Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI): cosa sapere

Inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI): cosa sapere

0
11

introduzione

Un inibitore selettivo della ricaptazione della serotonina (SSRI) è un tipo di farmaco antidepressivo. Gli SSRI sono gli antidepressivi più comunemente prescritti perché tendono ad avere pochi effetti collaterali. Controlla esempi di SSRI, le condizioni che trattano, gli effetti collaterali che possono causare e altri fattori per aiutarti a decidere se un SSRI potrebbe essere una buona scelta per te.

Cosa trattano gli SSRI

Gli SSRI sono spesso usati per trattare la depressione. Tuttavia, possono anche essere usati per trattare molte altre condizioni. Queste condizioni possono includere:

  • disturbo ossessivo-compulsivo (DOC)

  • attacchi di panico
  • bulimia
  • disturbo da stress post-traumatico (PTSD)

  • disturbo disforico premestruale (PMDD)

  • vampate di calore causate dalla menopausa
  • ansia

L’ansia è spesso trattata con SSRI. Alcuni SSRI sono approvati dalla Food and Drug Administration (FDA) specificamente per questo scopo. Questi includono escitalopram, paroxetina e sertralina. Detto questo, tutti gli SSRI possono essere usati off-label per trattare l’ansia.

Per saperne di più: Altri farmaci per trattare il disturbo d’ansia »

Come funzionano gli SSRI

La serotonina è una delle tante sostanze chimiche del cervello che trasmettono messaggi tra le cellule cerebrali. È stata chiamata la “sostanza chimica del benessere” perché provoca uno stato di rilassato benessere. Normalmente, la serotonina circola nel cervello e poi viene assorbita nel flusso sanguigno.

La depressione è collegata a bassi livelli di serotonina (così come bassi livelli di dopamina, norepinefrina e altre sostanze chimiche del cervello). Gli SSRI agiscono impedendo al sangue di assorbire parte della serotonina dal cervello. Questo lascia un livello più alto di serotonina nel cervello e un aumento della serotonina può aiutare ad alleviare la depressione.

Tuttavia, gli SSRI non inducono il corpo a produrre più serotonina. Aiutano semplicemente il corpo a usare ciò che ha in modo più efficace.

Gli SSRI sono abbastanza simili in termini di efficacia. Variano leggermente per ciò che sono usati per trattare, i loro effetti collaterali, il loro dosaggio e altri fattori.

Elenco dei farmaci

Oggi sono disponibili numerosi SSRI. Questi includono:

  • citalopram (Celexa)
  • escitalopram (Lexapro)
  • fluoxetina (Prozac, Sarafem)
  • fluvoxamina (Luvox)
  • paroxetina (Paxil, Paxil XR, Pexeva)
  • sertralina (Zoloft)

Possibili effetti collaterali

Gli effetti collaterali variano tra gli SSRI. I possibili effetti collaterali includono:

  • nausea
  • bocca asciutta
  • mal di testa
  • problemi a dormire
  • stanchezza
  • diarrea
  • aumento di peso
  • aumento della sudorazione
  • eruzione cutanea
  • nervosismo
  • disfunzione sessuale

Sicurezza SSRI

I medici spesso prescrivono gli SSRI prima di altri antidepressivi perché in genere hanno meno effetti collaterali. Cioè, gli SSRI sono generalmente sicuri.

“Gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina sono farmaci molto sicuri, in generale”, afferma Danny Carlat, MD, professore clinico associato di psichiatria presso la Tufts University School of Medicine. “Anche se ci sono alcuni effetti collaterali piuttosto minori, sarebbe molto difficile per le persone fare danni a se stessi prendendo un SSRI.”

Detto questo, alcune persone dovrebbero essere caute nell’usare un SSRI. Questi includono bambini e donne incinte.

Per bambini

Nel 2004, la FDA ha aggiunto un avviso di scatola nera alle etichette dei farmaci per gli SSRI. L’avvertenza descrive un aumento del rischio di pensieri e comportamenti suicidari nei bambini e negli adolescenti. Tuttavia, ulteriori studi hanno suggerito che i benefici dei farmaci antidepressivi possono superare i rischi di questi pensieri suicidi.

Per le donne incinte

Gli SSRI aumentano il rischio di alcuni difetti alla nascita, in particolare problemi cardiaci e polmonari. I medici e le future mamme devono confrontare i rischi del trattamento con SSRI ai rischi di depressione non trattata. La depressione senza trattamento può anche avere un impatto negativo su una gravidanza. Ad esempio, le donne depresse potrebbero non cercare le cure prenatali di cui hanno bisogno.

Alcune donne incinte possono cambiare il loro SSRI per ridurre il rischio mentre trattano ancora la loro depressione. Questo perché diversi SSRI hanno effetti collaterali diversi. Ad esempio, la paroxetina (Paxil) è collegata a difetti cardiaci fetali, problemi respiratori e disturbi cerebrali nel neonato. I medici delle donne che assumono paroxetina possono suggerire di passare alla fluoxetina (Prozac) o al citalopram (Celexa) durante la gravidanza. Questi SSRI non sono collegati a effetti collaterali così gravi.

Per saperne di più: rischio per tuo figlio di depressione durante la gravidanza »

Parla con il tuo dottore

Se pensi che un SSRI potrebbe funzionare bene per te, parla con il tuo medico. Esamineranno la tua storia clinica con te e ti aiuteranno a decidere se un SSRI potrebbe trattare la tua condizione. Alcune domande che potresti porre al tuo medico includono:

  • Sono ad alto rischio di effetti collaterali da un SSRI?
  • Prendo farmaci che potrebbero interagire con un SSRI?
  • C’è un diverso tipo di farmaco che potrebbe funzionare meglio per me?
  • La terapia della parola sarebbe una buona opzione per me invece dei farmaci?
  • Quanto tempo ci vorrà prima che un SSRI inizi a funzionare?
  • Posso interrompere l’assunzione del mio SSRI se la mia depressione migliora?

Q:

Cosa posso fare se il mio SSRI riduce il mio desiderio sessuale?

Paziente anonimo

UN:

È un dato di fatto che mentre la depressione e altri problemi psicologici possono ridurre il tuo desiderio sessuale, anche gli SSRI possono farlo. Se noti che il tuo desiderio sessuale è diminuito dopo aver iniziato un SSRI, non disperare. Parla invece con il tuo medico. Possono modificare il dosaggio di SSRI o passare a un altro farmaco. Possono anche aggiungere un farmaco al tuo piano di trattamento. Questi cambiamenti possono aiutare anche con altri effetti collaterali degli SSRI. Il tuo medico può aiutarti a continuare il trattamento della depressione mentre allevia gli effetti negativi dei tuoi farmaci. Per ulteriori informazioni, leggi sulla gestione degli effetti collaterali sessuali degli antidepressivi.

Le risposte rappresentano le opinioni dei nostri esperti medici. Tutto il contenuto è strettamente informativo e non deve essere considerato un consiglio medico.

Healthline

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here