Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi In che modo abbracciare l’inevitabilità della sofferenza può aiutarti a sopravvivere con...

In che modo abbracciare l’inevitabilità della sofferenza può aiutarti a sopravvivere con il dolore cronico

0
2

Fa male ferire, ma se aspettiamo che il dolore se ne vada, ci mancherà tutto il resto.

Ella Uzan / Getty Images

Il mio cliente inizia la nostra sessione dicendomi: “Vengo in terapia oggi sentendomi arrabbiato. Voglio sentirmi meglio e questo non mi fa sentire meglio “.

Non è la parte preferita del lavoro di nessun terapeuta ricevere queste critiche, che la terapia non sta facendo andare via il dolore, ma non è raro. Pensiamo che la terapia guarirà le nostre ferite emotive e porterà via il dolore della sofferenza psicologica.

In qualche modo, non sempre accade come speriamo che accada.

Il mio cliente continua: “Vengo qui a spalare merda e me ne vado sentendomi come se avessi ancora molto da fare”.

Ho risposto a questo tipo di reclami in modi diversi nel corso degli anni, ma oggi, in questa seduta, sono distratto dal dolore emotivo del mio cliente dal mio dolore fisico.

Forse non mi sono stirato stamattina. Forse non ho preso nessun FANS. Forse è solo una brutta giornata.

Devo spalare qualcosa da solo.

La mia ricerca di risposte

Nel 2017 ho sviluppato un dolore intenso e misterioso allo sterno. Ero attivo tutti i giorni, andavo in bicicletta da e verso le classi della scuola di specializzazione, arrampicavo in una palestra di roccia più volte alla settimana e nuotavo nei fine settimana.

All’improvviso, senza preavviso e senza una causa chiara, mi faceva male appoggiarmi al manubrio e una vigorosa rana mi fece sentire come se il mio petto si sarebbe spaccato a metà.

Sono andato da un dottore. E poi un altro. E poi un altro.

Alla fine, sono stato indirizzato a un reumatologo che mi ha diagnosticato “artrite sieronegativa”, il che significa che avevo tutti i sintomi dell’artrite autoimmune ma non avevo gli anticorpi associati nel mio sangue, considerati marker di infiammazione autoimmune.

Successivamente, quando il dolore si è spostato dallo sterno alla parte bassa della schiena, mi è stato detto che avevo l’artrite psoriasica, che spesso coinvolge l’infiammazione delle articolazioni sacroiliache e, occasionalmente, dell’articolazione sternomanubriale del torace.

Da allora, mi sembra di vedere un nuovo gruppo di operatori sanitari per ogni nuovo gruppo di sintomi. Occasionalmente, un nuovo medico offrirà una nuova diagnosi.

La conclusione è solitamente la stessa: ho molto dolore e una prognosi incerta.

Il dolore è già abbastanza grave, ma all’inizio non potevo convivere con l’incertezza. Alla fine della giornata mi ritrovavo seduto sul divano a cercare su Google ogni strana nuova sensazione che si manifestava nel mio corpo. Poi mi sdraiavo a letto sveglio e immaginavo i peggiori risultati possibili di ogni condizione associata.

I dottori non sembravano in grado di tranquillizzarmi. Se il mondo conosciuto della medicina fosse rappresentato su una di quelle carte nautiche medievali, la reumatologia si collocherebbe nella parte in cui il continente sfocia in un mare buio e agitato, popolato da mostri.

Si scopre che ancora non abbiamo una buona comprensione del motivo per cui il corpo attacca se stesso.

Eppure fino ad oggi, entro nell’ambulatorio di ogni dottore sperando in una risposta che faccia sparire il dolore.

Non riuscendo a trovarne uno, ho cercato il mio in tutti i luoghi soliti e insoliti: yoga, meditazione, diete di eliminazione, unguento all’arnica … Potrei esaurire il numero di parole assegnato per questo pezzo enumerandole.

In questo modo, non sono così diverso dal mio cliente. Cerco sempre risposte e spesso sono deluso. Ma penso che entrambi potremmo porre le domande sbagliate.

Il dolore è inevitabile

È una pietra angolare della mia pratica di terapista che la sofferenza emotiva non sia una patologia, ma piuttosto una parte normale della vita.

Nessuno di noi può aspettarsi di vivere libero dalla tristezza, dall’ansia o dalle esperienze di perdita e incertezza che li innescano. La quantità e la qualità di queste emozioni difficili sono uniche per ognuno di noi, ma averle è universale.

Il dolore fisico è simile. Ci ammaliamo tutti. Tutti invecchiamo e ci indeboliamo. Abbiamo tutti dei limiti.

Nessuno di noi sfuggirà a questa verità, ma le persone che convivono con dolore cronico hanno dovuto affrontarla in modo diverso, più intenso e talvolta prima, rispetto ai nostri coetanei più abili.

Dato che questa è una realtà, proviamo a cambiare la domanda.

Per quelli di noi che vivono con dolore cronico e per tutti noi che convivono con dolore emotivo, invece di chiedere: “Come posso fare in modo che questo vada via?” e se provassimo a chiederci: “Come posso imparare a vivere – e persino a prosperare – con questa realtà?”

