Isterectomia

0
7

Cos’è un’isterectomia?

Un’isterectomia è una procedura chirurgica per rimuovere l’utero di una donna. L’utero, noto anche come utero, è il luogo in cui un bambino cresce quando una donna è incinta. Il rivestimento uterino è la fonte del sangue mestruale.

Potrebbe essere necessaria un’isterectomia per molte ragioni. La chirurgia può essere utilizzata per trattare una serie di condizioni di dolore cronico, nonché alcuni tipi di cancro e infezioni.

L’estensione di un’isterectomia varia a seconda del motivo dell’intervento. Nella maggior parte dei casi, l’intero utero viene rimosso. Il medico può anche rimuovere le ovaie e le tube di Falloppio durante la procedura. Le ovaie sono gli organi che producono estrogeni e altri ormoni. Le tube di Falloppio sono le strutture che trasportano l’uovo dall’ovaio all’utero.

Dopo aver subito un’isterectomia, smetterai di avere periodi mestruali. Inoltre, non sarai in grado di rimanere incinta.

Perché viene eseguita un’isterectomia?

Il medico può suggerire un’isterectomia se si dispone di uno dei seguenti:

  • dolore pelvico cronico
  • sanguinamento vaginale incontrollabile
  • cancro dell’utero, della cervice uterina o delle ovaie
  • fibromi, che sono tumori benigni che crescono nell’utero

  • malattia infiammatoria pelvica, che è una grave infezione degli organi riproduttivi

  • prolasso uterino, che si verifica quando l’utero scende attraverso la cervice e sporge dalla vagina

  • endometriosi, che è un disturbo in cui il rivestimento interno dell’utero cresce al di fuori della cavità uterina, causando dolore e sanguinamento

  • adenomiosi, che è una condizione in cui il rivestimento interno dell’utero cresce nei muscoli dell’utero

Alternative a un’isterectomia

Secondo il National Women’s Health Network, l’isterectomia è la seconda procedura chirurgica più comune eseguita sulle donne negli Stati Uniti. È considerato un intervento chirurgico sicuro ea basso rischio. Tuttavia, un’isterectomia potrebbe non essere l’opzione migliore per tutte le donne. Non dovrebbe essere eseguito su donne che vogliono ancora avere figli a meno che non siano possibili altre alternative.

Fortunatamente, molte condizioni che possono essere trattate con un’isterectomia possono essere trattate anche in altri modi. Ad esempio, la terapia ormonale può essere utilizzata per trattare l’endometriosi. I fibromi possono essere trattati con altri tipi di intervento chirurgico che risparmiano l’utero. In alcune circostanze, tuttavia, un’isterectomia è chiaramente la scelta migliore. Di solito è l’unica opzione per il trattamento del cancro uterino o cervicale.

Tu e il tuo medico potete discutere le vostre opzioni e determinare la scelta migliore per la vostra condizione specifica.

Quali sono i tipi di isterectomia?

Esistono diversi tipi di isterectomia.

Isterectomia parziale

Durante un’isterectomia parziale, il medico rimuove solo una parte del tuo utero. Potrebbero lasciare intatta la cervice.

Isterectomia totale

Durante un’isterectomia totale, il medico rimuove l’intero utero, compresa la cervice. Non avrai più bisogno di fare un Pap test annuale se la cervice viene rimossa. Tuttavia, dovresti continuare a sottoporti a regolari esami pelvici.

Isterectomia e salpingo-ovariectomia

Durante un’isterectomia e una salpingo-ovariectomia, il medico rimuove l’utero insieme a una o entrambe le ovaie e le tube di Falloppio. Potrebbe essere necessaria una terapia ormonale sostitutiva se vengono rimosse entrambe le ovaie.

Come viene eseguita un’isterectomia?

Un’isterectomia può essere eseguita in diversi modi. Tutti i metodi richiedono un anestetico generale o locale. Un anestetico generale ti farà addormentare durante l’intera procedura in modo da non sentire alcun dolore. Un anestetico locale intorpidirà il tuo corpo sotto il punto vita, ma rimarrai sveglio durante l’intervento. Questo tipo di anestetico a volte sarà combinato con un sedativo, che ti aiuterà a sentirti assonnato e rilassato durante la procedura.

Isterectomia addominale

Durante un’isterectomia addominale, il medico rimuove l’utero attraverso un ampio taglio nell’addome. L’incisione può essere verticale o orizzontale. Entrambi i tipi di incisione tendono a guarire bene e lasciano poco spavento.

Isterectomia vaginale

Durante un’isterectomia vaginale, il tuo utero viene rimosso attraverso una piccola incisione praticata all’interno della vagina. Non ci sono tagli esterni, quindi non ci saranno cicatrici visibili.

Isterectomia laparoscopica

Durante un’isterectomia laparoscopica, il medico utilizza un piccolo strumento chiamato laparoscopio. Un laparoscopio è un tubo lungo e sottile con una luce ad alta intensità e una telecamera ad alta risoluzione nella parte anteriore. Lo strumento viene inserito tramite incisioni nell’addome. Vengono praticate tre o quattro piccole incisioni invece di una grande incisione. Una volta che il chirurgo può vedere il tuo utero, taglierà l’utero in piccoli pezzi e rimuoverà un pezzo alla volta.

Quali sono i rischi di un’isterectomia?

Un’isterectomia è considerata una procedura abbastanza sicura. Come per tutti i principali interventi chirurgici, tuttavia, ci sono rischi associati. Alcune persone possono avere una reazione avversa all’anestetico. C’è anche il rischio di forti emorragie e infezioni intorno al sito di incisione.

Altri rischi includono lesioni ai tessuti o agli organi circostanti, tra cui:

  • Vescica urinaria
  • intestini
  • vasi sanguigni

Questi rischi sono rari. Tuttavia, se si verificano, potrebbe essere necessario un secondo intervento chirurgico per correggerli.

Recupero da un’isterectomia

Dopo l’isterectomia, dovrai trascorrere da due a cinque giorni in ospedale. Il medico ti somministrerà farmaci per il dolore e monitorerà i tuoi segni vitali, come la respirazione e la frequenza cardiaca. Sarai anche incoraggiato a camminare per l’ospedale il prima possibile. Camminare aiuta a prevenire la formazione di coaguli di sangue nelle gambe.

Se hai subito un’isterectomia vaginale, la tua vagina sarà imballata con una garza per controllare l’emorragia. I medici rimuoveranno la garza entro pochi giorni dall’intervento. Tuttavia, potresti avvertire un drenaggio sanguinante o brunastro dalla tua vagina per circa 10 giorni. Indossare un assorbente mestruale può aiutarti a proteggere i tuoi vestiti dalle macchie.

Quando torni a casa dall’ospedale, è importante continuare a camminare. Puoi camminare in casa tua o nel tuo quartiere. Tuttavia, dovresti evitare di eseguire determinate attività durante il recupero. Questi includono:

  • spingere e tirare oggetti, come un aspirapolvere
  • sollevamento di oggetti pesanti
  • flessione
  • rapporti sessuali

Se hai subito un’isterectomia vaginale o laparoscopica, probabilmente sarai in grado di tornare alla maggior parte delle tue normali attività entro tre o quattro settimane. Il tempo di recupero sarà un po ‘più lungo se hai subito un’isterectomia addominale. Dovresti essere completamente guarito in circa quattro o sei settimane.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here