Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Il ritorno a scuola di un papà

Il ritorno a scuola di un papà

0
4

Posso offrire una guida che aiuti le persone a fare le scelte giuste? Assolutamente no. Ma come genitore ed ex insegnante, posso offrire la mia prospettiva su entrambi i lati di questo dilemma.

Quasi ogni genitore adulto funzionante che conosco sta avendo la stessa discussione in questi giorni. Che diavolo facciamo con la scuola? si sta aprendo? si chiuderà? Devo spedirli o tenerli a casa?

Dovremmo andare con il piano “1/16 di persona, 3 giorni alla settimana, Zoom-ogni secondo-martedì-mattina, apprendimento in classe-se-la-luna-è-mezzaluna-crescente”?

O dovremmo sottometterci al perpetuo Giorno della marmotta che le nostre vite sono diventate e accettare che i bambini impareranno virtualmente sui nostri divani fino ai 40 anni?

Proprio come tutti gli altri, sono sul recinto. Voglio essere in grado di rimandarli indietro, ma… oh amico, capisco cosa potrebbe significare per la popolazione a rischio.

Ascolta, non ho le risposte che cerchi. Quindi, se stai leggendo e implorandomi, “PER L’AMORE DI TUTTE LE COSE SANTE, dimmi cosa fare con i miei figli!?!?” potresti voler smettere di leggere ora.

Ma sono stato un insegnante e sono un genitore di tre bambini (che ora sono intorno a me ogni ora del giorno), e posso dirti come sto elaborando tutto questo. Forse ti aiuterà anche a fare i conti con l’incertezza.

Chiediamo agli insegnanti di fare l’impossibile

Per un certo numero di anni sono stato insegnante a Brooklyn, insegnando corsi di educazione speciale a studenti dalla sesta all’ottava classe. Era una delle zone meno servite di New York City, ed era in parti uguali esilarante matta e straziantemente scoraggiante.

La mia prospettiva di ex insegnante deve venire dallo spazio mentale in cui mi trovavo quando ero in classe:

  • metà degli anni ’20
  • niente bambini
  • poca responsabilità
  • l’insegnamento come attività secondaria per il mio lavoro di bagnino estivo

So senza dubbio che se si fosse verificata una pandemia, avrei supplicato appassionatamente che i bambini restassero a casa. “Pensa ai nonni!” piangerei. “L’apertura è irresponsabile!!” avrebbe proclamato la mia pagina Myspace. Avrei combattuto con le unghie e con i denti per le persone vulnerabili della nostra società.

Ma sarebbe stato egoistico e un carico di BS da parte mia. Mi sarei aggrappato a qualsiasi scusa ragionevole per non combattere il traffico di Brooklyn e, invece, stare a casa ad ascoltare Bob Barker che mi incoraggiava a sterilizzare e castrare i miei animali domestici mentre insegnavo online.

Sarei stato libero di affrontare le continue risse in classe, la seccatura di dover affrontare standard fluttuanti del Board of Ed e controlli a campione, e le mie narici non sarebbero state avvicinate dalla nebbia soffocante della puzza di preadolescenza.

Ora, non parlo in alcun modo per tutti gli insegnanti. Questo è al 100% quello che so mio posizione sarebbe stata. Semplicemente non avevo quell’atteggiamento da “rendere magico ogni giorno” nei confronti dei miei studenti. Ho avuto l’atteggiamento “Spero di non essere accoltellato di nuovo oggi”.

Al giorno d’oggi, gli insegnanti con cui sono amico di quella scuola e molti altri sono dedicati ora come non lo ero io allora. Ho parlato con amici insegnanti veterani attivi che lavorano in alcuni dei sistemi scolastici più grandi e meglio finanziati degli Stati Uniti e posso dirti che sono più frustrati dall’incertezza di noi genitori!

Immagina che il tuo capo, indipendentemente dalla tua professione, venga da te e ti dica quanto segue:

“Devi fare un workshop per 40 persone. A volte quelle persone saranno di fronte a te. A volte no. Assicurati che tutti siano preparati in ogni caso.

