Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Guarigione del trauma razziale durante il mese della storia dei neri

Guarigione del trauma razziale durante il mese della storia dei neri

0
4

Questo mese dovrebbe essere una pausa dalla lotta per essere neri in un mondo razzista.

Sadie Culberson / Stocksy United

Febbraio è il mese della storia nera. Di solito viene speso per riconoscere e celebrare i successi dei neri.

Dal famoso leader dei diritti civili Dr. Martin Luther King Jr. a Simone Biles, la ginnasta americana più decorata che costantemente stupisce il mondo, celebriamo i nostri leader, atleti e artisti.

Celebriamo l’oscurità stessa.

Oltre alla celebrazione, tuttavia, il mese della storia nera è un momento di guarigione. Il trauma causato dal razzismo deve essere riconosciuto e riparato. Non possiamo andare avanti nel celebrare l’oscurità a meno che non affrontiamo le nostre ferite.

Il razzismo non si limita a incidenti isolati. I neri affrontano il razzismo tutto il tempo, anche quando è invisibile. Possono esserci effetti cumulativi e a lungo termine. Non se ne vanno semplicemente.

È necessario uno sforzo concertato per realizzare la guarigione. Non possiamo semplicemente metterlo sotto il tappeto e fare una faccia felice per il Black History Month.

In che modo il Black History Month può aiutarci a guarire?

Il Black History Month può servire come promemoria per il lavoro in corso per smantellare il razzismo ed elevare il benessere e l’uguaglianza dei neri.

Portando le esperienze di Black alla ribalta, possiamo sfruttare lo slancio per apportare modifiche che durano tutto l’anno e oltre.

Convalidare esperienze di razzismo

Identificare e nominare le esperienze razziste è fondamentale per il processo di guarigione. Il primo passo verso la guarigione è riconoscere non solo il danno, ma anche il sistema che lo rende possibile.

Molte persone nella comunità nera educano attivamente i giovani al razzismo e li aiutano a contestualizzare le loro esperienze. Questo serve come convalida di ciò che essi conoscono e provano intrinsecamente quando affrontano il razzismo, ma possono essere scoraggiati dal nominarli in modo appropriato a causa del disagio di altre persone.

La convalida è importante ed è uno dei modi in cui le persone di colore si sostengono a vicenda e si aiutano a sostenere il carico collettivo sulla nostra salute mentale.

Il Black History Month aiuta a evidenziare l’effetto molto reale, traumatico e cumulativo del razzismo sui neri, portandolo all’attenzione del grande pubblico.

Siamo in grado di celebrare la nostra oscurità ricordando alle persone che la sopravvivenza in queste circostanze è un’impresa.

Celebrando l’oscurità

Oltre a parlare con i giovani neri del razzismo, il mese della storia dei neri è il momento di insegnare ai giovani neri ad amare se stessi e gli altri. Riempiamo i nostri feed dei social media con lavori di artisti neri che presentano e onorano i neri.

È importante sottolineare che c’è un amore speciale per l’arte che raffigura persone dalla pelle scura, persone con corpi più grandi, persone queer e persone con disabilità. Condividendo immagini della diversità nera, impariamo ad accettare le nostre differenze e a rispettare le differenze negli altri. Questo sta modellando ciò che chiediamo alle persone non nere.

L’attenzione intenzionale a crogiolarsi nella bellezza nera rompe la falsa idea che il nero non sia bello. Questo aiuta le persone di tutte le generazioni a riconoscere la nostra bellezza senza paragoni. Infonde una fiducia che non sarà oscurata dagli standard di bellezza razzisti.

Condividendo immagini della diversità nera, impariamo ad accettare le nostre differenze e a rispettare le differenze negli altri. Questo sta modellando ciò che chiediamo alle persone non nere.

Healthline

Affrontare la fonte

Affrontare le origini del trauma razziale è sempre stata una pratica nell’attivismo e, più specificamente, nell’azione diretta. Oggi continua a essere parte integrante del lavoro di giustizia razziale.

La fonte non è solo le persone razziste, ma il sistema che consente la proliferazione del comportamento razzista.

Singoli agenti di polizia vengono affrontati attraverso azioni legali, come nel caso successivo all’uccisione di George Floyd e alla causa per omicidio colposo presentato dalla madre di Breonna Taylor, Tamika Palmer.

