Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi In che modo i vaccini mRNA ti proteggono dal COVID-19?

In che modo i vaccini mRNA ti proteggono dal COVID-19?

0
14

Getty Images/franckreporter

I vaccini aiutano a proteggerci da una varietà di infezioni. Durante la pandemia di COVID-19, abbiamo tutti sentito parlare molto di un tipo di vaccino chiamato vaccino mRNA, che sta per acido ribonucleico messaggero.

Sebbene i vaccini mRNA possano sembrare molto nuovi, i ricercatori ci stanno lavorando da molto tempo.

In questo articolo, daremo un’occhiata più da vicino ai vaccini mRNA, a come funzionano e alla loro sicurezza ed efficacia.

Come funzionano i vaccini?

Il tuo sistema immunitario ti protegge dalle minacce esterne, come i germi che causano malattie chiamati agenti patogeni. Le cellule immunitarie si attivano quando riconoscono qualcosa nel tuo corpo come estraneo, come agenti patogeni.

Il tuo sistema immunitario è attivato da ciò che è noto come antigene. Gli antigeni sono spesso proteine ​​presenti all’esterno di agenti patogeni come virus o batteri.

Una volta attivate, le varie parti del sistema immunitario lavorano insieme per generare una risposta immunitaria all’antigene, che può includere anticorpi e cellule T killer.

Anche il tuo sistema immunitario ha una memoria. Ciò significa che può ricordare la sua risposta agli antigeni se dovesse incontrarli di nuovo in futuro.

I vaccini sfruttano il potere della memoria del tuo sistema immunitario. Funzionano introducendo parti non infettive di un agente patogeno nel tuo corpo, così il tuo corpo può imparare a riconoscere l’invasore e ucciderlo prima che causi la malattia.

Tuttavia, a differenza di una vera infezione, i vaccini non ti fanno ammalare.

In un vaccino, un agente patogeno è stato indebolito o inattivato per impedirgli di causare malattie. A volte viene utilizzata solo una parte di un agente patogeno, come una singola proteina.

Quando sei vaccinato, il tuo sistema immunitario genera una risposta agli antigeni presenti nel vaccino. In questo modo, il tuo corpo ha già gli strumenti per proteggerti meglio nel caso in cui dovessi incontrare l’agente patogeno effettivo in futuro.

Come funzionano i vaccini mRNA?

I vaccini MRNA introducono il tuo sistema immunitario a un antigene in un modo unico. Invece di utilizzare una forma indebolita o inattivata di un agente patogeno, funzionano insegnando alle cellule del tuo corpo come produrre temporaneamente un antigene da sole.

Questo viene fatto attraverso l’uso dell’mRNA, che è un tipo di acido nucleico che dice al tuo corpo come produrre le proteine. Le tue stesse cellule usano l’mRNA ogni giorno per produrre le proteine ​​che sono vitali per il corretto funzionamento del tuo corpo.

Al momento della pubblicazione, gli unici vaccini mRNA attualmente in uso sono i vaccini Pfizer-BioNTech e Moderna COVID-19.

Come funzionano i vaccini mRNA

  1. Dopo essere stato iniettato nel muscolo della parte superiore del braccio, l’mRNA, protetto da uno strato di lipidi (grassi), entra nelle cellule vicine.
  2. All’interno della cellula, l’mRNA perde il suo strato di grasso protettivo e fornisce istruzioni su come produrre una proteina spike. Questa è una proteina che si trova all’esterno del nuovo coronavirus. Il virus lo usa per attaccarsi ed entrare nelle cellule ospiti.
  3. Una volta prodotta la proteina spike, l’mRNA viene distrutto e la cellula mostra la proteina spike sulla sua superficie.
  4. Le cellule del tuo sistema immunitario notano la proteina spike sulla superficie cellulare e la riconoscono come estranea. Si attivano e iniziano a lavorare con altre parti del sistema immunitario per generare una risposta immunitaria ad esso.

La risposta immunitaria ai vaccini Pfizer-BioNTech e Moderna COVID-19 dopo una dose non è stata molto elevata. Per questo motivo, entrambi i vaccini richiedono almeno due dosi per essere efficaci.

Quanto sono efficaci i vaccini mRNA nella prevenzione del COVID-19 e nella protezione dai sintomi gravi?

Gli studi clinici iniziali su larga scala hanno rilevato che, dopo due dosi, l’efficacia contro la malattia per i vaccini Pfizer-BioNTech e Moderna era rispettivamente del 95% e del 94,1%.

Da allora, sono stati condotti ulteriori studi sull’efficacia di questi vaccini.

