Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi La guida No BS al bere con una malattia autoimmune

La guida No BS al bere con una malattia autoimmune

0
4

Vivere con una malattia cronica comporta dei sacrifici, ma l’alcol deve davvero essere uno di questi?

Donna che tosta con un bicchiere di vino al tavolo da picnic all'aperto
Natalie McComas / Getty Images

Anche nei periodi (di breve durata) di sobrietà, mi sveglio ancora con i postumi della sbornia. Con le dita gonfie come salsicce viennesi, la nebbia del cervello così grave che sono confuso sul paese in cui mi trovo e sintomi simili all’influenza, penso: “Avrei dovuto bere qualcosa”.

Il termine “malattia autoimmune” copre dozzine di malattie croniche. Dall’artrite reumatoide e dal lupus alla tiroidite di Hashimoto e alla sclerosi multipla, queste malattie si verificano quando il sistema immunitario attacca erroneamente le cellule sane del corpo.

Alcune persone che vivono con queste condizioni croniche fanno tutto il possibile per allontanare l’infiammazione e la nebbia del cervello. Mangiano cibi biologici, stanno sulla testa ed evitano lo zucchero a favore delle verdure.

Ma nonostante tutto, bevono ancora alcolici. (Sono io, sono “alcune persone”.)

Laddove una notte di bevute per la maggior parte delle persone si tradurrebbe in genere in un mal di testa e una storia di Instagram sconvolgente, quelli con malattie autoimmuni sono spesso lasciati con alcuni regali aggiuntivi.

Dopo l’apparente sbornia iniziale svanisce, rimaniamo con pance dilatate, stanchezza decisionale, problemi intestinali, formicolio alle mani e ai piedi e altri sottili effetti collaterali che la maggior parte di noi ha appena accettato come standard di vita.

Quanto migliorerebbe la mia vita evitando l’alcol?

Questa domanda è spesso aggravata da un’indagine ancora più esistenziale: se avere una condizione cronica ruba già così tanta felicità e funzionalità, perché dovrei rinunciare a un’altra attività che mi piace?

Healthline

Ci sono segreti per ridurre gli effetti collaterali dell’alcol per le persone con malattie autoimmuni? Quali sono le bevande migliori? Quali rituali della notte o del mattino dopo dovrei adottare per ridurre la nebbia del cervello e salvaguardare il mio sistema immunitario già compromesso?

Se sei come me e non sei ancora pronto a impegnarti per la sobrietà, ecco alcuni suggerimenti per bere con una malattia autoimmune.

Trova la bevanda che fa per te

Cosa c’è di peggio dell’alcol per le malattie autoimmuni? Zucchero.

Un’elevata assunzione di zucchero può aumentare l’infiammazione ed esacerbare ogni sintomo della tua malattia autoimmune. (L’ho imparato a mie spese dopo che tre margarita jumbo all’anguria mi hanno lasciato a letto per 3 giorni.)

Per ridurre i danni a te stesso, espresso martini, margarita congelati e praticamente qualsiasi cocktail disponibile al Rainforest Cafe – mi dispiace dirlo – ti farà sentire peggio.

Non esiste una bevanda perfetta per le persone con malattie autoimmuni. Tuttavia, il vino rosso secco ricco di polifenoli e liquori chiari mescolati con acqua di soda o scambi di zuccheri inferiori, come alcuni succhi verdi, sono tuoi amici.

Anche i kombucha duri senza zuccheri aggiunti scendono facilmente e supportano il tuo intestino con i probiotici.

Supplemento per il successo

I termini “medicina funzionale” e “causa principale” mi mandano in spirale. Se sei come me, probabilmente evocano ricordi di essere stati lanciati in uno schema piramidale o di aver ricevuto una conferenza non invitata da qualcuno che afferma di aver invertito la loro malattia autoimmune.

Anche se penso che questo tipo di linguaggio serva solo a far vergognare coloro che non hanno raggiunto la remissione facendogli credere che sia colpa loro, lì è merito in medicina funzionale.

Integratori come il glutatione, ad esempio, possono aiutare ad alleviare sintomi della malattia autoimmune.

Quando la fatica è la tua più grande battaglia, prova a iniziare la giornata con alcuni funghi in polvere che aumentano l’energia nel tuo tè o caffè.

