Infezione da E. Coli

0
4

Cos’è un’infezione intestinale dovuta a E. coli?

E. coli è un tipo di batterio che normalmente vive nell’intestino di persone e animali. Tuttavia, alcuni tipi di file E. coli, in particolar modo E. coli O157: H7, può causare infezioni intestinali. E. coli O157: H7 e altri ceppi che causano malattie intestinali sono chiamati produttori di tossina Shiga E. coli (STEC) dopo la tossina che producono.

I sintomi dell’infezione intestinale includono diarrea, dolore addominale e febbre.

I casi più gravi possono portare a diarrea sanguinolenta, disidratazione o persino insufficienza renale.

Le persone con un sistema immunitario indebolito, le donne incinte, i bambini piccoli e gli anziani sono maggiormente a rischio di sviluppare queste complicanze.

La maggior parte delle infezioni intestinali sono causate da cibo o acqua contaminati. Una corretta preparazione del cibo e una buona igiene possono ridurre notevolmente le possibilità di sviluppare un’infezione intestinale.

La maggior parte dei casi di intestinale E. coli l’infezione può essere curata a casa. I sintomi generalmente si risolvono entro pochi giorni o una settimana.

Sintomi di infezione intestinale dovuta a E. coli

I sintomi dell’infezione intestinale generalmente iniziano tra 1 e 10 giorni dopo che sei stato infettato E. coli. Questo è noto come periodo di incubazione. Una volta che i sintomi compaiono, di solito durano dai 5 ai 10 giorni.

I sintomi possono includere:

  • crampi addominali
  • diarrea acquosa improvvisa e grave che può trasformarsi in feci sanguinolente
  • gas
  • perdita di appetito o nausea
  • vomito (non comune)

  • fatica
  • febbre

I sintomi possono durare da pochi giorni a più di una settimana.

Sintomi di grave E. coli l’infezione può includere:

  • urina sanguinante
  • diminuzione della produzione di urina
  • pelle pallida
  • lividi
  • disidratazione

Chiama il tuo medico se manifesti uno di questi sintomi gravi.

Secondo il Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie, circa il 5-10% delle persone infette sviluppa la sindrome emolitica uremica (SEU), una condizione in cui i globuli rossi sono danneggiati. Questo può portare a insufficienza renale, che può essere pericolosa per la vita, soprattutto per i bambini e gli anziani. La SEU generalmente inizia circa 5-10 giorni dopo l’inizio della diarrea.

Cause di infezione da E. coli

Le persone e gli animali normalmente ne hanno E. coli nel loro intestino, ma alcuni ceppi causano infezioni. I batteri che causano l’infezione possono entrare nel tuo corpo in diversi modi.

Manipolazione impropria degli alimenti

Indipendentemente dal fatto che il cibo sia preparato a casa, in un ristorante o in un negozio di alimentari, la manipolazione e la preparazione non sicure possono causare contaminazione. Le cause comuni di intossicazione alimentare includono:

  • non lavarsi completamente le mani prima di preparare o mangiare cibo
  • utilizzando utensili, taglieri o piatti da portata non puliti, causando una contaminazione incrociata
  • consumare latticini o alimenti contenenti maionese che sono stati lasciati troppo a lungo
  • consumare cibi che non sono stati conservati alla giusta temperatura
  • consumare cibi che non sono cotti alla giusta temperatura o durata di tempo, soprattutto carne e pollame
  • consumare prodotti ittici crudi
  • bere latte non pastorizzato
  • consumare prodotti crudi che non sono stati adeguatamente lavati

Trasformazione dei prodotti alimentari

Durante il processo di macellazione, pollame e prodotti a base di carne possono acquisire batteri dall’intestino degli animali.

Acqua contaminata

Una scarsa igiene può far sì che l’acqua contenga batteri provenienti da rifiuti umani o animali. Puoi contrarre l’infezione bevendo acqua contaminata o nuotandoci dentro.

Da persona a persona

E. coli può diffondersi quando una persona infetta non si lava le mani dopo aver subito un movimento intestinale. I batteri si diffondono quindi quando quella persona tocca qualcuno o qualcos’altro, come il cibo. Le case di cura, le scuole e le strutture per l’infanzia sono particolarmente vulnerabili alla diffusione da persona a persona.

