spot_img
More
    spot_img
    HomeMondoLa politica estera dell'Iran cambierà con un nuovo presidente?

    La politica estera dell’Iran cambierà con un nuovo presidente?

    -

    I due candidati propongono approcci diversi, ma chi vincerà non sarà l’unico a decidere nel sistema iraniano.

    Il candidato presidenziale iraniano Masoud Pezeshkian e Saeed Jalili
    I candidati alla presidenza iraniana Masoud Pezeshkian, a sinistra, e Saeed Jalili [Reuters]

    I due candidati rimasti in lizza per la presidenza iraniana, Saeed Jalili e Masoud Pezeshkian, offrono agli elettori visioni diverse per il futuro del Paese.

    Tuttavia, gli esperti affermano che è improbabile che le loro opinioni divergenti possano portare a un cambiamento significativo nella politica estera dell’Iran.

    Pezeskhian, ex ministro della Salute e chirurgo, è arrivato primo alle elezioni di venerdì, ma non ha ottenuto il 50 percento necessario per una vittoria assoluta, costringendolo a un ballottaggio contro il secondo classificato, Jalili, che si terrà il 5 luglio.

    Le elezioni anticipate di venerdì servivano a scegliere il successore del presidente Ebrahim Raisi, morto in un incidente in elicottero a fine maggio.

    Pezeshkian si distingue nella competizione in quanto è l’unico candidato non conservatore autorizzato a presentarsi.

    Aveva il sostegno di riformisti come l’ex ministro degli Esteri Mohammad Javad Zarif, il cui coinvolgimento indica probabilmente che Pezeshkian perseguirà un obiettivo fondamentale della politica estera riformista: rinegoziare un accordo sul nucleare per alleviare le sanzioni all’economia iraniana e allentare le tensioni con l’Occidente.

    L’accordo del 2015 tra Iran e Cina, Unione Europea, Francia, Germania, Russia, Regno Unito e Stati Uniti, per limitare il suo programma nucleare in cambio dell’allentamento delle sanzioni, è stato firmato sotto la presidenza centrista di Hassan Rouhani.

    Ma tre anni dopo, l’allora presidente degli Stati Uniti Donald Trump si ritirò dall’accordo, infrangendo le speranze di quanti credevano che avrebbe aperto la strada alla rinascita economica dell’Iran.

    Invece, gli USA hanno imposto nuove sanzioni severe, e gli intransigenti iraniani hanno trovato nuovi argomenti per dire che non ci si poteva fidare dell’Occidente. Da allora, i colloqui sulla ripresa dell’accordo si sono in gran parte arenati.

    All’altro estremo dello spettro politico, Jalili è considerato il rappresentante più rigido della politica conservatrice.

    Una vittoria di questo convinto estremista, sostenuto anche dagli altri candidati conservatori al primo turno, segnerebbe un approccio ancora più conflittuale nei confronti dell’Occidente, in particolare degli Stati Uniti, affermano gli analisti.

    Dopo aver ricoperto il ruolo di capo negoziatore sul nucleare tra il 2007 e il 2012, Jalili si è opposto all’idea che l’Iran dovesse discutere o scendere a compromessi con altri paesi in merito al suo programma di arricchimento dell’uranio, una posizione che ha mantenuto anche per l’accordo del 2015.

    Non l’unico decisore

    Nonostante le posizioni nettamente diverse dei candidati, il presidente iraniano opera nell’ambito di un mandato limitato.

    La Guida Suprema, l’Ayatollah Ali Khamenei, e il Corpo delle Guardie della Rivoluzione Islamica (IRGC), sotto il suo comando, hanno il potere decisionale in materia di politica estera.

    L'Iran

    “Se si ottiene un cambiamento di 180 gradi tra un Trump o un [current US President Joe] “Secondo l’amministrazione Biden, sulla traiettoria generale degli Stati Uniti, in Iran, con un cambio di presidenza, si ottiene una differenza del 45 percento: non è insignificante, ma non ha lo stesso impatto che in altri paesi”, ha affermato Ali Vaez, capo del programma Iran dell’International Crisis Group.

    “Ci sono elementi di continuità che limitano la quantità di cambiamento che si può vedere.”

    Questa è stata indicata come una delle ragioni alla base dell’affluenza del 40 per cento alle elezioni di venerdì, la più bassa nella storia dell’Iran dalla Rivoluzione islamica del 1979, poiché gli elettori sembrano aver perso la speranza che un cambio di presidente possa migliorare molto.

