Il Messico e gli Stati Uniti prevedono di ridurre il commercio illegale di armi e droga

0
83

FOTO FILE: Un'arma consegnata da un cittadino nell'ambito di un programma di disarmo volontario è raffigurata a Città del Messico, Messico, 3 aprile 2019.REUTERS / Edgard Garrido

CITTA 'DEL MESSICO – Messico e Stati Uniti hanno concordato un piano per combattere il traffico illecito di armi, droga e denaro, ha detto giovedì il governo messicano, a seguito di incontri tra il procuratore generale degli Stati Uniti William Barr e alti funzionari messicani.

I due paesi vicini hanno anche concordato di cooperare su misure per ridurre il consumo di droga e combattere la dipendenza, ha affermato il ministero degli Esteri messicano in una nota.

"Numerosi progressi sulla questione del traffico di armi sono stati discussi con l'obiettivo di analizzare come implementare operazioni con tecnologie non invasive nei punti chiave del confine per fermare il movimento di armi e munizioni nel nostro paese", ha affermato.

A novembre, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha minacciato di designare i cartelli della droga messicani come gruppi terroristici dopo una serie di cadute di sicurezza, incluso l'omicidio di nove donne e bambini di origine messicana negli Stati Uniti nel nord del Messico.

La minaccia ha suscitato una rapida richiesta di colloqui da parte del Messico e Barr ha fatto una prima visita nel paese il mese scorso.

Nel frattempo, il Messico ha preparato un pacchetto di riforme giudiziarie che potrebbero consentire di utilizzare le prese di filo come prova in tribunale, nonché misure per limitare le sfide legali per evitare ritardi di estradizione per sospetti criminali.

Tali riforme potrebbero facilitare la cooperazione in materia di sicurezza tra Messico e Stati Uniti, che sotto Trump ha spinto Lopez Obrador a rafforzare la sicurezza delle frontiere al fine di arginare il flusso di migranti dal Nord America centrale.