Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Il dolore che i ragazzi stanno provando in questo momento è valido

Il dolore che i ragazzi stanno provando in questo momento è valido

0
4

Dire ai bambini che non sono in lutto a meno che non abbiano perso una persona cara durante la pandemia invia un messaggio malsano.

Mentre il nostro mondo e la nostra nazione continuano ad affrontare una pandemia in corso, il mantra di “Siamo tutti insieme” continua a essere mostrato negli spot televisivi, negli aggiornamenti del governo e tramite hashtag.

Ma lo siamo?

Durante questo periodo di tremenda incertezza a causa del COVID-19, molti hanno pianto con adolescenti e altri bambini che hanno perso traguardi ed eventi. Genitori e amici hanno fatto il possibile per ottenere il meglio dalle cose, adattandosi con lauree guidate e celebrazioni online.

Ma in alcuni spazi puoi trovare voci che riducono quelle dolorose perdite di eventi, speranze o piani come irrilevanti o insignificanti perché qualcuno non è morto. Che si tratti di uno sconosciuto che commenta una notizia online o di un amato nonno, questo tipo di commenti può bruciare.

Per molti bambini, in particolare adolescenti, questo messaggio suggerisce che i loro sentimenti ed emozioni non sono validi e non dovrebbero essere espressi, il che è l’opposto di ciò che dovrebbe accadere. Dovremmo invece ascoltare e offrire rassicurazione e accoglienza ai nostri giovani.

Al posto della spinta per riportare le cose alla “normalità” mentre la scuola ricomincia mentre la pandemia continua, dobbiamo prenderci il tempo per convalidare le loro emozioni.

Perdite passate e attuali ritenute non significative

Alla fine di maggio, un compagno di classe dei miei gemelli dell’ultimo anno del liceo ha scritto una lettera di parere al New York Times dicendo: “È egoistico dirlo quando le persone muoiono, ma so che la classe del 2020 fa male”.

Le sue parole erano oneste ed espressive di ciò che provavano molti anziani, ma le sue parole erano strazianti perché si sentiva egoista nell’esprimerle.

Molti anziani rimangono nel limbo con le lauree riprogrammate da metà a fine agosto e ora, con un aumento dei casi di COVID-19 in tutto il paese, le tanto attese lauree fisicamente distanti vengono cancellate.

Dopo che un recente articolo sui traguardi mancati è stato pubblicato su Today.com, sono stati fatti commenti su un successivo post sui social media che affermava, in pratica, che, a meno che un adolescente non avesse perso una persona cara, doveva “zitto e superarlo”.

In un altro caso, un municipio in diretta trasmesso su un importante canale di notizie via cavo sul tema dell’istruzione e del COVID-19, l’adolescente Analey Escalera ha espresso dolore per le cose perse durante il suo ultimo anno e si preoccupa di come sarebbe cambiato il college a causa della pandemia. Ha chiesto consiglio ai relatori professionisti per andare avanti.

La risposta di un esperto è stata che avrebbe dovuto ricordare a se stessa che la sua situazione poteva essere peggiore.

Trovo difficile guardare lo scambio senza provare un palpabile disagio e preoccupazione per una giovane donna che viene licenziata dalla stessa persona a cui aveva contattato per un consiglio.

Il dolore è una perdita o una connessione interrotta di qualsiasi tipo

La dottoressa Emily King è una psicologa abilitata in uno studio privato a Raleigh, nella Carolina del Nord, specializzata nel lavoro con bambini e adolescenti. È anche una mamma di due ragazzi in età scolare e sta vedendo questa stessa tendenza inquietante nella sua pratica. Mette in guardia gli adulti dal negare o quantificare il dolore di chiunque, in particolare quello di bambini e adolescenti.

King ha perso suo padre inaspettatamente quando era incinta del suo primo figlio, quindi comprende il dolore di perdere un genitore. È stata in sessioni con adolescenti in lutto che piangono “la perdita di un’amicizia, un’opportunità, la fine dell’anno e ora il prossimo anno scolastico a causa della pandemia”.

“Sono qui per dire che il dolore è definito solo dalla persona che lo prova”, afferma King. “Siamo tutti una raccolta delle nostre esperienze e il dolore che proviamo può essere misurato solo confrontandolo con le esperienze che abbiamo avuto, non con le esperienze che ha avuto qualcun altro”.

King usa l’esempio della propria perdita per sottolineare il motivo per cui i sentimenti invalidanti sono insensibili. Sottolinea che dire a qualcuno che le cose potrebbero andare peggio solo perché non hanno perso una persona cara a morte non riconosce la realtà che tutti noi abbiamo le nostre esperienze di dolore.