    Un presidente riformista dovrebbe confrontarsi con le forze ultraconservatrici che dominano il parlamento iraniano, mentre la sua capacità di interagire con l’Occidente sarebbe messa alla prova dall’impegno regionale del Paese, che lo ha messo contro gli alleati dell’Occidente.

    Ad aprile, l’Iran ha lanciato un attacco missilistico e con droni contro Israele come rappresaglia per l’assalto israeliano all’edificio consolare iraniano a Damasco, in Siria, in cui sono morti alcuni comandanti di alto rango delle Guardie della Rivoluzione islamica (IRGC).

    Questa rivalsa senza precedenti è avvenuta in un contesto di crescenti tensioni regionali, mentre la guerra di Israele contro Gaza si trascina e incombe sempre più il rischio di una guerra totale tra Israele e Hezbollah in Libano, sostenuto dall’Iran.

    Ma mentre le politiche regionali sono state a lungo gestite rigorosamente dal Corpo delle guardie della rivoluzione islamica (IRGC), i negoziati sul nucleare con le potenze mondiali sono ancora sul tavolo.

    Su questo tema, il presidente può dettare il tono e l’atteggiamento, anche se si tratta solo di cambiamenti marginali, ha affermato Vali Nasr, professore di studi sul Medio Oriente alla Johns Hopkins University.

    “Quando si tratta dell’accordo nucleare, il presidente può essere molto importante nell’esplorare le possibilità per diversi tipi di risultati”, ha detto Nasr. “Pezeshkian sosterrebbe l’avvio dei colloqui con gli Stati Uniti, mentre Jalili no”.

    La diplomazia nucleare è fondamentale per gli iraniani, in quanto influisce direttamente sull’economia del paese, la preoccupazione principale della maggior parte degli iraniani. I governi successivi non sono riusciti ad affrontare il deprezzamento della valuta e l’inflazione, che hanno attribuito al regime di sanzioni occidentale.

    “Affinché le sanzioni vengano revocate, bisogna essere interessati a parlare con l’Occidente: che si abbia… un presidente intransigente, fa la differenza”, ha detto Nasr.

    Gli iraniani votano alle elezioni presidenziali anticipate
    Le donne iraniane nel giorno delle elezioni per scegliere il successore di Ebrahim Raisi dopo la sua morte in un incidente in elicottero, a Teheran il 28 giugno 2024 [Majid Asgaripour/WANA via Reuters]

    L’approccio duro

    Una presidenza Jalili sarebbe in linea con l’approccio del defunto Raisi, che durante il suo mandato triennale aveva promesso di non collegare l’economia ai colloqui sul nucleare con potenze straniere.

    Il governo ha invece deciso di fare affidamento sulle capacità interne dell’Iran, spostando al contempo i propri affari verso Oriente e rafforzando i legami con Cina, Russia e Paesi vicini.

    Nell’ambito della cosiddetta “economia di resistenza”, l’anno scorso l’Iran ha firmato un accordo mediato dalla Cina con l’Arabia Saudita, ponendo fine a una guerra fredda durata anni tra i rivali regionali.

    Raisi ha inoltre spinto l’Iran ad aderire alla Shanghai Cooperation Organization e all’inizio di quest’anno il Paese è diventato membro del blocco BRICS.

    Ma la cosiddetta svolta verso Est non ha prodotto risultati tangibili in termini di miglioramento dell’economia, cosa che il campo conservatore ha riconosciuto, lasciando qualsiasi futuro presidente nella necessità di trovare un equilibrio quando si tratta di direzione.

    “Jalili non potrà evitare completamente i colloqui con l’Occidente, poiché Pezeshkian non si concentrerà solo sui colloqui sul nucleare”, ha affermato Hamid Reza Gholamzadeh, direttore di DiploHouse, un think tank focalizzato sulla politica estera.

    Ha aggiunto che la politica estera dell’Iran dipenderà anche da fattori esterni, il più importante dei quali è rappresentato dalle elezioni statunitensi di novembre.

    “La sfida non è dall’interno dell’Iran ma dall’esterno: se vincerà Trump o Biden”, ha detto. “Anche se Pezeskhian fosse il presidente, affronterebbe sfide straniere, piuttosto che interne”.

    Related articles

    Stay Connected

    0FansLike
    0FollowersFollow
    0FollowersFollow
    0SubscribersSubscribe
    spot_img

    Latest posts