Come vivere più pienamente, nonostante il tuo dolore cronico

Innanzitutto, è importante riconoscere che alcune cose aiutano. Quali saranno queste cose sarà diverso per ciascuno di noi. Mi piace un bagno caldo e un po ‘di yoga mattutino quando posso adattarlo.

Trovare le cose che puoi fare per prenderti cura di te stesso e ridurre l’impatto dei tuoi sintomi può ridurre sostanzialmente la tua sofferenza e restituire un piccolo senso di controllo alla tua vita.

Tuttavia, mentre alcune cose aiutano, per molte diagnosi, nulla risolve. È qui che cambiare la tua mentalità può aiutare più che cambiare il tuo trattamento.

Ecco alcuni suggerimenti che hanno funzionato per me:

Pensa a quello che puoi fare, non a quello che non puoi

La depressione è spesso collegata alla tristezza per la perdita di qualcosa di reale o sperato.

Allo stesso modo, il dolore cronico fa ancora più male perché tendiamo a soffermarci sui modi in cui ci limita.

È importante trovare gioia nelle cose che hai può fai per temperare la comprensibile tristezza delle cose con cui lotti.

Concentrati ora, non sul futuro

La tua vita sta accadendo in questo momento, non in un futuro vago e incerto in cui i tuoi sintomi potrebbero peggiorare.

Trova il modo di divertirti e di essere presente con ciò che sta accadendo in questo momento. Potrebbe essere semplice come il pasto che stai mangiando, la conversazione che stai avendo o la scena fuori dalla tua finestra.

Consapevolezza, yoga, meditazione e altre pratiche contemplative possono aiutarti a imparare a focalizzare la tua consapevolezza sul momento presente e scoprire cosa ha da offrire.

Cerca buone sensazioni nel tuo corpo, assaporale ed espanderle

Ecco un semplice esercizio somatico su come farlo:

  • Accomodati comodamente con i piedi sul pavimento e le braccia in grembo.
  • Attira la tua attenzione sul tuo corpo e inizia a notare tutti i punti in cui il tuo corpo entra in contatto con un’altra superficie.
  • Inizia notando i tuoi piedi contro il pavimento e sposta la tua consapevolezza sul tuo corpo. Nota i tuoi polpacci, le tue cosce e il tuo sedile contro la sedia. Senti la schiena contro lo schienale.
  • Man mano che diventi consapevole di tutti questi luoghi, cerca una sensazione di sostegno e comfort.
  • Esplora quella sensazione. È pesante o leggero? Caldo o freddo? È costante o fluttua?
  • Man mano che la tua consapevolezza di questa sensazione aumenta, bilanciala contro il dolore che stai provando nel tuo corpo.
  • Vedi se riesci a prendere coscienza di entrambi i sentimenti, il conforto e il disagio, sapendo che il nostro corpo li contiene sempre entrambi.

Considera la terapia

Purtroppo, nessuna terapia può sradicare completamente il tuo dolore fisico o emotivo, ma può aiutarti a gestirlo.

La terapia basata sulla consapevolezza può aiutarti a vivere più pienamente il momento presente.

L’esperienza somatica, la psicoterapia sensomotoria, l’Hakomi e altre forme di terapie somatiche possono aiutarti a cambiare la tua relazione con le sensazioni nel tuo corpo.

La psicoterapia psicodinamica può aiutarti a vedere attraverso le paure e le fantasie che hai sul tuo dolore e le storie che ti racconti sul perché accade e cosa significa, in modo da poter sviluppare una narrativa nuova e migliore.

Si tratta di attenzione

In un’altra sessione, il mio cliente inizia a distogliere la sua attenzione dalla propria sofferenza. Vuole fare di più per le altre persone, per contribuire a rendere il mondo un posto migliore.

Mi dice: “Penso che sarei molto più bravo ad aiutare gli altri se potessi smettere di ossessionarmi per i miei problemi”.

La saggezza in questo mi ha colpito; si tratta di come gestiamo la nostra attenzione.

Il nostro dolore, emotivo e fisico, è spesso la parte più rumorosa ed esigente di ciò che sperimentiamo. Tuttavia, stanno accadendo anche altre cose, sia nel nostro corpo che nel mondo che ci circonda.

Se possiamo accettarlo come parte della nostra vita, allora può essere proprio questo, solo una parte.

A dire il vero, fa male ferire. Ma se aspettiamo che il dolore se ne vada, ci mancherà tutto il resto.


Michael Waldon, LMSW è uno psicoterapeuta, scrittore e assistente sociale clinico con sede a New York e in California. È formato in psicoterapie relazionali, psicodinamiche e somatiche. Michael fornisce terapia individuale a clienti con sede a New York e servizi di coaching a clienti in tutti gli Stati Uniti. Puoi saperne di più attraverso il suo sito web o presso Tapestry Psychotherapy, dove mantiene una pratica specializzata in approcci anti-oppressivi e integrativi al trattamento del trauma.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here