Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi La ricerca sul diabete più rivoluzionaria del 2015

La ricerca sul diabete più rivoluzionaria del 2015

0
5

Il diabete è una malattia metabolica caratterizzata da alti livelli di zucchero nel sangue dovuti alla mancanza o alla ridotta quantità di insulina, all’incapacità del corpo di usare correttamente l’insulina o ad entrambi. Secondo il Organizzazione mondiale della sanità, circa il 9% degli adulti in tutto il mondo ha il diabete e la malattia uccide circa 1,5 milioni di persone all’anno.

Esistono due forme principali di diabete. Il diabete di tipo 1 è una malattia autoimmune che colpisce generalmente bambini e giovani adulti e colpisce circa 1,25 milioni di persone negli Stati Uniti. Quasi 28 milioni di persone negli Stati Uniti hanno il diabete di tipo 2. In genere si sviluppa più tardi nella vita, anche se ai giovani viene sempre più diagnosticato il diabete di tipo 2. Si trova più comunemente nelle persone in sovrappeso. Entrambi i tipi di diabete possono essere familiari.

Non esiste una cura per il diabete, ma può essere gestita con farmaci e cambiamenti significativi nello stile di vita. La mancata gestione del diabete ha gravi conseguenze. Il diabete provoca cecità, problemi ai nervi, malattie cardiovascolari e può aumentare il rischio di Alzheimer. Può anche causare insufficienza renale e danni ai piedi abbastanza gravi da richiedere l’amputazione.

Negli ultimi 30 anni, casi di diabete sono triplicati negli Stati Uniti, dove ora è la settima causa di morte. Mentre i tassi di diabete sono in aumento in tutti i gruppi etnici, è più comune tra gli afro-americani e i nativi americani.

Trovare una cura per il diabete è fondamentale. Fino a quando non ne abbiamo trovato uno, migliorare la consapevolezza e aiutare le persone che hanno già il diabete a gestire meglio le loro condizioni è fondamentale. Continua a leggere per scoprire cosa è successo nel 2015 che ci ha avvicinato a questi obiettivi.

1. Aiuta a smettere di fumare.

Secondo il Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie, le persone che fumano sigarette hanno tra il 30 e il 40% in più di probabilità di sviluppare il diabete di tipo 2. E i fumatori che hanno già il diabete hanno maggiori probabilità di essere a rischio di gravi complicazioni di salute, come malattie cardiache, retinopatia e cattiva circolazione.

2. Abbiamo estratto i dati per identificare i sottotipi.

Pensiamo al diabete come a una singola malattia, ma le persone che ne soffrono sperimentano molte differenze nel tipo e nella gravità dei sintomi. Queste variazioni sono chiamate sottotipi e un nuovo studio dei ricercatori della Icahn School of Medicine sul Monte Sinai ha fornito alcune informazioni approfondite su di esse. I ricercatori hanno raccolto dati anonimi da decine di migliaia di cartelle cliniche elettroniche, sostenendo l’efficacia dei regimi di trattamento che si rivolgono a ciascuna varietà al posto di un approccio unico per tutti.

3. Depressione e diabete: quale è venuto prima?

È relativamente comune per una persona avere sia il diabete che la depressione, ma la relazione è sempre stata un po ‘un enigma di pollo e uova. Molti esperti ritengono che il diabete sia l’istigatore. Ma un recente studio di ricercatori in Norvegia dice che la relazione può andare in entrambe le direzioni. Hanno scoperto una serie di fattori fisici per ciascuna condizione che potrebbero influenzare, o addirittura provocare, l’altra. Ad esempio, mentre il diabete altera la struttura e il funzionamento del cervello in modi che potrebbero potenzialmente portare allo sviluppo della depressione, gli antidepressivi possono aumentare il rischio di sviluppare il diabete.

4. Un integratore alimentare tossico può aiutare a curare il diabete?

DNP, o 2,4-dinitrofenolo, è una sostanza chimica controversa con effetti collaterali potenzialmente tossici. Sebbene sia stato etichettato come “non adatto al consumo umano” da organi di regolamentazione sia negli Stati Uniti che nel Regno Unito, rimane ampiamente disponibile in forma di supplemento.

Sebbene pericoloso in grandi quantità, uno studio recente ha considerato la possibilità che una versione a rilascio controllato di DNP possa invertire il diabete nei ratti. Questo perché ha avuto successo nel precedente trattamento di laboratorio della steatosi epatica non alcolica e della resistenza all’insulina, che è un precursore del diabete. La versione a rilascio controllato, chiamata CRMP, è risultata non tossica per i ratti ei ricercatori hanno ipotizzato che potesse essere sicura ed efficace nel controllo del diabete negli esseri umani.

5. La soda è rischiosa anche per i tipi di corpo più magri.

Sappiamo che esiste una connessione tra il diabete di tipo 2 e l’obesità o il sovrappeso. Questi problemi di peso spesso derivano da una dieta ricca di zuccheri. Anche se questo potrebbe portarti a concludere che sono solo le persone in sovrappeso che devono evitare le bibite, una nuova ricerca mostra che queste bevande mettono a rischio chiunque, indipendentemente dalle loro dimensioni.

Secondo un revisione internazionale della ricerca esistente, bere troppe bevande zuccherate – comprese soda e succhi di frutta – è positivamente associato al diabete di tipo 2, indipendentemente dal peso. I ricercatori hanno scoperto che queste bevande contribuiscono tra il 4 e il 13% dei casi di diabete di tipo 2 negli Stati Uniti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here