Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Infezione da tricocefali

Infezione da tricocefali

0
6

Che cos’è un’infezione da tricocefali?

Un’infezione da tricocefali, nota anche come trichuriasi, è un’infezione dell’intestino crasso causata da un parassita chiamato Trichuris trichiura. Questo parassita è comunemente noto come “tricocefalo” perché assomiglia a una frusta.

Un’infezione da tricocefali può svilupparsi dopo l’ingestione di acqua o sporcizia contaminata da feci contenenti parassiti del tricocefalo. Chiunque sia entrato in contatto con feci contaminate può anche contrarre un’infezione da tricocefali. L’infezione si verifica più spesso nei bambini. È anche più comune nelle persone che vivono in regioni con climi caldi e umidi e in aree con scarsa igiene e servizi igienici.

Circa Da 600 a 800 milioni di persone in tutto il mondo hanno un’infezione da tricocefali. Questo tipo di infezione può verificarsi anche negli animali, inclusi cani e gatti.

Quali sono i sintomi di un’infezione da tricocefali?

Un’infezione da tricocefalo può causare una varietà di sintomi, da lievi a gravi. Possono includere quanto segue:

  • diarrea sanguinolenta
  • defecazione dolorosa o frequente
  • dolore addominale
  • nausea
  • vomito
  • mal di testa
  • perdita di peso improvvisa e inaspettata
  • incontinenza fecale o incapacità di controllare la defecazione

Cosa causa un’infezione da tricocefali?

Un’infezione da tricocefali è causata da un parassita chiamato Trichuris trichiura. Questo parassita è anche noto come “tricocefalo” perché ha la forma di una frusta. Ha una sezione spessa su un’estremità che ricorda il manico della frusta e una sezione stretta sull’altra estremità che assomiglia alla frusta.

Le persone in genere contraggono infezioni da tricocefali dopo aver consumato sporcizia o acqua contaminata da feci contenenti parassiti tricocefali o dalle loro uova. Le uova di tricocefalo possono entrare nel terreno quando le feci contaminate vengono utilizzate nei fertilizzanti o quando una persona o un animale infetto defeca all’esterno.

Qualcuno potrebbe ingerire inconsapevolmente i parassiti del tricocefalo o le loro uova quando:

  • toccare lo sporco e poi mettere le mani o le dita dentro o vicino alla bocca
  • mangiare frutta o verdura che non sono state accuratamente lavate, cotte o sbucciate

Una volta che raggiungono l’intestino tenue, le uova di tricocefalo si schiudono e rilasciano le larve. Quando le larve maturano, i vermi adulti vivono nell’intestino crasso. Le femmine di vermi di solito iniziano a depositare le uova circa due mesi dopo. Secondo il Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie, le femmine perdono tra le 3.000 e le 20.000 uova al giorno.

Quali sono i fattori di rischio per un’infezione da tricocefali?

Un’infezione da tricocefali può verificarsi in chiunque. Tuttavia, le persone possono avere maggiori probabilità di contrarre un’infezione da tricocefali se:

  • vivere in una regione con un clima caldo e umido
  • vivere in un’area con scarsa igiene e pratiche igieniche
  • lavorano in un’industria in cui entrano in contatto con terreno che contiene letame
  • mangiare verdure crude coltivate in terreno fertilizzato con letame

I bambini hanno anche un rischio maggiore di contrarre un’infezione da tricocefali. Spesso giocano all’aperto e potrebbero non lavarsi accuratamente le mani prima di mangiare.

Come viene diagnosticata un’infezione da tricocefali?

Per diagnosticare un’infezione da tricocefali, il medico prescriverà un esame delle feci. Ti verrà richiesto di fornire un campione delle tue feci a un laboratorio per il test. Il test delle feci può determinare se ci sono tricocefali o uova di tricocefali nell’intestino e nelle feci.

Questo tipo di test non dovrebbe causare alcun disagio o dolore. Il medico le fornirà un contenitore sterile e un kit contenente pellicola trasparente e carta igienica speciale. Posiziona la pellicola trasparente sulla tazza del water e assicurati che sia tenuta in posizione dal sedile del water. Dopo aver evacuato, usa il fazzoletto speciale per mettere le feci nel contenitore. Per i neonati, il pannolino può essere rivestito con l’involucro di plastica per raccogliere il campione. Assicurati di lavarti accuratamente le mani dopo il test.

Il campione verrà inviato a un laboratorio, dove verrà analizzato al microscopio per la presenza di tricocefali e delle loro uova.

Come viene trattata un’infezione da tricocefali?

Il trattamento più comune ed efficace per un’infezione da tricocefali è un farmaco antiparassitario, come albendazolo e mebendazolo. Questo tipo di farmaco elimina eventuali tricocefali e uova di tricocefali nel corpo. Il farmaco di solito deve essere assunto per uno o tre giorni. Gli effetti collaterali sono minimi.

Una volta che i sintomi si attenuano, il medico potrebbe voler eseguire un altro test delle feci per assicurarsi che l’infezione sia scomparsa.

Qual è la prospettiva per qualcuno con un’infezione da tricocefali?

La maggior parte delle persone che ricevono cure per un’infezione da tricocefali si riprende completamente. Se non trattata, tuttavia, l’infezione può diventare grave e causare complicazioni. Questi includono:

  • crescita ritardata o sviluppo cognitivo
  • infezioni nel colon e nell’appendice
  • prolasso rettale, che si verifica quando una sezione dell’intestino crasso sporge dall’ano
  • anemia, che si verifica quando il numero di globuli rossi sani scende troppo in basso

Come si può prevenire un’infezione da tricocefali?

Per ridurre il rischio di contrarre un’infezione da tricocefali, dovresti:

  • Lavarsi accuratamente le mani, soprattutto prima di maneggiare il cibo.
  • Lavare, sbucciare o cuocere accuratamente gli alimenti prima di mangiarli.
  • Insegna ai bambini a non mangiare la terra e a lavarsi le mani dopo aver giocato all’aperto.
  • Bollire o purificare l’acqua potabile che potrebbe essere contaminata.
  • Evitare il contatto con il terreno contaminato da materia fecale.
  • Fai attenzione alle feci animali e pulisci la materia fecale quando possibile.
  • Confina il bestiame, come i maiali, nei recinti. Questi involucri devono essere puliti a fondo su base regolare.
  • Tieni l’erba tagliata corta nelle aree in cui cani o gatti defecano regolarmente.

La diffusione del tricocefalo può essere prevenuta nelle aree ad alto rischio installando efficaci sistemi di smaltimento delle acque reflue.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here