Animali

Le persone che lavorano con gli animali, in particolare mucche, capre e pecore, sono maggiormente a rischio di infezione. Chiunque tocchi animali o lavori in un ambiente con animali dovrebbe lavarsi le mani regolarmente e accuratamente.

Fattori di rischio di infezione da E. coli

Mentre chiunque può sperimentare un E. coli infezione, alcune persone sono più a rischio di altre. Alcuni fattori di rischio includono:

  • Età: Gli anziani ei bambini piccoli hanno maggiori probabilità di sperimentare gravi complicazioni da E. coli.
  • Un sistema immunitario indebolito: Le persone con un sistema immunitario indebolito sono più suscettibili a E. coli infezioni.
  • Stagione: E. coli le infezioni sono più probabili durante i mesi estivi, da giugno a settembre, per ragioni sconosciute.
  • Bassi livelli di acidità di stomaco: I farmaci usati per ridurre i livelli di acido gastrico possono aumentare il rischio di E. coli infezione.
  • Alcuni cibi: Bere latte o succhi non pastorizzati e mangiare carne poco cotta può aumentare il rischio di E. coli.

Quando vedere un dottore

L’infezione intestinale può portare a disidratazione e gravi complicazioni, come insufficienza renale e talvolta morte, se non viene trattata. Dovresti consultare il tuo medico se:

  • Hai la diarrea che non migliora dopo quattro giorni o due giorni per un neonato o un bambino.
  • Hai la febbre con diarrea.
  • Il dolore addominale non migliora dopo un movimento intestinale.
  • C’è pus o sangue nelle feci.
  • Hai problemi a trattenere i liquidi.
  • Il vomito è continuato per più di 12 ore. Per un bambino di età inferiore a 3 mesi, contatta il tuo pediatra non appena iniziano i sintomi.
  • Hai sintomi di infezione intestinale e hai recentemente viaggiato in un paese straniero.
  • Hai sintomi di disidratazione, come mancanza di urina, sete estrema o vertigini.

Un medico può confermare un E. coli infezione con un semplice campione di feci.

Come viene trattata l’infezione da E. coli

Nella maggior parte dei casi, l’assistenza domiciliare è tutto ciò che è necessario per curare un E. coli infezione. Bere molta acqua, riposarsi molto e tenere d’occhio i sintomi più gravi che richiedono una chiamata al medico.

In caso di diarrea sanguinolenta o febbre, consultare il medico prima di assumere farmaci antidiarroici da banco. Dovresti sempre consultare il tuo pediatra prima di somministrare farmaci a neonati o bambini.

Se la disidratazione è un problema, il medico può ordinare il ricovero in ospedale e liquidi per via endovenosa.

La maggior parte delle persone mostra miglioramenti entro cinque o sette giorni dall’insorgenza di un’infezione e si riprende completamente.

Come prevenire l’infezione da E. coli

Praticare comportamenti alimentari sicuri può ridurre le possibilità di sviluppare un’infezione intestinale a causa di E. coli. Questi includono:

  • lavare accuratamente frutta e verdura
  • evitare la contaminazione incrociata utilizzando utensili puliti, padelle e piatti da portata
  • tenere le carni crude lontane da altri alimenti e da altri oggetti puliti
  • non scongelare la carne sul bancone
  • scongelare sempre la carne in frigorifero o nel microonde
  • refrigerare immediatamente gli avanzi
  • bere solo prodotti a base di latte pastorizzato (evitando il latte crudo)
  • non preparare il cibo in caso di diarrea

Dovresti anche assicurarti che tutta la carne sia cotta correttamente. Il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti fornisce linee guida per cuocere carne e pollame a temperature adeguate per assicurarsi che tutti i batteri vengano uccisi. Puoi usare un termometro per carne per controllare che la carne sia cotta a queste temperature:

  • pollame: 165 ° F (74 ° C)
  • carne macinata, uova: 160 ° F (71 ° C)
  • bistecche, braciole di maiale, arrosti, pesce, crostacei: 145 ° F (63 ° C)

Una delle cose più semplici che puoi fare per prevenire un E. coli l’infezione consiste nel lavarsi regolarmente le mani. Dovresti lavarti le mani prima di maneggiare, servire o mangiare cibo, e soprattutto dopo aver toccato animali, lavorato in ambienti animali o usato il bagno. Praticare una buona igiene e seguire le linee guida sulla sicurezza alimentare può fare molto per ridurre il rischio di infezione.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here