Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi L’alcol è un fattore di rischio per la malattia di Parkinson?

L’alcol è un fattore di rischio per la malattia di Parkinson?

0
121

Il legame tra il morbo di Parkinson e l’uso di alcol è complesso e non ancora del tutto compreso.

La malattia di Parkinson è una malattia neurologica che colpisce il movimento ed è causata da una perdita di cellule produttrici di dopamina nel cervello.

L’alcol influisce anche sulla dopamina. Quindi, è sicuro bere alcolici se si ha il morbo di Parkinson? La risposta non è così semplice.

Il consumo di alcol aumenta il rischio di sviluppare il morbo di Parkinson?

Per decenni, i ricercatori hanno studiato il legame tra la malattia di Parkinson (MdP) e il consumo di alcol, con risultati complessi e spesso contrastanti.

Alcuni studi non hanno mostrato alcun legame tra i due, mentre altri suggeriscono che un consumo moderato di alcol (5-29,9 grammi al giorno) può effettivamente ridurre il rischio di PD. Altre prove suggeriscono che l’uso di alcol pesante (più di 30 grammi al giorno) o prolungato aumenta il rischio.

Un grande europeo studio dal 2020 ha rilevato che gli uomini con un consumo moderato di alcol nel corso della vita avevano un rischio maggiore di sviluppare il morbo di Parkinson rispetto ai bevitori leggeri. Tuttavia, i risultati non hanno stabilito un legame significativo tra il consumo di alcol e il rischio di malattia di Parkinson.

Un’analisi di 11 studi ha rilevato che il consumo di alcol era collegato a un rischio leggermente ridotto di PD. E diversi tipi di alcol possono causare effetti diversi.

Ad esempio, due studi nell’analisi hanno rilevato che il consumo di birra, in particolare, era associato a un rischio ridotto di PD, mentre vino o liquori erano collegati a un rischio maggiore. Tuttavia, alcuni di questi risultati non erano statisticamente significativi. In altri quattro studi non è stata trovata alcuna differenza tra birra, vino e liquori.

Nel complesso, gli autori hanno scoperto che un ridotto rischio di PD era associato solo al consumo di birra ma non a liquori e vino. Ciò può essere dovuto al fatto che la birra ha un contenuto di etanolo molto più basso ma livelli più elevati di antiossidanti, come acido folico, niacina, purine e altri composti fenolici che si ritiene mediano gli effetti neuroprotettivi dell’alcol.

La birra è anche associata a un’alta concentrazione di acido urico, che ha dimostrato di avere effetti neuroprotettivi negli studi sugli animali.

Disturbo da uso di alcol e rischio di Parkinson

Alcune prove suggeriscono che l’uso pesante di alcol, come quello che si vede nel disturbo da uso di alcol, può portare ad un aumento del rischio di PD.

La ricerca ha dimostrato che il binge drinking a lungo termine interrompe il tipico funzionamento del cervello, portando ad un aumento dell’attività del glutammato e del rilascio dell’ormone dello stress e una ridotta capacità di eliminare il glutammato dal cervello.

Ciò può provocare un’eccessiva stimolazione delle cellule nervose, danni alle strutture cellulari e, in ultima analisi, la morte cellulare.

L’alcol peggiora i sintomi del Parkinson?

La malattia di Parkinson è caratterizzata da una diminuzione dei livelli di dopamina nel cervello a causa della perdita di cellule produttrici di dopamina in una regione del cervello.

L’assunzione acuta di alcol può aumentare il rilascio di dopamina in alcune regioni del cervello, che possono alleviare temporaneamente alcuni dei sintomi motori del morbo di Parkinson, come tremori e bradicinesia (lentezza dei movimenti).

Tuttavia, l’uso cronico di alcol o il consumo eccessivo di alcol possono portare a una deplezione a lungo termine della dopamina nel cervello, che può peggiorare i sintomi del morbo di Parkinson nel tempo.

L’alcol può anche interagire con i farmaci comunemente usati per gestire il morbo di Parkinson, come la levodopa, che è un precursore della dopamina. L’alcol può interferire con l’assorbimento e l’efficacia della levodopa, causando un aumento dei tremori e di altri sintomi motori.

In che modo l’alcol influisce sul PD?

L’alcol è un depressivo del sistema nervoso centrale che può interagire con i sintomi del morbo di Parkinson in vari modi, inclusi i seguenti:

  • Sintomi motori: L’alcol può influenzare la funzione motoria e la coordinazione e può peggiorare alcuni dei sintomi motori del morbo di Parkinson, come tremori, rigidità e bradicinesia (lentezza dei movimenti).
  • Interazioni farmacologiche: L’alcol può potenzialmente interagire con i farmaci per il morbo di Parkinson e ridurne l’efficacia, portando a un aumento dei sintomi del morbo di Parkinson.
  • Equilibrio e rischio di caduta: Il PD può aumentare il rischio di cadute a causa di problemi di equilibrio. L’alcol può ulteriormente compromettere l’equilibrio e la coordinazione, aumentando potenzialmente il rischio di cadute nelle persone con PD.
  • Disturbi del sonno: L’alcol può interrompere il sonno e le persone con PD spesso sperimentano già disturbi del sonno, come il disturbo comportamentale del sonno REM.

Puoi bere alcolici se hai il morbo di Parkinson?

L’eccessivo consumo di alcol o l’abuso cronico di alcol possono potenzialmente peggiorare i sintomi del morbo di Parkinson, interferire con l’efficacia dei farmaci, aumentare il rischio di cadute dovute a compromissione dell’equilibrio e della coordinazione e interrompere il sonno.

D’altra parte, alcune persone con PD possono tollerare un consumo moderato di alcol senza un significativo peggioramento dei sintomi. È importante discuterne con un operatore sanitario per determinare cosa è sicuro e appropriato per te.

Puoi bere se prendi carbidopa-levodopa?

Carbidopa-levodopa è un farmaco combinato che aiuta ad aumentare i livelli cerebrali di dopamina per alleviare alcuni dei sintomi motori del morbo di Parkinson.

Sia la carbidopa che la levodopa possono causare effetti collaterali come vertigini, sonnolenza e compromissione della coordinazione, che possono essere esacerbati dall’alcol.

Linea di fondo

La relazione tra la malattia di Parkinson e l’uso di alcol è complessa e non ancora del tutto compresa.

Mentre alcuni studi suggeriscono che un basso consumo di alcol può avere un effetto protettivo sulla malattia di Parkinson, altri suggeriscono che dipende dal tipo di alcol consumato. Ci sono anche prove che il consumo eccessivo di alcol può aumentare il rischio di sviluppare il morbo di Parkinson o peggiorarne i sintomi.

Se tu o una persona cara avete il morbo di Parkinson, assicurati di consultare il tuo medico per una consulenza medica personalizzata in merito all’uso di alcol.