I dipartimenti di polizia sono confrontati con proteste di massa che ne chiedono il defunding e i decisori chiave sono chiamati a chiarire le loro posizioni su polizia, violenza e razzismo.

Affrontare il trauma alla fonte crea anche un’opportunità per le comunità di unirsi, sia di persona che sui social media. È necessario far conoscere coloro che non rispondono all’appello alla trasformazione e alla fine del razzismo.

Viene spesso chiamato “cancellazione della cultura”, ma questa è semplicemente responsabilità. Questo è confrontarsi con la fonte e attirare l’attenzione su di essa.

Finanziamento dell’antirazzismo

Rendendo pubbliche queste informazioni, è possibile per tutti prendere decisioni informate su chi supportare e su come spendere i propri soldi.

Ciò spesso porta al reindirizzamento delle risorse verso imprese e organizzazioni di proprietà nera impegnate per l’uguaglianza razziale e la giustizia.

Questo aiuta le persone di colore ad acquisire potere nella consapevolezza che non dobbiamo finanziare i sistemi e le persone che sono intenzionate ad ucciderci e fornisce agli alleati le informazioni di cui hanno bisogno per sostenere l’uguaglianza.

Parlando di riparazioni

Durante il mese della storia dei neri, i neri cercano riparazioni.

Le persone e le organizzazioni sono chiamate non solo a riconoscere i propri torti, ma a ripararli. Le riparazioni per la schiavitù sono una conversazione ampia, sfumata e in corso che molti ritengono riguardi il denaro.

In realtà, è molto più ampio di così.

Le riparazioni si concentrano sulle condizioni materiali dei discendenti di persone schiavizzate al di là delle finanze. Ad esempio, include l’assistenza sanitaria in risposta alle malattie croniche che sono un risultato diretto della schiavitù e delle sue conseguenze.

Durante il Black History Month, la conversazione sulle riparazioni viene estesa per affrontare i problemi più recenti che interessano gruppi più piccoli di persone.

È importante porre domande come:

  • Come sono le riparazioni per le persone che lavorano in organizzazioni che perpetuano il divario salariale razziale?
  • Che aspetto hanno le riparazioni per le famiglie delle persone uccise dalla polizia?
  • In che modo le riparazioni possono avere il maggiore impatto per il maggior numero di persone che hanno subito danni?
  • Chi è responsabile delle riparazioni?
  • Come si può chiarire che le riparazioni non sono un dono o un vantaggio non guadagnato, né che cancellano il danno causato?

Salute mentale nera

Quando viene riconosciuto un errore, deve essere riparato. Man mano che tutte le persone diventano più consapevoli dell’ingiustizia razziale, i neri sono maggiormente in grado di ritenerli responsabili.

Oltre alla formazione sulla diversità e sull’inclusione, i neri richiedono supporto psicosociale mentre affrontiamo i traumi. La guida professionale dei professionisti della salute mentale neri è importante e talvolta essenziale per la guarigione.

Così è avere lo spazio per prendersi cura della nostra salute mentale giorno per giorno. Chiediamo molto a noi stessi. Possiamo sostenerci a vicenda normalizzandoci prendendoci cura della nostra salute mentale individuale e collettiva.

Enfatizzare il riposo

Una delle pratiche più importanti che sta crescendo in popolarità nella comunità nera è il riposo.

È una parte della cura di sé, ma anche una componente fondamentale della cura della comunità. Associamo automaticamente riposo e relax a vacanze e giorni di osservanza, quindi febbraio è il momento di premere il pulsante di ripristino e rivedere le aspettative di noi stessi e degli altri.

Vivere e affrontare il razzismo e chiedere riparazioni è un lavoro, e avviene all’interno e all’esterno dell’istruzione e del lavoro. L’attivismo può facilmente sostituire gli hobby e il tempo libero, quindi il riposo deve diventare una pratica intenzionale.

Per quanto i neri formano comunità e creano spazi più sicuri l’uno per l’altro, dobbiamo preservare il nostro benessere fisico e mentale. Questo mese, arrivano le richieste affinché i neri facciano più lavoro.

È allettante, perché è importante essere visti e ascoltati. È difficile rifiutare l’opportunità di contribuire alla trasformazione di cui abbiamo bisogno per creare l’uguaglianza razziale e la giustizia.

