Gravidanza e fumo

0
4

Panoramica

La cessazione del fumo è una delle misure più realizzabili per garantire una gravidanza sana. Tuttavia, secondo il Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), circa il 13% delle donne fuma negli ultimi tre mesi di gravidanza. Fumare in qualsiasi momento durante la gravidanza può comportare implicazioni per tutta la vita per il tuo bambino.

È importante smettere di fumare se non hai smesso prima di rimanere incinta. Con determinazione e supporto, puoi avere successo.

Perché il fumo è dannoso durante la gravidanza?

Il fumo aumenta il rischio di:

  • parto con basso peso alla nascita
  • parto pretermine (prima di 37 settimane)
  • aborto spontaneo
  • morte fetale intrauterina (natimortalità)
  • palatoschisi e altri difetti alla nascita
  • problemi respiratori

Il fumo durante la gravidanza è anche associato a gravi condizioni che possono colpire il bambino durante l’infanzia e l’infanzia. Questi possono includere:

  • sindrome della morte infantile improvvisa (SIDS)
  • difficoltà di apprendimento
  • problemi comportamentali
  • attacchi di asma

  • infezioni frequenti

Ci sono alcune prove che suggeriscono che le abitudini al fumo sono legate tra le generazioni. Alcuni studi hanno mostrato un aumento dei tassi di fumo nelle figlie di donne che hanno fumato durante la gravidanza. Ciò indica che alcuni fattori biologici possono essere determinati in utero quando una madre fuma durante la gravidanza. In altre parole, fumare durante la gravidanza mette il tuo bambino a rischio di diventare un fumatore una volta cresciuto.

Perché smettere ora?

La fumatrice che rimane incinta può pensare che il danno sia già stato fatto e che non ci sia alcun beneficio per il bambino a smettere durante il secondo o terzo mese di gravidanza.Non è vero. Secondo Smokefree Women, smettere di fumare durante qualsiasi fase della gravidanza riduce il rischio di difetti polmonari e un basso tasso di natalità. Inoltre, è probabile che i pazienti siano più determinati a smettere all’inizio della gravidanza e possono impostare più facilmente una data per smettere.

Tutte le donne incinte che fumano sono incoraggiate a smettere, anche quando sono al settimo o ottavo mese di gravidanza.

Come posso smettere?

Prima di tentare di smettere di fumare, dedica del tempo ad analizzare quando e perché fumi. È importante che tu comprenda i tuoi schemi di fumo in modo da poter pianificare eventi e situazioni che saranno allettanti o stressanti per te. Fumi quando sei teso o ansioso? Fumi quando hai bisogno di ricaricarti? Fumi quando gli altri intorno a te stanno fumando? Fumi quando bevi?

Quando comprendi i tuoi schemi di fumo, puoi iniziare a ideare attività alternative. Ad esempio, se fumi con i colleghi durante le pause di lavoro, considera invece di fare passeggiate con altri amici di lavoro. Se fumi mentre bevi il caffè, valuta la possibilità di passare a un’altra bevanda per rompere l’associazione.

Pianifica i momenti in cui sarai tentato. Trova qualcuno che ti aiuti nei momenti difficili in cui vuoi fumare una sigaretta. Datti un rinforzo positivo per smettere. Una volta che hai un piano, fissa una data per smettere e parlane con il tuo medico.

Rimuovi tutto il tabacco e i prodotti correlati da casa, dal lavoro e dall’auto prima della data in cui hai smesso. Questo è un passo importante per diventare senza fumo.

Consulta il tuo medico per aiuto nell’impostare la data di cessazione, per strategie per non fumare e per fonti di rinforzo positivo durante questo importante processo. Alcune persone hanno bisogno di più aiuto di altre, a seconda di quanto l’abitudine è radicata e di quanto sono dipendenti dalla nicotina.

Quanto sarà difficile per me smettere?

Il livello di difficoltà a smettere di fumare dipende da una serie di fattori e varia tra le donne. Meno fumi e più hai provato a smettere di fumare, più sarà facile. Avere un partner che non fuma, fare esercizio e avere convinzioni molto forti sui rischi del fumo durante la gravidanza renderà anche più facile smettere.

Più fumi, più sarà difficile smettere. Le donne che fumano più di un pacchetto al giorno e le donne che consumano caffeina possono avere più difficoltà a smettere di fumare. Anche le donne depresse o che incontrano molte difficoltà nella vita possono avere più difficoltà a smettere. Coloro che sono isolati dal supporto sociale sperimentano maggiori difficoltà a smettere. È interessante notare che nessuna associazione con l’uso di alcol predice il fumo continuato o l’astinenza.

Ulteriori aiuti per smettere di fumare disponibili tramite il tuo caregiver

Se stai cercando di smettere di fumare, il tuo medico potrebbe fornire un monitoraggio come rinforzo. Questo può essere fatto con l’uso di test che misurano il monossido di carbonio scaduto oi metaboliti della nicotina.