Avere una malattia autoimmune può anche aumentare il rischio di sviluppare epatite autoimmune. Se testate frequentemente i limiti del vostro fegato, assumere un integratore di supporto epatico non può mai essere una cattiva idea.

Inizia con qualcosa di semplice come il cardo mariano o radice di Dente di leonee guarda come risponde il tuo corpo.

Sii consapevole di come l’alcol reagisce con i tuoi farmaci

Se gestisci la tua malattia autoimmune solo con un multivitaminico, yoga e una preghiera, sentiti libero di passare alla sezione successiva.

Mentre voglio incoraggiare le persone a vivere la loro vita nonostante la loro malattia autoimmune, alcuni farmaci hanno effetti collaterali disastrosi se mescolati con l’alcol.

Le interazioni farmaco-alcol sono una preoccupazione più seria per coloro che trattano attivamente il diabete di tipo 1, il lupus o l’artrite reumatoide.

Dovrai anche procedere con cautela se gestisci riacutizzazioni occasionali e dolore correlato a malattie autoimmuni con antidolorifici da banco. Il consumo di alcol insieme agli antinfiammatori può aumentare il rischio di sanguinamento nel tratto gastrointestinale.

Come regola generale Bere o Non Bere, modero sempre il mio bere quando sto sopportando una fiammata.

Sfortunatamente, non possiamo pianificare le nostre fiammate intorno alla nostra vita sociale. Prima di una grande notte, fai l’inventario del tuo corpo. Se ti senti già irrigidito e affaticato, l’alcol non farà che infiammare la fiammata.

Comprendi che le prove sono dappertutto

Se fai visite di routine da un reumatologo o da un endocrinologo, probabilmente ti è stata predicata una qualche forma di dieta restrittiva.

Nei primi giorni della mia malattia, sembrava che ogni persona con cui ho avuto un contatto visivo avesse una dieta segreta che curava la malattia autoimmune della figlia della blogger preferita della migliore amica della cugina della madre.

Che si trattasse di cheto, digiuno intermittente, zero zucchero, di origine vegetale, tutta carne o solo acqua, tutte queste diete si contraddicono a vicenda.

Inoltre, in una rapida ricerca su Google, puoi trovare tonnellate di articoli sull’alcol che peggiora i sintomi autoimmuni e prova suggerire un consumo moderato di alcol potrebbe effettivamente avere un impatto positivo su malattie autoimmuni come RA e Hashimoto.

Nonostante tutto quello che sappiamo, il corpo e il suo funzionamento interno possono ancora essere un po ‘un mistero. Anche se segui il perfetto protocollo autoimmune, l’anno prossimo potrebbe uscire uno studio che dice che il vino rosso e la carne rossa sono i migliori per la tua salute.

Questo ci porta al punto successivo.

Sii gentile con te stesso

Proprio come lo zucchero, anche lo stress è enorme fattore di rischio per le persone con malattie autoimmuni. Anche se l’hai fatto saltare la sera prima e ti rimangono solo lattine vuote, un sacchetto di Cheetos e una Polaroid compromettente come prova di quello che è successo, non picchiarti.

Il tuo corpo si sta già distruggendo senza motivo. Non lasciare che la tua mente si unisca alla sconfitta.

Ricorda, stai vivendo una pandemia con una condizione preesistente; se l’alcol aggiunge gioia o, oserei dire, struttura alla tua giornata, così sia.

Non lasciare che i blogger autoimmuni che affermano di aver risolto la loro malattia astenendosi da tutto ciò che è meraviglioso nel mondo ti facciano sentire un fallito.

Risparmia lo stress e versati un sauvignon blanc (se è quello che ti piace).

La linea di fondo

C’è un motivo per cui beviamo da millenni: ci aiuta a connetterci, ci dà la possibilità di fuggire brevemente e può avere un sapore delizioso.

Può anche far parte del tuo stile di vita se hai una malattia autoimmune. Ricorda, la moderazione è la chiave.

Ma anche se bevi uno stuolo di bevande zuccherate e ti svegli con un mal di testa furioso e un’altra storia di Instagram sconvolgente – ricorda – anche tu puoi commettere errori.


Kiki Dy è un copywriter, saggista e istruttore di yoga. Quando non lavora, probabilmente sta accorciando la durata della sua vita in modo divertente. Puoi contattarla tramite Twitter, che intende utilizzare professionalmente nonostante il suo nome utente.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here