“Il mio dolore non è paragonabile al dolore di qualcun altro perché loro possiedono il loro dolore, io no. Quando diciamo ai giovani che “le cose potrebbero andare peggio”, invalidiamo ciò che sentono. Stiamo dicendo “i tuoi sentimenti non sono importanti” o “i tuoi sentimenti sono fuorviati”.

“Questo è fonte di confusione e dannoso per i giovani che stanno elaborando una perdita. Il dolore è una connessione interrotta di qualsiasi tipo. Potrebbe essere una morte, un rifiuto, una rottura o la perdita di un evento che non avrà mai luogo”.

Quindi, quando tuo figlio o adolescente è emotivo per cose che possono sembrare minori, fai un passo indietro. Valuta la tua risposta alla loro tristezza. Considera che ognuno di noi ha la propria esperienza nell’affrontare la situazione attuale.

“Nessun dolore è troppo piccolo per essere convalidato e supportato. Come qualsiasi altra emozione, non ci è permesso dirci come sentirci. Dolore compreso».

Nessuno deve morire per farci provare dolore

King vuole ricordare a tutti i bambini e gli adolescenti quanto segue: “Nessuno deve morire per provare dolore. È più che OK sentire questo dolore, parlarne e capire come andare avanti con questa nuova realtà. Voglio che i bambini e gli adolescenti raggiungano qualcuno di cui si fidano per parlare del loro dolore. Se non un adulto, un pari che sta provando la stessa perdita”.

Il dolore degli altri ci mette a disagio, dice King e la prima cosa che facciamo come umani quando siamo a disagio è cercare di evitare ciò che ci fa sentire in questo modo.

“Quindi, riduciamo al minimo”, dice King, “pensando di far sentire meglio la persona. Tuttavia, ridurre al minimo il dolore di qualcun altro è il tentativo umano di aiutare noi sentirsi più a proprio agio e può essere doloroso per la persona che prova il dolore”, condivide King.

Dolore anticipatorio per perdite future: cosa dire?

Passiamo ora dalle perdite iniziali introdotte dal COVID-19 alle perdite future, inclusi molti riti di passaggio per bambini e adolescenti. Per certi versi l’allentamento delle restrizioni e il ritorno a scuola può sembrare un ritorno alla normalità, ma ben poco è come una volta.

Nessun primo giorno di scuola tradizionale con immagini sorridenti e momenti di incontro con l’insegnante per molti bambini che entrano all’asilo o altri anni importanti.

Nessuna scuola di persona, poiché molti sistemi scolastici stanno andando completamente a distanza e annullando gli sport il prossimo autunno.

Nessuna esperienza di persona e riti di passaggio per studenti universitari, come trasferirsi in dormitori. Questo potrebbe essere particolarmente difficile per gli anziani del 2020 che ora sono matricole del college in arrivo e hanno già perso così tanto.

Tutti bramiamo la normalità, ma senza niente di normale, è difficile per tutti, specialmente i bambini, farcela.

King crede che questo tipo di dolore anticipatorio si aggiunga al dolore già sopportato fino a questo punto.

“Ho parlato con bambini dell’asilo che sono tristi perché non vedevano l’ora di incontrare nuovi amici e ciò potrebbe non accadere. Ho parlato con studenti e senior emergenti delle scuole superiori che non vogliono “rinunciare” al loro anno diventando virtuale”, condivide King, “Dobbiamo ricordare che tutto è temporaneo, anche la scuola nel 2020”.

Quindi, cosa possiamo dire ai nostri figli che affrontano più perdite con una fine in vista?

La risposta migliore è semplicemente ascoltare: “Ascolta la tristezza ei sentimenti di perdita di tuo figlio. Convalidali, fai sapere loro che sei lì per sostenerli in qualsiasi modo li aiuti”, afferma King.


Laura Richards è una madre di quattro figli tra cui una coppia di gemelli identici. Ha scritto per numerose testate tra cui The New York Times, The Washington Post, US News & World Report, The Boston Globe Magazine, Redbook, Martha Stewart Living, Woman’s Day, House Beautiful, Parents Magazine, Brain, Child Magazine, Scary Mommy, e Reader’s Digest sui temi della genitorialità, della salute, del benessere e dello stile di vita. Il suo portfolio completo di lavori può essere trovato su LauraRichardsWriter.com e puoi connetterti con lei su Facebook e Twitter.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here