I musicisti dell'Opera di Parigi fanno serenata al pubblico per protesta contro le pensioni

0
85

Il direttore d'orchestra Michel Dietlin e i membri dell'orchestra dell'Opera di Parigi eseguono un concerto improvvisato all'aperto all'Opéra Garnier per protestare contro la proposta riforma del governo, che influisce sullo status speciale dei musicisti statali a Parigi, in Francia, il 18 gennaio 2020. REUTERS / Charles Platiau

PARIGI – Stupefacenti musicisti e cantanti dell'Opera di Parigi hanno organizzato un concerto all'aperto sabato davanti allo storico teatro dell'opera della città per protestare contro una riforma pensionistica che cerca di porre fine al loro speciale regime pensionistico.

Membri e cantanti dell'orchestra hanno eseguito arie ben note di Verdi e Bizet in un evento di mezz'ora all'esterno dell'edificio dell'Opera Garnier, che si è concluso con una interpretazione della Marsigliese.

I musicisti sono stati acclamati da colleghi, tra cui ballerine che il mese scorso hanno recitato scene dal Lago dei cigni nello stesso punto in una protesta simile per la revisione delle pensioni proposta.

L'evento ha suscitato applausi da parte dei passanti in un soleggiato pomeriggio invernale nella capitale francese, dove le esibizioni dell'Opera di Parigi sono state cancellate il mese scorso a causa dello sciopero degli artisti che vogliono preservare le secolari pensioni.

"Siamo così scontenti di non essere in grado di offrire ai nostri spettacoli che ci esibiamo in un modo diverso, per strada, per mostrare al pubblico che non siamo in vacanza", Fabien Wallerand, un suonatore di tuba a Parigi Orchestra d'opera, ha detto a Reuters.

Secondo un accordo che risale al 1698 e al regno di Luigi XIV, i ballerini dell'Opera di Parigi possono ritirarsi in pensione completa all'età di 42 anni, cantanti a 57 anni e musicisti a 60 anni.

Il piano del presidente Emmanuel Macron di fondere i vari regimi pensionistici della Francia in un unico sistema ha scatenato più di un mese di scioperi, in particolare nei trasporti pubblici.

Tuttavia, le concessioni da parte del governo, in particolare un ritardo a una mossa per aumentare l'età in cui i lavoratori possono richiedere una pensione completa da 62 a 64 anni, hanno contribuito a calare gli scioperi.