Il critico del Cremlino chiede protesta contro le riforme costituzionali di Putin

0
58

FOTO FILE: il leader dell'opposizione russa Alexei Navalny tiene un discorso durante una manifestazione a Mosca, in Russia, il 29 settembre 2019. REUTERS / Shamil Zhumatov / File Photo

MOSCA – Un politico dell'opposizione a Mosca ha esortato i russi venerdì a scendere in piazza questo fine settimana per protestare contro le profonde riforme costituzionali lanciate dal presidente Vladimir Putin.

Le riforme proposte, che hanno scatenato le dimissioni del primo ministro e del governo, sono ampiamente viste come dando a Putin, 67 anni, la possibilità di estendere la sua presa sul potere una volta che ha lasciato la presidenza nel 2024.

Descrivendo i cambiamenti simili a un "colpo di stato", Yulia Galyamina, consigliere comunale di Mosca, ha invitato i residenti a intervenire partecipando a una manifestazione domenica che doveva essere tenuta in occasione dell'assassinio di un giornalista e avvocato 11 anni fa .

"Le modifiche proposte alla nostra costituzione discriminano l'intero paese e sono repressione contro tutti noi", ha scritto Galyamina sui social media.

Non è stato immediatamente chiaro quanta trazione avrebbe ottenuto la chiamata di Galyamina in una città in cui una serie di grandi proteste che chiedevano la libertà elettorale è divampata l'anno scorso prima di svanire di nuovo.

Alexei Navalny, uno dei più importanti politici dell'opposizione della Russia, ha espresso la propria opinione contro la sua idea, incolpando la stessa costituzione per aver permesso al Cremlino di dominare il panorama politico.

Navalny non ha nominato alcuna area particolare della costituzione, che delimita un forte sistema presidenziale, ma ha detto che aveva permesso alle autorità di controllare le elezioni e di aumentare l'età pensionabile senza ripercussioni.

"Non è necessario difenderlo", ha detto.