Ipopotassiemia

0
5

Includiamo prodotti che riteniamo utili per i nostri lettori. Se acquisti tramite link in questa pagina, potremmo guadagnare una piccola commissione. Ecco il nostro processo.

Panoramica

L’ipopotassiemia è quando i livelli di potassio nel sangue sono troppo bassi. Il potassio è un elettrolita importante per il funzionamento delle cellule nervose e muscolari, in particolare per le cellule muscolari del cuore. I tuoi reni controllano i livelli di potassio del tuo corpo, consentendo al potassio in eccesso di lasciare il corpo attraverso l’urina o il sudore.

L’ipopotassiemia è anche chiamata:

  • sindrome ipokaliemica
  • sindrome da basso contenuto di potassio
  • sindrome da ipopotassemia

L’ipopotassiemia lieve non causa sintomi. In alcuni casi, bassi livelli di potassio possono portare ad aritmia o ritmi cardiaci anormali, nonché grave debolezza muscolare. Ma questi sintomi in genere si risolvono dopo il trattamento. Scopri cosa significa avere l’ipopotassiemia e come trattare questa condizione.

Quali sono i sintomi dell’ipopotassiemia?

L’ipopotassiemia lieve di solito non mostra segni o sintomi. In effetti, i sintomi generalmente non compaiono fino a quando i livelli di potassio non sono estremamente bassi. Un livello normale di potassio è 3,6-5,2 millimoli per litro (mmol / L).

Essere consapevoli dei sintomi dell’ipopotassiemia può aiutare. Chiama il tuo medico se stai riscontrando questi sintomi:

  • debolezza
  • fatica
  • stipsi
  • crampi muscolari
  • palpitazioni

I livelli inferiori a 3,6 sono considerati bassi e qualsiasi cosa inferiore a 2,5 mmol / L è pericolosamente bassa, secondo la Mayo Clinic. A questi livelli, potrebbero esserci segni e sintomi di:

  • paralisi
  • insufficienza respiratoria
  • rottura del tessuto muscolare
  • ileo (intestino pigro)

Nei casi più gravi possono verificarsi ritmi anormali. Questo è più comune nelle persone che assumono farmaci per la digitale (digossina) o hanno condizioni di ritmo cardiaco irregolare come:

  • fibrillazione, atriale o ventricolare
  • tachicardia (battito cardiaco troppo veloce)
  • bradicardia (battito cardiaco troppo lento)
  • battiti cardiaci prematuri

Altri sintomi includono perdita di appetito, nausea e vomito.

Cosa causa l’ipopotassiemia?

Puoi perdere troppo potassio attraverso l’urina, il sudore o i movimenti intestinali. Un apporto inadeguato di potassio e bassi livelli di magnesio possono provocare ipopotassiemia. Il più delle volte l’ipopotassiemia è un sintomo o un effetto collaterale di altre condizioni e farmaci.

Questi includono:

  • Sindrome di Bartter, una rara malattia renale genetica che causa uno squilibrio di sale e potassio
  • Sindrome di Gitelman, una rara malattia renale genetica che causa uno squilibrio di ioni nel corpo
  • Sindrome di Liddle, una malattia rara che causa un aumento della pressione sanguigna e ipopotassiemia
  • Sindrome di Cushing, una condizione rara dovuta all’esposizione a lungo termine al cortisolo

  • sostanze alimentari come la bentonite (argilla) o la glicirrizina (nella liquirizia naturale e nel tabacco da masticare)
  • diuretici che sprecano potassio, come i tiazidici, i diuretici dell’ansa e i diuretici osmotici
  • uso a lungo termine di lassativi
  • alte dosi di penicillina
  • chetoacidosi diabetica
  • diluizione dovuta alla somministrazione di liquidi EV
  • carenza di magnesio
  • problemi alle ghiandole surrenali
  • malnutrizione
  • scarso assorbimento
  • ipertiroidismo
  • delerium tremens
  • acidosi tubulare renale di tipo I e 2
  • aumento delle catecolamine, ad esempio con un attacco di cuore
  • farmaci come l’insulina e i beta 2 agonisti utilizzati per la BPCO e l’asma
  • avvelenamento da bario
  • ipopotassiemia familiare

Quali sono i fattori di rischio per l’ipopotassiemia?

I tuoi rischi per l’ipopotassiemia possono aumentare se:

  • assumere farmaci, soprattutto diuretici noti per causare perdita di potassio
  • ha una malattia prolungata che causa vomito o diarrea
  • ha una condizione medica come quelle sopra elencate

Le persone con malattie cardiache hanno anche un rischio maggiore di complicazioni. Anche una lieve ipopotassiemia può portare a ritmi cardiaci anormali. È importante mantenere un livello di potassio di circa 4 mmol / L se si soffre di condizioni mediche come insufficienza cardiaca congestizia, aritmie o anamnesi di attacchi di cuore.

Come viene diagnosticata l’ipopotassiemia?