Se sono di fronte a te, i tavoli a cui siedono collettivamente sono lunghi 5 piedi. In qualche modo li hanno tutti seduti ad almeno 6 piedi di distanza. Se qualcuno di fronte a te ha bisogno di andare in bagno, ferma tutto per assicurarti che segua le procedure di sicurezza. Ripeti quando tornano. Vieni a pensarci bene, controllali per la politica COVID-19 per tutto il tempo. Tutti loro.

Avrai un’esercitazione antincendio a metà giornata. Ma non preoccuparti, è solo per i piani 1 e 3 così possiamo prendere le distanze l’uno dall’altro. Dì ai bambini del 2 e del 4 di stare calmi e ignorare il mini field day degli altri.

Se sei online, non abbiamo l’IT per aiutarti a configurare o gestire queste esperienze virtuali, quindi… buona fortuna. Se qualcuno in officina è in ritardo, identificalo a distanza e recuperalo.

Oh, e farai questa presentazione 8 ore al giorno ogni giorno per i prossimi 10 mesi. Pensiamo. Forse no. Ma probabilmente? Può essere.”

Questa è essenzialmente una rottura delle aspettative che gli insegnanti hanno ricevuto e delle informazioni che hanno ricevuto sui piani di riapertura. Tutto questo è stato lanciato contro di loro senza nemmeno affrontare la possibilità che si ammalino da una delle armi biologiche in uno zaino Shimmer e Shine che insegnano ogni giorno.

Ma – PER FAVORE – prendi i miei figli

Come genitore dall’altra parte di tutto questo, voglio disperatamente che i miei figli vadano a scuola. Non solo per i continui litigi, le interruzioni durante il lavoro e il fatto che mio figlio sta migliorando di me a Mario Kart, ma perché a scuola imparano MOLTO meglio.

Sì, i miei figli fanno il loro lavoro e noi siamo sopra di loro per assicurarci che succeda. Ma con uno dei miei, ogni passo è una lotta. Ogni azione è messa in discussione. Per ogni minuto di lavoro che deve essere svolto, ci sono 40 minuti di discussione contro di esso. Quando è finalmente completo, è a metà e fatto senza alcun senso di entusiasmo accademico.

I miei figli semplicemente non accetteranno istruzioni da me. Hanno bisogno dell’ambiente scolastico e io ho bisogno di una scheggia di solitudine.

Ma so anche che sono piccoli germi gremlin che diffondono la peste ai loro insegnanti e compagni di classe. So che rimandarli indietro rischia potenzialmente la vita di persone che non conosco e che potrei non incontrare mai, anche se ci fosse permesso uscire.

Inoltre, basti pensare alle nuove forme di ostracizzazione sociale che potrebbero essere impiegate con i preadolescenti ora. Prima, in seconda media, era già abbastanza brutto se non avevi le scarpe da ginnastica giuste.

Ora, immagina di tossire accidentalmente di fronte alla cricca cattiva? Potresti anche trasferirti immediatamente perché sei per sempre il COVID Kid.

So che questo non fa nulla per alleviare l’ansia che abbiamo collettivamente. Tutti vorremmo che ci fosse quel messia che entrasse e ci dicesse come procedere, qualcuno che si unisse alla discussione e ci dia la risposta chiara.

Ma la realtà è che non c’è una buona risposta qui. C’è solo “Questo è il migliore che abbiamo finora”.

Non è rassicurante, ma, almeno per me, è rassicurante sapere che dall’alto verso il basso, siamo tutti piuttosto all’oscuro insieme.


Patrick Quinn è originario di Long Beach, New York, ma ha vissuto alle Hawaii, in Arizona e in California. Attualmente risiede ad Austin, in Texas, con sua moglie e tre figli. È uno scrittore, direttore del marketing creativo e uno dei co-fondatori di Life of Dad. Patrick è anche uno dei creatori di una serie televisiva di Nickelodeon International chiamata “The Spyders”. È facilmente corrotto con i tacos.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here