Influenza suina (H1N1)

0
3

Includiamo prodotti che riteniamo utili per i nostri lettori. Se acquisti tramite link in questa pagina, potremmo guadagnare una piccola commissione. Ecco il nostro processo.

Cos’è l’influenza suina?

L’influenza suina, nota anche come virus H1N1, è un ceppo relativamente nuovo di un virus influenzale che causa sintomi simili all’influenza normale. Ha avuto origine nei suini ma si diffonde principalmente da persona a persona.

L’influenza suina ha fatto notizia nel 2009 quando è stata scoperta per la prima volta negli esseri umani ed è diventata una pandemia. Le pandemie sono malattie contagiose che colpiscono persone in tutto il mondo o in più continenti contemporaneamente.

Il Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha dichiarato la pandemia H1N1 nell’agosto 2010. Da allora, il virus H1N1 è noto come un normale virus influenzale umano. Continua a diffondersi durante la stagione influenzale come altri ceppi influenzali. Il vaccino antinfluenzale sviluppato ogni anno dal Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) di solito include una vaccinazione contro un tipo di virus H1N1.

Ulteriori informazioni: Importanza di ottenere un vaccino antinfluenzale per la stagione influenzale »

Come altri ceppi influenzali, l’H1N1 è altamente contagioso, permettendogli di diffondersi rapidamente da persona a persona. Un semplice starnuto può causare la diffusione di migliaia di germi nell’aria. Il virus può persistere su tavoli e superfici come i pomelli delle porte, in attesa di essere raccolti.

Il modo migliore per affrontare l’influenza suina è prevenirla. La sanificazione delle mani è importante per fermare la diffusione del virus. Stare lontano dalle persone infette aiuterà a fermare la trasmissione da persona a persona.

Inizia subito a disinfettare.

Fattori di rischio per l’influenza suina

Quando è emerso per la prima volta, l’influenza suina era più comune nei bambini di età pari o superiore a 5 anni e nei giovani adulti. Questo era insolito perché la maggior parte delle infezioni da virus influenzali rappresenta un rischio maggiore di complicanze negli anziani o nei giovanissimi. Oggi, i fattori di rischio per contrarre l’influenza suina sono gli stessi di qualsiasi altro ceppo influenzale. Sei più a rischio se trascorri del tempo in un’area con un gran numero di persone infettate dall’influenza suina.

Alcune persone corrono un rischio maggiore di ammalarsi gravemente se vengono infettate dall’influenza suina. Questi gruppi includono:

  • adulti di età superiore ai 65 anni
  • bambini sotto i 5 anni
  • giovani adulti e bambini di età inferiore a 19 anni che ricevono una terapia con aspirina a lungo termine (Bufferin)
  • persone con un sistema immunitario compromesso (a causa di una malattia come l’AIDS)
  • donne incinte
  • persone con malattie croniche come asma, malattie cardiache, diabete mellito o malattie neuromuscolari

Cause dell’influenza suina

L’influenza suina è causata da un ceppo del virus influenzale che di solito infetta solo i suini. A differenza del tifo, che può essere trasmesso dai pidocchi o dalle zecche, la trasmissione avviene solitamente da persona a persona, non da animale a persona.

Non puoi contrarre l’influenza suina mangiando prodotti a base di carne di maiale cucinati correttamente.

L’influenza suina è molto contagiosa. La malattia si diffonde attraverso la saliva e le particelle di muco. Le persone possono diffonderlo tramite:

  • starnuti
  • tosse
  • toccare una superficie ricoperta di germi e poi toccarsi gli occhi o il naso

Sintomi dell’influenza suina

I sintomi dell’influenza suina sono molto simili a quelli della normale influenza. Loro includono:

  • brividi
  • febbre
  • tosse
  • gola infiammata
  • naso che cola o chiuso
  • dolori muscolari
  • fatica
  • diarrea
  • nausea e vomito

Diagnosi dell’influenza suina

Il medico può fare una diagnosi campionando il fluido dal tuo corpo. Per prelevare un campione, il medico o un infermiere possono tamponare il naso o la gola.

Il tampone verrà analizzato utilizzando varie tecniche genetiche e di laboratorio per identificare il tipo specifico di virus.

Ulteriori informazioni: coltura del tampone faringeo »

Trattamento dell’influenza suina

La maggior parte dei casi di influenza suina non richiede farmaci per il trattamento. Non è necessario consultare un medico a meno che non si sia a rischio di sviluppare complicazioni mediche dovute all’influenza. Dovresti concentrarti sull’alleviare i sintomi e prevenire la diffusione dell’H1N1 ad altre persone.

Due farmaci antivirali sono consigliati per il trattamento dell’influenza suina: i farmaci orali oseltamivir (Tamiflu) e zanamivir (Relenza). Poiché i virus influenzali possono sviluppare resistenza a questi farmaci, sono spesso riservati a persone ad alto rischio di complicanze influenzali. Le persone che sono altrimenti generalmente sane e contraggono l’influenza suina saranno in grado di combattere l’infezione da sole.

Sollievo dai sintomi dell’influenza suina

I metodi per gestire i sintomi dell’influenza suina sono simili all’influenza normale:

  • Fare il pieno di energie. Questo aiuterà il tuo sistema immunitario a concentrarsi sulla lotta contro l’infezione.
  • Bere molta acqua e altri liquidi per prevenire la disidratazione. Zuppa e succhi chiari aiuteranno a reintegrare il corpo dei nutrienti persi.
  • Prendi antidolorifici da banco per sintomi come mal di testa e mal di gola.

Per saperne di più: 11 rimedi casalinghi per raffreddore e influenza »

Outlook per l’influenza suina

I casi gravi di influenza suina possono essere fatali. La maggior parte dei casi fatali si verifica in quelli con condizioni mediche croniche sottostanti, come l’HIV o l’AIDS. La maggior parte delle persone con influenza suina guarisce e può prevedere un’aspettativa di vita normale.

Prevenire l’influenza suina

Il modo migliore per prevenire l’influenza suina è ottenere una vaccinazione antinfluenzale annuale. Altri semplici modi per prevenire l’influenza suina includono:

  • lavarsi spesso le mani con sapone o disinfettante per le mani
  • non toccare il naso, la bocca o gli occhi (il virus può sopravvivere su superfici come telefoni e tavoli.)
  • restare a casa dal lavoro o dalla scuola se sei malato
  • evitando grandi raduni quando l’influenza suina è in stagione

È importante seguire tutte le raccomandazioni di salute pubblica riguardanti la chiusura delle scuole o evitare la folla durante la stagione influenzale. Queste raccomandazioni possono provenire dal CDC, dall’OMS, dai National Institutes of Health o da altre istituzioni sanitarie pubbliche governative.

La stagione influenzale cambia di anno in anno, ma negli Stati Uniti generalmente inizia a ottobre e dura fino a maggio. Di solito raggiunge il picco a gennaio, anche se è possibile contrarre l’influenza in qualsiasi periodo dell’anno.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here