La polizia di Hong Kong spara gas lacrimogeni per spezzare il caos di protesta della vigilia di Natale

0
60

HONG KONG – La polizia antisommossa di Hong Kong ha sparato colpi di gas lacrimogeni contro migliaia di manifestanti, molti indossando maschere e corna di renna, dopo scarabocchi nei centri commerciali e in un distretto turistico di primo piano mentre le manifestazioni per la democrazia si sono intensificate nel caos della vigilia di Natale.

I manifestanti all'interno dei centri commerciali hanno lanciato ombrelli e altri oggetti contro la polizia che ha risposto picchiando alcuni manifestanti con manganelli, con uno che puntava la sua pistola contro la folla, ma senza sparare.

Alcuni manifestanti hanno occupato le strade principali e bloccato il traffico al di fuori dei centri commerciali e dei vicini hotel di lusso nel distretto turistico di Kimloon Tsim Sha Tsui.

Un uomo è stato mostrato all'emittente pubblica RTHK mentre cadeva dal secondo piano al primo piano di un centro commerciale nel distretto rurale di Yuen Long mentre cercava di eludere la polizia. Era cosciente mentre veniva portato via dai paramedici.

C'è stata una forte presenza della polizia nella notte di Tsim Sha Tsui con centinaia di ufficiali che sorvegliavano le strade mentre migliaia di turisti e turisti di Natale, alcuni con indosso cappelli di Babbo Natale, guardavano. Un canone per l'acqua e diverse jeep di polizia corazzate erano parcheggiate nelle vicinanze.

Dozzine di manifestanti hanno iniziato a scavare mattoni dalle strade e hanno allestito barricate, come ha affermato la polizia in una dichiarazione che avrebbero dispiegato "forza minima per effettuare la dispersione" e arrestato "rivoltosi".

Molte famiglie con bambini si erano radunate nell'area per vedere le luci di Natale lungo il lungomare, lo sfondo spettacolare dell'isola di Hong Kong sul lato opposto del porto.

Le proteste a Hong Kong, governata dalla Cina, ormai al settimo mese, hanno perso parte delle dimensioni e dell'intensità dei precedenti scontri violenti. Una manifestazione pacifica di questo mese ha attirato ancora 800.000 persone, secondo gli organizzatori, mostrando un forte sostegno al movimento.

Decine di vestiti di nero, maschera con manifestanti che recitavano slogan tra cui "Rianima Hong Kong, rivoluzione dei nostri tempi" e "Indipendenza di Hong Kong" mentre vagavano per i centri commerciali.

"Molte persone fanno shopping, quindi è una buona opportunità per diffondere il messaggio e dire alla gente per cosa stiamo combattendo", ha detto Ken, uno studente di 18 anni.

I manifestanti antigovernativi reagiscono ai gas lacrimogeni durante una protesta alla vigilia di Natale a Tsim Sha Tsui a Hong Kong, Cina, 24 dicembre 2019. REUTERS / Tyrone Siu

"Combattiamo per la libertà, lottiamo per il nostro futuro".

Una filiale bancaria del gruppo bancario globale HSBC è stata vandalizzata a Mong Kok, secondo i filmati televisivi. Venerdì la banca è stata coinvolta in una saga che ha coinvolto una repressione ufficiale su una piattaforma di raccolta fondi a sostegno dei manifestanti in difficoltà.

HSBC ha negato qualsiasi collegamento tra un blocco della polizia sulla piattaforma, chiamato Spark Alliance, e la precedente chiusura di un conto bancario HSBC legato al gruppo.

I manifestanti avevano tuttavia richiesto un boicottaggio della banca nella sua sede centrale nel cuore del distretto finanziario di Hong Kong.

Circa 100 manifestanti hanno anche distrutto uno Starbucks all'interno di un centro commerciale chiamato Mira Place, rompendo i banchi di vetro che mostravano pasticcini e spruzzavano graffiti sui muri.

La catena di caffetterie è stata un obiettivo comune dei manifestanti dopo che la figlia del fondatore di Maxim's Caterers, proprietaria del franchising locale, ha condannato i manifestanti in un consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite a Ginevra.

L'operatore della metropolitana MTR Corp ha dichiarato di aver chiuso due stazioni, Mong Kok e Tsim Sha Tsui, martedì mattina presto a causa delle proteste nella zona. I servizi ferroviari dovevano essere eseguiti durante la notte alla vigilia di Natale.

Il Fronte dei diritti umani civili, che ha organizzato alcune delle più grandi marce che coinvolgono più di un milione di persone, si è presentato per organizzare un'altra marcia il giorno di Capodanno.

La polizia ha arrestato oltre 6.000 persone da quando le proteste sono aumentate a giugno, tra cui un gran numero durante un lungo e violento assedio al Politecnico di Hong Kong a metà novembre.

Molti residenti di Hong Kong sono arrabbiati per ciò che vedono come l'ingerenza di Pechino nelle libertà promesse all'ex colonia britannica quando tornò al dominio cinese nel 1997.

La Cina nega di interferire e afferma di essere impegnata nella formula "un paese, due sistemi" messa in atto in quel momento e ha incolpato le forze straniere di fomentare disordini.

In un video pubblicato sulla sua pagina Facebook, l'amministratore delegato Carrie Lam ha augurato ai cittadini di Hong Kong "un sereno e sicuro Buon Natale".

Lam ha finora rifiutato di soddisfare le richieste dei manifestanti che includono un'indagine indipendente sul comportamento della polizia e l'attuazione del suffragio universale completo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here