propri risparmi – è esplosa, con i manifestanti che hanno rotto le facciate delle banche e i bancomat martedì sera.

Le forze di sicurezza interna del Libano hanno detto sabato che la polizia di Beirut si trovava "violentemente e direttamente" di fronte a uno degli ingressi al parlamento. In un tweet, ha invitato le persone a lasciare l'area per la propria sicurezza.

Testimoni hanno riferito di aver visto giovani scagliare pietre e vasi di fiori verso la polizia antisommossa, mentre i manifestanti hanno cercato di attraversare un ingresso in un quartiere pesantemente barricato del centro di Beirut, che comprende il parlamento.

Centinaia di manifestanti hanno marciato e cantato contro nella classe politica in altre parti della capitale. Un grande stendardo in uno dei raduni recitava: "Se il popolo ha fame, mangerà i suoi sovrani".

I disordini, scaturiti dalla rabbia per la corruzione e dall'aumento del costo della vita, hanno costretto il Primo Ministro Saad al-Hariri a dimettersi a ottobre. Da allora i politici fautori non sono riusciti a concordare un nuovo gabinetto o un piano di salvataggio.

La sterlina libanese ha perso quasi la metà del suo valore, mentre la carenza di dollari ha aumentato i prezzi e la fiducia nel sistema bancario è crollata.