Deve esserci una linea, però. Deve esserci uno spazio per riposarsi e per stare in comunità senza organizzarsi. Non possiamo lavorare incessantemente per risolvere un problema che appartiene ai bianchi.

Il riposo non ha bisogno di essere guadagnato o giustificato, ma deve essere preso.

Come i bianchi possono supportare la guarigione

I bianchi spesso perpetrano, perpetuano o assistono al razzismo senza intervento. Mentre la nostra attenzione tende a essere sui primi due gruppi, quest’ultimo gruppo ha la responsabilità di rifiutare il proprio razzismo passivo e rimproverare il razzismo degli altri.

Riconosci il razzismo

È importante che i bianchi riconoscano il razzismo quando ha luogo. Ciò richiede una comprensione di base del razzismo e dell’impatto del potere del bianco.

I bianchi possono imparare a mettere in discussione le norme prestando attenzione a ciò che viene detto quando i neri sono o non sono nella stanza, a come i neri vengono trattati in modo diverso e alle aspettative e ai presupposti impliciti ed espliciti dei neri.

Questi sono interiorizzati. Ci vuole un lavoro consapevole, coerente e dedicato per disimparare l’ideologia razzista.

Chiamalo

Quando hanno imparato cos’è il razzismo, che aspetto ha e possono riconoscerlo quando si verifica, i bianchi sono responsabili di chiamarlo fuori.

I neri affrontano regolarmente il razzismo. Ci sono pochissime interazioni con i bianchi e le istituzioni in cui non esiste. È estenuante per i neri affrontare ogni caso di razzismo. I bianchi devono farsi avanti.

Per sua stessa natura, il razzismo oscura simultaneamente la verità dei neri ed eleva le esperienze e le voci dei bianchi. È essenziale che i bianchi usino il loro privilegio per parlare.

Mentre i neri rivendicano il tempo libero, i bianchi devono assumersi la responsabilità del lavoro di antirazzismo.

Healthline

Sostieni il fardello

I neri meritano una vita piena che includa il tempo libero. Non dovremmo lavorare costantemente per essere visti come preziosi, sia nei contributi economici che nelle affermazioni della nostra umanità e dei diritti umani.

Una volta riconosciuti e condannati i sistemi e i comportamenti razzisti, i bianchi devono chiedere ulteriori azioni. Non è sufficiente riconoscere quello che è successo. I neri non dovrebbero essere gravati dalla risoluzione dei problemi quando non siamo noi a sostenere il razzismo.

È necessario sviluppare soluzioni per avere un impatto reale sulla vita dei neri. Devono essere più che simbolici. Devono effettivamente cambiare le condizioni materiali e le esperienze vissute delle persone coinvolte.

I neri fanno fin troppo lavoro per affrontare e porre fine al razzismo. Il razzismo è stato creato dai bianchi ed è loro responsabilità smantellarlo.

I neri non dovrebbero essere gravati dalla risoluzione dei problemi. Non siamo noi a sostenere il razzismo.

Healthline

L’importanza della storia nera, questo mese e sempre

Il Black History Month dovrebbe essere una pausa dalla lotta che è essere neri in un mondo razzista. È un momento per festeggiare l’un l’altro e la nostra cultura. Ci meritiamo il tempo per farlo.

È tempo che i bianchi che si considerano alleati facciano un piano affinché la loro alleanza duri il resto dell’anno.

Come continuerai a insegnare ai tuoi figli la storia dei neri, a praticare attivamente l’antirazzismo e a creare un ambiente in cui i neri possano riposare in sicurezza?

Sappiamo tutti che un mese non è abbastanza.

Il Black History Month è semplicemente un catalizzatore. Il lavoro per porre fine al razzismo e curare i traumi razziali è un lavoro quotidiano. Mentre i neri rivendicano il tempo libero, i bianchi devono assumersi la responsabilità del lavoro di antirazzismo.

La trasformazione di cui abbiamo bisogno dipende da tutti coloro che effettuano il cambiamento.


Alicia A. Wallace è una femminista nera queer, difensore dei diritti umani delle donne e scrittrice. È appassionata di giustizia sociale e costruzione di comunità. Le piace cucinare, cucinare, fare giardinaggio, viaggiare e parlare con tutti e nessuno contemporaneamente Twitter.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here