UN Studio 2021 del vaccino Pfizer-BioNTech includeva i dati di oltre 3 milioni di persone da dicembre 2020 ad agosto 2021. Ha scoperto che, rispetto alle persone non vaccinate, dopo due dosi il vaccino:

  • era il 73 per cento efficace nella protezione contro le malattie
  • era efficace al 90 per cento nella protezione contro il ricovero in ospedale
  • ha avuto un’efficacia ridotta contro COVID-19 nei 6 mesi successivi alla seconda dose, ma è rimasta comunque elevata contro il ricovero

Uno studio del 2022 ha confrontato 352.878 persone che avevano ricevuto due dosi del vaccino Moderna con lo stesso numero di persone non vaccinate nel giugno 2021.

Rispetto alle persone non vaccinate, i ricercatori hanno scoperto che il vaccino era:

  • 87,4 per cento efficace nella protezione contro le malattie
  • 95,8 per cento efficace nella protezione contro il ricovero
  • 97,9% efficace nella protezione contro la morte correlata al COVID-19

Vaccini mRNA, booster e Omicron

Il raccomandazione per i booster dai Centers for Disease Control and Prevention (CDC) e l’emergere della variante Omicron altamente trasmissibile ha portato a ulteriori risultati sull’efficacia del vaccino mRNA.

Nel complesso, sembra che i due vaccini abbiano una minore efficacia contro Omicron. Tuttavia, la ricerca mostra che ottenere un booster può aumentare i livelli di protezione contro la variante Omicron.

UN Studio 2022 ha esaminato specificamente l’efficacia del vaccino Moderna COVID-19 contro la variante Omicron. I ricercatori hanno scoperto che:

  • L’efficacia del vaccino a due dosi contro l’infezione da Omicron è stata del 44% nei 14-90 giorni dopo la seconda dose.
  • L’efficacia del vaccino a tre dosi contro l’infezione da Omicron è stata del 71,6% nei 14-60 giorni successivi al richiamo, ma è scesa al 47,4% dopo 60 giorni.
  • Nonostante la ridotta efficacia nella prevenzione dell’infezione da Omicron, tre dosi del vaccino Moderna erano ancora efficaci per oltre il 99% contro il ricovero in ospedale con Omicron.

Uno studio del 2021, attualmente in fase di prestampa, ha avuto risultati simili per il vaccino Pfizer-BioNTech. Questo studio ha rilevato che:

  • L’efficacia del vaccino a due dosi è stata dell’88% nelle 2-9 settimane dopo la seconda dose.
  • Tuttavia, questa protezione è scesa dal 34 al 37 percento dopo 15 settimane.
  • Dopo una dose di richiamo, l’efficacia del vaccino è aumentata al 75,5%. I ricercatori non hanno determinato la durata della protezione dal booster.

Quanto sono sicuri i vaccini mRNA?

Gli studi clinici per i vaccini Pfizer-BioNTech e Moderna hanno riscontrato che entrambi sono complessivamente sicuri. Quando si sono verificati gravi effetti collaterali, si sono verificati a tassi comparabili tra le persone che avevano ricevuto il vaccino e quelle che avevano ricevuto un’iniezione di placebo.

UN Studio 2021 ha analizzato oltre 11,8 milioni di dosi di vaccino mRNA tra dicembre 2020 e giugno 2021 per 23 esiti gravi, prestando particolare attenzione a:

  • anafilassi, una grave reazione allergica che può verificarsi dopo la vaccinazione

  • miocardite e pericardite, due tipi di infiammazione del cuore che sono stati segnalati con i vaccini mRNA

  • Paralisi di Bell, una paralisi facciale temporanea che era stata osservata più comunemente, ma ancora raramente, nel gruppo vaccinato negli studi clinici sui vaccini mRNA

I ricercatori hanno scoperto che:

  • Nel complesso, nessuno dei 23 risultati si è verificato a un livello che soddisfaceva i criteri dello studio per segnalare una preoccupazione.
  • I tassi stimati di anafilassi nello studio erano simili a quelli riportati da altri studi.
  • Un rischio elevato di miocardite o pericardite è stato osservato per i giovani, in particolare i maschi.
  • Non è stata trovata alcuna prova che collegasse la paralisi di Bell ai vaccini mRNA.

Effetti collaterali comuni dei vaccini mRNA

Gli effetti collaterali comuni dei vaccini mRNA includono:

  • dolore, arrossamento o gonfiore nel sito di iniezione
  • fatica
  • dolore muscolare
  • male alla testa
  • febbre, con o senza brividi

  • nausea

Effetti collaterali come dolore muscolare, mal di testa e febbre sono generalmente più comuni dopo la seconda dose. In genere scompaiono da soli entro pochi giorni e possono essere alleviati con il riposo e i farmaci da banco.

Com’è possibile che i vaccini mRNA siano stati creati così rapidamente?

Sebbene i vaccini mRNA possano sembrare nuovi, i ricercatori li stanno effettivamente studiando da molto tempo. In effetti, è avvenuta la prima consegna di mRNA in una cellula per produrre proteine nel 1978.

Da allora, i ricercatori hanno avanzato la tecnologia del vaccino mRNA. Hanno migliorato la sintesi dell’RNA e lo strato di grassi che lo trasportano nelle cellule.