Il medico di solito scoprirà se sei a rischio o soffri di ipopotassiemia durante gli esami del sangue e delle urine di routine. Questi test controllano i livelli di minerali e vitamine nel sangue, compresi i livelli di potassio.

Ulteriori informazioni sull’esecuzione di un test del potassio »

Il medico ordinerà anche un test ECG per controllare il battito cardiaco poiché l’ipopotassiemia e le anomalie cardiache sono comunemente collegate.

Come viene trattata l’ipopotassiemia?

Qualcuno che ha ipopotassiemia e mostra i sintomi avrà bisogno di ricovero in ospedale. Richiederanno anche il monitoraggio del cuore per assicurarsi che il loro ritmo cardiaco sia normale.

Il trattamento dei bassi livelli di potassio in ospedale richiede un approccio in più fasi:

1. Elimina le cause:Dopo aver identificato la causa sottostante, il medico prescriverà il trattamento appropriato. Ad esempio, il medico può prescrivere farmaci per ridurre la diarrea o il vomito o per modificare i farmaci.

2. Ripristina i livelli di potassio: puoi assumere integratori di potassio per ripristinare i bassi livelli di potassio. Ma fissare i livelli di potassio troppo rapidamente può causare effetti collaterali indesiderati come ritmi cardiaci anormali. In caso di livelli di potassio pericolosamente bassi, potrebbe essere necessaria una flebo IV per l’assunzione controllata di potassio.

3. Monitorare i livelli durante la degenza in ospedale: in ospedale, un medico o un infermiere controllerà i tuoi livelli per assicurarsi che i livelli di potassio non si invertano e causino invece iperkaliemia. Anche alti livelli di potassio possono causare gravi complicazioni.

Dopo aver lasciato l’ospedale, il medico può raccomandare una dieta ricca di potassio. Se hai bisogno di prendere integratori di potassio, assumili con molti liquidi e durante o dopo i pasti. Potrebbe anche essere necessario prendere integratori di magnesio poiché la perdita di magnesio può verificarsi con la perdita di potassio.

Quali sono le prospettive per l’ipopotassiemia?

L’ipopotassiemia è curabile. Il trattamento di solito prevede il trattamento della condizione sottostante. La maggior parte delle persone impara a controllare i propri livelli di potassio attraverso la dieta o gli integratori.

Fissa un appuntamento con il medico se mostri sintomi di ipopotassiemia. Il trattamento e la diagnosi precoci possono aiutare a prevenire che la condizione si sviluppi in paralisi, insufficienza respiratoria o complicazioni cardiache.

Come si previene l’ipopotassiemia?

Circa il 20% delle persone negli ospedali sperimenterà ipopotassiemia, mentre solo l’1% degli adulti non in ospedale soffre di ipopotassiemia. Un medico o un infermiere di solito la monitorano durante il soggiorno per prevenire il verificarsi di ipopotassiemia.

Rivolgersi a un medico se si verificano vomito o diarrea per più di 24-48 ore. Prevenire periodi prolungati di malattia e perdita di liquidi è importante per evitare che si verifichi l’ipopotassiemia.

Dieta ricca di potassio

Mangiare una dieta ricca di potassio può aiutare a prevenire e curare i bassi livelli di potassio nel sangue. Discuti la tua dieta con il tuo medico. Evita di assumere troppo potassio, soprattutto se stai assumendo integratori di potassio. Buone fonti di potassio includono:

  • avocado
  • banane
  • fichi
  • Kiwi
  • arance
  • spinaci
  • pomodori
  • latte
  • piselli e fagioli
  • burro di arachidi
  • crusca

Mentre una dieta povera di potassio è raramente la causa dell’ipopotassiemia, il potassio è importante per le funzioni corporee sane. A meno che il medico non ti dica diversamente, seguire una dieta ricca di alimenti contenenti potassio è una scelta salutare.

Cosa succede quando hai troppo potassio? »

Q:

Qual è la differenza tra il potassio da prescrizione e quello da banco?

Anonimo

UN:

Gli integratori di potassio su prescrizione contengono una dose molto più elevata rispetto agli integratori da banco. Questo è il motivo per cui sono limitati alla distribuzione solo su prescrizione medica. Dovrebbero essere presi solo come prescritto dal medico. Una somministrazione inappropriata può facilmente provocare iperkaliemia, pericolosa quanto l’ipopotassiemia. È necessario usare cautela e consultare il proprio medico sull’assunzione di potassio da banco se si soffre di malattia renale cronica o si sta assumendo un ACE inibitore, un bloccante del recettore dell’angiotensina (ARB) o lo spironolattone. L’iperkaliemia può svilupparsi rapidamente in queste situazioni se stai assumendo qualsiasi tipo di integratore di potassio.

Graham Rogers, MDLe risposte rappresentano le opinioni dei nostri esperti medici. Tutto il contenuto è strettamente informativo e non deve essere considerato un consiglio medico.

Healthline

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here