Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi I modi migliori per gestire i sintomi della fibrillazione atriale

I modi migliori per gestire i sintomi della fibrillazione atriale

0
13

Cos’è l’AFib?

La fibrillazione atriale (AFib) è un ritmo cardiaco irregolare. Inizia nelle due camere superiori del tuo cuore chiamate atri. Queste camere possono vibrare rapidamente o battere in modo irregolare. Ciò impedisce al sangue di pompare efficacemente nei ventricoli.

Gli impulsi rapidi dagli atri possono far pompare i ventricoli troppo rapidamente. Questo riduce ulteriormente l’efficacia del tuo cuore.

Sintomi di AFib

Una frequenza cardiaca irregolare può far accelerare o battere il cuore. Poiché il cuore non pompa normalmente, potrebbero verificarsi i seguenti sintomi:

  • palpitazioni o sensazione di corsa nel cuore

  • dolore, fastidio o pressione al petto
  • fiato corto
  • vertigini
  • fatica
  • intolleranza all’esercizio
  • dolore addominale

Questi sintomi possono durare da alcuni minuti a diverse ore. Se hai la fibrillazione atriale cronica, questi sintomi possono essere persistenti.

I sintomi possono svilupparsi occasionalmente e talvolta possono risolversi senza trattamento medico (AFib parossistica). In questo caso il medico o il cardiologo può prescrivere farmaci per controllare i sintomi.

Controllo dei sintomi della fibrillazione atriale

L’obiettivo principale del controllo dei sintomi della fibrillazione atriale è prevenire episodi ricorrenti.

Quando il tuo cuore è stimolato o eccitato, può innescare episodi di fibrillazione atriale. Monitorare l’attività fisica, lo stress, l’assunzione di caffeina e l’uso di alcol può aiutare a prevenire gli episodi di fibrillazione atriale. Perdere peso può anche aiutare a migliorare i sintomi della fibrillazione atriale.

Ci sono due opzioni principali quando si tratta di controllare i sintomi: riportare il ritmo cardiaco alla normalità e controllare la frequenza cardiaca. I farmaci sono generalmente prescritti per entrambe le opzioni.

I fluidificanti del sangue o gli anticoagulanti, come gli anticoagulanti orali senza vitamina K (NOAC), aiutano a prevenire gli ictus causati dal battito irregolare del cuore. Beta-bloccanti, calcio-antagonisti e digossina (Lanoxin) sono usati per controllare la frequenza cardiaca.

Le procedure chirurgiche sono un’altra opzione per riportare la frequenza cardiaca alla normalità. Parla con il tuo medico del tipo di intervento chirurgico giusto per te se hai fibrillazione atriale persistente, coaguli di sangue o una storia di ictus.

Il medico può decidere di eseguire un’ablazione con radiofrequenza o di inserire un pacemaker se il battito cardiaco è lento. Questo dispositivo invia impulsi elettrici al muscolo cardiaco per generare una frequenza cardiaca normale.

Sintomi di ictus

Un ictus è una delle complicazioni più gravi che possono derivare da AFib. L’American Heart Association e l’American Stroke Association raccomandano l’acronimo FAST per rilevare i segni di un ictus:

  • F: viso cadente
  • A: debolezza del braccio
  • S: difficoltà di parola
  • T: è ora di chiamare il 911

Avere AFib aumenta le tue possibilità di avere un ictus. Puoi ridurre il rischio di ictus intraprendendo le seguenti azioni:

  • mantenere un peso sano
  • esercizio su base regolare
  • smettere di fumare
  • evitare di bere quantità eccessive di alcol

Porta via

Uno dei modi migliori per ridurre i sintomi della fibrillazione atriale è praticare uno stile di vita sano. Mangiare una dieta sana, fare esercizio fisico e ridurre lo stress sono tutti modi per controllare i sintomi e ridurre le possibilità di gravi complicazioni.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here