Hydrocele

0
3

Cos’è un idrocele?

Un idrocele è una sacca piena di liquido che si forma attorno a un testicolo. Gli idroceli sono più comuni nei bambini.

Quasi il 10% dei maschi nasce con un idrocele. Tuttavia, possono colpire i maschi di qualsiasi età.

Gli idroceli generalmente non rappresentano una minaccia per i testicoli. Di solito sono indolori e scompaiono senza trattamento. Tuttavia, se soffri di gonfiore scrotale, consulta il tuo medico per escludere altre cause più dannose come il cancro ai testicoli.

Cosa causa un idrocele?

Verso la fine della gravidanza, i testicoli di un bambino maschio scendono dal suo addome nello scroto. Lo scroto è il sacco di pelle che trattiene i testicoli una volta che scendono.

Durante lo sviluppo, ogni testicolo ha una sacca naturale attorno ad essa che contiene fluido. Normalmente, questo sacco si chiude e il corpo assorbe il fluido all’interno durante il primo anno del bambino. Tuttavia, questo non accade per i bambini con un idrocele. I bambini nati prematuramente sono a maggior rischio di idrocele, secondo la Mayo Clinic.

Gli idroceli possono anche formarsi più tardi nella vita, soprattutto negli uomini sopra i 40 anni. Questo di solito si verifica se il canale attraverso il quale scendono i testicoli non si è chiuso completamente e il fluido ora entra, o il canale si riapre. Ciò può causare il passaggio del fluido dall’addome allo scroto. Gli idroceli possono anche essere causati da infiammazione o lesioni nello scroto o lungo il canale. L’infiammazione può essere causata da un’infezione (epididimite) o da un’altra condizione.

Tipi di idroceli

I due tipi di idroceli sono non comunicanti e comunicanti.

Non comunicanti

Un idrocele non comunicante si verifica quando il sacco si chiude, ma il tuo corpo non assorbe il fluido. Il fluido rimanente viene tipicamente assorbito dal corpo entro un anno.

Comunicare

Un idrocele comunicante si verifica quando il sacco che circonda il testicolo non si chiude completamente. Ciò consente al fluido di fluire dentro e fuori.

Quali sono i sintomi di un idrocele?

Gli idroceli di solito non causano alcun dolore. Di solito, l’unico sintomo è uno scroto gonfio.

Negli uomini adulti, potrebbe esserci una sensazione di pesantezza nello scroto. In alcuni casi, il gonfiore potrebbe essere peggiore al mattino che alla sera. Di solito non è molto doloroso.

Rivolgiti al medico se tu o tuo figlio avete dolore improvviso o grave allo scroto. Questo potrebbe essere il segno di un’altra condizione chiamata torsione testicolare. La torsione testicolare si verifica quando i testicoli si attorcigliano, in genere a causa di una ferita o un incidente. La torsione testicolare non è comune, ma è un’emergenza medica perché può portare a un blocco dell’afflusso di sangue al testicolo e alla fine infertilità se non trattata. Se pensi che tu o il tuo bambino abbiate una torsione testicolare, recatevi subito al pronto soccorso dell’ospedale o chiamate il 911. Deve essere valutato e trattato immediatamente.

Diagnosi di idroceli

Per diagnosticare un idrocele, il medico eseguirà un esame fisico. Se hai un idrocele, il tuo scroto sarà gonfio, ma non avrai alcun dolore. Il tuo medico non sarà in grado di sentire bene il tuo testicolo attraverso il sacco pieno di liquido.

Il medico può verificare la tenerezza nello scroto e far brillare una luce attraverso lo scroto. Questa si chiama transilluminazione. Permette al medico di determinare se c’è del liquido nello scroto. Se è presente del liquido, lo scroto consentirà la trasmissione della luce e lo scroto sembrerà illuminarsi con la luce che passa attraverso. Tuttavia, se il gonfiore scrotale è dovuto a una massa solida (cancro), la luce non brillerà attraverso lo scroto. Questo test non fornisce una diagnosi definitiva ma può essere molto utile.

Il medico può anche esercitare pressione sull’addome per verificare un’altra condizione chiamata ernia inguinale; il tuo medico potrebbe anche chiederti di tossire o abbassarti per controllare questo. Ciò può verificarsi quando una parte dell’intestino tenue sporge attraverso l’inguine a causa di un punto debole nella parete addominale. Sebbene di solito non sia pericoloso per la vita, un medico può raccomandare un intervento chirurgico per ripararlo.

Possono prelevare un campione di sangue o di urina per verificare la presenza di infezioni. Meno comunemente, il medico può somministrare un’ecografia per verificare la presenza di ernie, tumori o qualsiasi altra causa di gonfiore scrotale.

Come trattare un idrocele

Se il tuo nuovo bambino ha un idrocele, probabilmente andrà via da solo in circa un anno. Se l’idrocele di tuo figlio non va via da solo o diventa molto grande, potrebbe aver bisogno di un intervento chirurgico da parte di un urologo.

Negli adulti, gli idroceli in genere scompaiono entro sei mesi, secondo la Mayo Clinic. Un idrocele di solito ha bisogno di un intervento chirurgico solo se provoca disagio o se è un idrocele comunicante, che può portare a ernie.

Chirurgia

La chirurgia per rimuovere un idrocele viene eseguita in anestesia. Nella maggior parte dei casi, sarai in grado di tornare a casa entro poche ore dall’intervento.

Viene praticato un piccolo taglio nell’addome o nello scroto (a seconda della posizione dell’idrocele) e l’idrocele viene rimosso chirurgicamente. Molto probabilmente il chirurgo applicherà una medicazione grande sul sito dell’incisione. A seconda della posizione e delle dimensioni, potrebbe essere necessario anche un tubo di drenaggio per alcuni giorni.

I rischi associati all’anestesia includono:

  • reazioni allergiche
  • difficoltà respiratorie
  • disturbi del ritmo cardiaco

I rischi associati a questa procedura includono:

  • coaguli di sangue o sanguinamento eccessivo
  • lesione scrotale, compreso il danno ai nervi
  • infezione

Impacchi di ghiaccio, una cinghia di supporto per lo scroto e un sacco di riposo allevieranno il disagio dopo l’intervento. Il tuo medico probabilmente consiglierà un esame di controllo perché a volte un idrocele può ripresentarsi.

Aspirazione dell’ago

Un’altra opzione per il trattamento con idrocele è drenarlo con un ago lungo. L’ago viene inserito nel sacco per estrarre il fluido. In alcuni casi, può essere iniettato un farmaco per evitare che il sacco si riempia nuovamente. L’aspirazione con ago viene comunemente eseguita su uomini ad alto rischio di complicanze durante l’intervento chirurgico.

Gli effetti collaterali più comuni dell’aspirazione con ago sono dolore temporaneo allo scroto e rischio di infezione.

Cosa aspettarsi dopo l’intervento chirurgico

Se il tuo idrocele va via da solo o richiede un intervento chirurgico, le prospettive sono eccellenti.

Se hai un intervento chirurgico, il dolore probabilmente scomparirà in circa una settimana. Il medico può prescrivere farmaci antidolorifici se lo ritiene necessario. Probabilmente non tornerai alle normali attività per alcune settimane. Ciò include evitare qualsiasi cosa che implichi lo stare a cavallo, come andare in bicicletta, per almeno tre settimane. Durante questo periodo dovrebbero essere evitate anche altre attività faticose.

I punti nel sito di incisione di solito si dissolvono da soli, ma il medico potrebbe volerli controllare dopo alcune settimane. Mantenere l’area pulita usando docce o bagni di spugna aiuterà a prevenire l’infezione.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here