Esempi di altri vaccini mRNA che sono stati studiati includono quelli per:

  • influenza
  • rabbia
  • Zika
  • citomegalovirus (CMV)

Quando è iniziata la pandemia di COVID-19, i ricercatori hanno utilizzato questo corpo di ricerca esistente per sviluppare i vaccini mRNA COVID-19. Altri fattori che hanno aiutato questi vaccini a essere realizzati così rapidamente includevano:

  • ulteriori finanziamenti sia pubblici che privati
  • tempistiche accelerate per le sperimentazioni cliniche
  • alti livelli di collaborazione all’interno delle comunità scientifiche di tutto il mondo

Nonostante siano stati sviluppati rapidamente, la sicurezza e l’efficacia di questi vaccini devono ancora essere dimostrate negli studi clinici. L’accelerazione delle tempistiche non significava che venissero tagliati gli angoli quando si trattava di testare gli standard o l’integrità scientifica.

Miti comuni sui vaccini mRNA

Potresti aver sentito molte cose diverse sui vaccini mRNA COVID-19. Alcune di queste cose possono essere vere mentre altre no.

Prendiamoci un momento per sfatare alcuni dei miti comuni su questi vaccini.

Mito: l’immunità naturale è meglio di un vaccino

Non capiamo ancora molto su quanto dura l’immunità naturale al coronavirus. Nel complesso, farsi vaccinare è un modo più sicuro per costruire l’immunità, poiché ottenere COVID-19 può portare a:

  • COVID lungo dopo che la tua malattia acuta è passata

  • malattia grave che può includere complicazioni come difficoltà o insufficienza respiratoria, coaguli di sangue e danni agli organi
  • Morte

La vaccinazione è ancora importante, anche se hai già avuto il COVID-19.

In effetti, una nuova ricerca mostra che le persone che sono state vaccinate e hanno avuto il COVID-19 hanno livelli più elevati di anticorpi neutralizzanti. Questo è chiamato super immunità.

Mito: gli ingredienti del vaccino sono pericolosi

Oltre all’mRNA, questi vaccini contengono anche grassi, zuccheri e sali. Se desideri maggiori informazioni, il CDC ha un elenco di ogni ingrediente nel file Pfizer-BioNTech e Moderna vaccini e cosa fanno.

Se hai una storia di reazioni allergiche a uno qualsiasi degli ingredienti inclusi nei vaccini mRNA, ti consigliamo di parlare con il tuo medico prima di vaccinarti.

I vaccini mRNA non contengono ingredienti come:

  • tessuti dell’uomo o di altri animali
  • conservanti
  • antibiotici
  • lattice
  • metalli

Mito: il vaccino contro il COVID-19 può darti il ​​COVID-19

I vaccini mRNA per COVID-19 non contengono virus intero. Contengono solo un pezzo di mRNA che istruisce le tue cellule su come produrre la proteina spike. In quanto tali, non possono farti ammalare di COVID-19.

È possibile che ti sentirai un po’ male dopo aver ricevuto il vaccino contro il COVID-19. Questo è del tutto normale e un segno che il tuo corpo sta sviluppando una risposta immunitaria. Gli effetti collaterali generalmente scompaiono entro 1 o 2 giorni.

Mito: le persone vaccinate possono liberarsi del vaccino

La diffusione del vaccino avviene quando una persona vaccinata rilascia i componenti del vaccino nell’ambiente. Questo può accadere solo con i vaccini che contengono una forma viva e indebolita di un virus.

I vaccini mRNA non contengono virus intero in nessuna forma. Per questo motivo, non possono essere versati.

Mito: i vaccini mRNA alterano il tuo DNA

Il tuo DNA è contenuto nel nucleo di ogni cellula. L’mRNA del vaccino non entra mai nel nucleo di una cellula. Per questo motivo, non può alterare o influenzare il tuo DNA.

Inoltre, l’mRNA del vaccino rimane nelle cellule solo per un breve periodo. Viene distrutto dopo che una cellula lo ha usato per produrre la proteina spike.

La linea di fondo

I vaccini mRNA istruiscono le tue cellule su come produrre temporaneamente una proteina da un agente patogeno che causa la malattia. Il tuo sistema immunitario può quindi vedere questa proteina e generare una risposta immunitaria contro di essa che può proteggerti dalle malattie in futuro.

Al momento della pubblicazione, gli unici vaccini mRNA in uso sono quelli per COVID-19. Sono prodotti dalle società farmaceutiche Pfizer, BioNTech e Moderna.

Studi clinici su larga scala e studi successivi hanno riscontrato che entrambi i vaccini sono sicuri ed efficaci contro il coronavirus che causa il COVID-19.

La tecnologia del vaccino MRNA ha molte promesse per il futuro. Basandosi su ciò che è noto dalla ricerca precedente e dallo sviluppo del vaccino COVID-19, i ricercatori possono andare avanti nello sviluppo di vaccini mRNA per altri agenti patogeni.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here