Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi La patata selvatica africana

La patata selvatica africana

0
3

Patata selvatica africana

Molte delle medicine che troviamo oggi derivano da piante che i guaritori e gli erboristi usano da secoli. La patata selvatica africana è un buon esempio.

La pianta è originaria delle praterie e dei boschi in Sud Africa, Botswana, Lesotho e Swaziland. Nelle persone sane che non assumono altri medicinali, è considerato non tossico. Come integratore a base di erbe, i sudafricani lo hanno usato per trattare molte condizioni. Si dice anche che scongiuri tempeste e incubi.

Molti ricercatori ritengono che la patata selvatica africana abbia il potenziale per entrare a far parte della medicina tradizionale. Ma la maggior parte di questi studi sono stati condotti in vitro o sui ratti. Sono necessari ulteriori studi sull’uomo per scoprire i suoi potenziali benefici e potenziali danni.

Dici patate …

La patata selvatica africana ha molti nomi: Bantu Tulip, Papa Silvestre Africana e Pomme de Terre Sauvage d’Afrique. Il suo nome scientifico è Hypoxis hemerocallidea. Ma il suo nome più comune è la patata selvatica africana.

La pianta non ha alcuna relazione con le patate che probabilmente conosci meglio. In realtà fa parte della famiglia dei gigli.

Cresce di circa 15 pollici di altezza e ha foglie ricurve e appuntite e fiori giallo brillante a forma di stella. Ha anche cormi sottili (la base bulbosa del gambo) invece di tuberi simili a patate.

Gli ingredienti speciali

La patata selvatica africana contiene diversi principi attivi interessanti, tra cui ipossoside e sostanze fitochimiche.

L’ipossoside composto contiene rooperol, che è un antiossidante. Gli antiossidanti aiutano a proteggere il corpo dai radicali liberi che possono danneggiare le cellule e causare molte malattie. Queste malattie includono cancro, insufficienza cardiaca e malattia di Alzheimer.

I fitochimici sono sostanze che si trovano naturalmente nelle piante. Agiscono come antiossidanti nel corpo. Steroli e steroline sono sostanze fitochimiche nella patata selvatica africana. Steroli e steroline rafforzano il sistema immunitario e possono persino aiutare a ridurre il colesterolo.

Mettere al lavoro la patata selvatica

I sudafricani, in particolare i guaritori zulù tradizionali, hanno utilizzato a lungo la patata selvatica africana per trattare molte condizioni. Alcuni di questi includono:

  • diabete
  • disturbi della prostata, come ingrossamento della prostata e cancro alla prostata
  • emorragia
  • infezioni del tratto urinario e della vescica
  • HIV e AIDS
  • epilessia
  • infiammazione e condizioni come edema e artrite

Di solito le persone prendono la patata selvatica africana per bocca, ma a volte sotto forma di estratto, integratore o tè. E a volte le persone lo applicano localmente per aiutare a guarire le ferite o usarlo come potenziatore immunitario generale.

È efficace?

Mentre le persone in tutto il Sud Africa usano la patata selvatica africana, ci sono poche ricerche per confermare la sua efficacia. Sono in corso ulteriori ricerche per verificare se può trattare alcune condizioni mediche negli esseri umani. Queste condizioni includono:

Cancro

Molte fonti accademiche hanno studiato le proprietà antitumorali della patata selvatica africana. Sono state notate le sue capacità antiossidanti, antinfiammatorie, anticonvulsivanti e antidiabetiche.

Questi primi risultati sono stati presi da quelli che gli scienziati chiamano “studi in vitro”. Ciò significa che gli studi sono stati condotti con provette e non umani. Altri studi sono stati condotti sui ratti.

Nuove prove suggeriscono che la patata selvatica africana può combattere le cellule cancerose e precancerose. Ha anche proprietà che potrebbero prolungare la sopravvivenza nei pazienti con cancro ai polmoni. Ma sono necessarie molte più ricerche per confermare la sua efficacia.

Diabete di tipo 2

Un numero di studi mostrano che la patata selvatica africana potrebbe aiutare a gestire il diabete di tipo 2 perché stimolerebbe la secrezione di insulina. Ma un sudafricano studia ha scoperto che potrebbe anche compromettere la funzione renale. La ricerca è in corso.

Il sistema immunitario

La patata selvatica africana contiene una sostanza chiamata beta-sitosterolo, che secondo gli scienziati potrebbe aiutare a rafforzare il sistema immunitario. Risultati di uno studia ha dimostrato che le capsule contenenti beta-sitosterolo possono rafforzare il sistema immunitario dopo lo stress fisico, come l’esercizio.

Virus dell’immunodeficienza umana (HIV)

I sudafricani hanno comunemente usato la patata selvatica africana come trattamento a base di erbe per l’HIV e l’AIDS. Alcuni medici sudafricani lo prescrivono per i loro pazienti. Ma ci sono poche prove che sia efficace.

Uno studio ha scoperto che la patata selvatica africana ha inibito in modo significativo il metabolismo dei farmaci antiretrovirali. Questi sono i farmaci altamente efficaci usati per trattare l’HIV. Ma altri studi non hanno riscontrato che questo sia il caso.

Il cibo da asporto

Gli agenti biologici della patata selvatica africana, inclusi l’ipossoside e gli steroli, hanno dimostrato benefici. Ma sono necessari ulteriori studi sugli esseri umani.

La patata selvatica africana sembra sicura, ma può avere effetti collaterali dannosi, come danni ai reni, e potrebbe interferire con i farmaci per l’HIV. Inoltre, non vi è consenso sul dosaggio corretto.

Dovresti sempre parlare con il tuo medico se sei interessato a usare terapie a base di erbe, in particolare se stai già assumendo altri farmaci.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here