Le fasi del Parkinson

0
3

Simile ad altre malattie progressive, la malattia di Parkinson è classificata in diverse fasi. Ogni fase spiega lo sviluppo della malattia e i sintomi che un paziente sta vivendo. Queste fasi aumentano di numero con l’aumentare della gravità della malattia. Il sistema di gestione temporanea più comunemente utilizzato è chiamato sistema Hoehn e Yahr. Si concentra quasi interamente sui sintomi motori.

Le persone con malattia di Parkinson sperimentano il disturbo in modi diversi. I sintomi possono variare da lievi a debilitanti. Alcuni individui possono passare agevolmente tra le cinque fasi della malattia, mentre altri possono saltare completamente le fasi. Alcuni pazienti trascorreranno anni nella fase uno con pochissimi sintomi. Altri potrebbero sperimentare una progressione più rapida verso le fasi finali.

Fase uno: i sintomi interessano solo un lato del corpo.

La fase iniziale della malattia di Parkinson si presenta tipicamente con sintomi lievi. Alcuni pazienti non rileveranno nemmeno i loro sintomi nelle prime fasi di questa fase. I sintomi motori tipici sperimentati nella fase uno includono tremori e tremori agli arti. I familiari e gli amici possono iniziare a notare altri sintomi tra cui tremore, cattiva postura e maschera facciale o perdita dell’espressione facciale.

Fase due: i sintomi iniziano a influenzare il movimento su entrambi i lati del corpo.

Una volta che i sintomi motori della malattia di Parkinson colpiscono entrambi i lati del corpo, sei passato alla fase due. Potresti iniziare ad avere problemi a camminare e mantenere l’equilibrio stando in piedi. Potresti anche iniziare a notare una difficoltà crescente nell’eseguire compiti fisici un tempo facili, come pulire, vestirsi o fare il bagno. Tuttavia, la maggior parte dei pazienti in questa fase conduce una vita normale con poca interferenza dalla malattia.

Durante questa fase della malattia, puoi iniziare a prendere farmaci. Il primo trattamento più comune per il morbo di Parkinson sono gli agonisti della dopamina. Questo farmaco attiva i recettori della dopamina, che fanno muovere i neurotrasmettitori più facilmente.

Fase tre: i sintomi sono più pronunciati, ma puoi comunque funzionare senza assistenza.

La terza fase è considerata malattia di Parkinson moderata. In questa fase, sperimenterai evidenti difficoltà a camminare, stare in piedi e altri movimenti fisici. I sintomi possono interferire con la vita quotidiana. È più probabile che tu cada e i tuoi movimenti fisici diventano molto più difficili. Tuttavia, la maggior parte dei pazienti in questa fase è ancora in grado di mantenere l’indipendenza e necessita di poca assistenza esterna.

Fase quattro: i sintomi sono gravi e invalidanti e spesso hai bisogno di assistenza per camminare, stare in piedi e muoverti.

La fase quattro della malattia di Parkinson è spesso chiamata malattia di Parkinson avanzata. Le persone in questa fase sperimentano sintomi gravi e debilitanti. I sintomi motori, come rigidità e bradicinesia, sono visibili e difficili da superare. La maggior parte delle persone nella fase quattro non è in grado di vivere da sola. Hanno bisogno dell’assistenza di un caregiver o di un assistente sanitario domiciliare per svolgere le normali attività.

Fase cinque: i sintomi sono i più gravi e richiedono di essere costretti su una sedia a rotelle o allettati.

Lo stadio finale della malattia di Parkinson è il più grave. Potresti non essere in grado di eseguire alcun movimento fisico senza assistenza. Per questo motivo, devi vivere con un caregiver o in una struttura in grado di fornire assistenza individuale.

La qualità della vita diminuisce rapidamente nelle fasi finali della malattia di Parkinson. Oltre ai sintomi motori avanzati, potresti anche iniziare a sperimentare maggiori problemi di linguaggio e memoria, come la demenza del morbo di Parkinson. I problemi di incontinenza diventano più comuni e infezioni frequenti possono richiedere cure ospedaliere. A questo punto, trattamenti e farmaci forniscono poco o nessun sollievo.

Sia che tu o una persona amata siate nelle prime o nelle ultime fasi della malattia di Parkinson, ricordate che la malattia non è fatale. Naturalmente, gli individui più anziani con malattia di Parkinson in stadio avanzato possono avere complicazioni della malattia che possono essere mortali. Queste complicazioni includono infezioni, polmonite, cadute e soffocamento. Con un trattamento adeguato, tuttavia, i pazienti con Parkinson possono vivere fino a quando quelli senza la malattia.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here