La sostituzione della nicotina è sicura durante la gravidanza?

Gli aiuti per smettere di fumare, come i sostituti della nicotina, sono comunemente usati dalle persone che cercano di smettere. Gli esempi includono un cerotto alla nicotina, una gomma o un inalatore. Tuttavia, questi aiuti non dovrebbero essere usati durante la gravidanza a meno che i benefici superino chiaramente i rischi. La quantità di nicotina rilasciata dalla gomma o dal cerotto è solitamente sostanzialmente inferiore a quella che riceveresti continuando a fumare. Tuttavia, la nicotina riduce il flusso sanguigno all’utero ed è potenzialmente dannosa per il feto in via di sviluppo e la placenta, indipendentemente dal metodo di consegna. Tali preoccupazioni sono delineate dall’American Congress of Obstetricians and Gynecologists (ACOG), che afferma anche che non ci sono prove cliniche per dimostrare che questi prodotti aiutano davvero le donne incinte a smettere di fumare per sempre.

La gomma alla nicotina è stata etichettata come categoria di gravidanza C dalla Food and Drug Administration. Ciò significa che il rischio per il feto non può essere escluso. Il cerotto alla nicotina è stato etichettato come categoria di gravidanza D, il che significa che ci sono prove positive di rischio.

Il bupropione è sicuro durante la gravidanza?

Il bupropione (Zyban) è stato utile per i fumatori che hanno difficoltà con stati d’animo depressi quando smettono di fumare. Probabilmente agisce come un antidepressivo, aiutando con i sintomi di astinenza di umore depresso, disturbi del sonno, ansia e aumento dell’appetito. Il bupropione è probabilmente efficace quanto il sostituto della nicotina nell’aiutare i pazienti a smettere di fumare. Quando i pazienti ricevono anche una terapia comportamentale o una guida, si osservano maggiori percentuali di successo.

Sfortunatamente, non ci sono dati disponibili sulla sicurezza del bupropione durante la gravidanza. Questo farmaco è commercializzato come Wellbutrin per il trattamento della depressione e può essere utilizzato durante la gravidanza per tale indicazione. Il bupropione è etichettato come categoria B per il trattamento della depressione durante la gravidanza. Tuttavia, esiste un alto rischio di trasmissione del farmaco al latte materno.

Chi ha maggiori probabilità di ricominciare a fumare?

Sfortunatamente, le donne che smettono di fumare durante la gravidanza spesso ricadono durante la gravidanza o nel periodo postpartum. I fattori di rischio per la ricaduta durante la gravidanza includono quanto segue:

  • diminuendo, ma non smettendo effettivamente di fumare
  • annunciando che si è smesso prima di passare una settimana senza tabacco
  • avere poca fiducia nella propria capacità di rimanere senza tabacco
  • essere un forte fumatore

Inoltre, se non sei molto infastidito dalla nausea e hai partorito prima, è più probabile che ricominci a fumare.

Se la famiglia, gli amici e i colleghi di una donna fumano sembra essere uno dei principali predittori del successo a lungo termine nella cessazione del fumo. Le donne che smettono di fumare durante la gravidanza hanno bisogno di un supporto continuo per rimanere libere dal fumo durante l’intera gravidanza. È importante che smettere di fumare sia percepito come un processo e non come un evento occasionale. Se il tuo partner fuma, hai molte più probabilità di ricadere. L’associazione continua con persone che fumano può significare una facile disponibilità di sigarette e maggiori possibilità di ricaduta.

Perché le donne riprendono a fumare dopo il parto?

Il Centro per la prevenzione e il controllo delle malattie stima che oltre il 50% delle donne che hanno smesso di fumare durante la gravidanza ricominceranno a fumare entro sei mesi dal parto. Molte donne vedono il periodo postpartum come un momento per perseguire le attività di cui godono prima di rimanere incinte – per molte, questo significa tornare a fumare. Alcune donne sembrano particolarmente preoccupate per la perdita di peso e la gestione dello stress e questo contribuisce anche alla ricaduta.

Sfortunatamente, i materiali di auto-aiuto, la consulenza individuale e la consulenza del medico non hanno mostrato alcun miglioramento dei tassi di recidiva postpartum. È importante avere un allenatore o qualcuno nella tua vita che ti aiuti a motivarti a rimanere senza tabacco.

Motivi per non riprendere a fumare dopo la nascita del bambino

Ci sono prove convincenti per rimanere senza fumo dopo il parto. Gli studi dimostrano che se fumi più di 10 sigarette al giorno, la quantità di latte che produci diminuisce e la composizione del tuo latte cambia. Inoltre, le donne che fumano hanno maggiori probabilità di pensare che la loro fornitura di latte non sia abbastanza buona e potrebbero essere meno motivate ad allattare. Inoltre, i bambini allattati al seno da madri che fumano tendono ad essere più coliche e piangono di più, il che può incoraggiare lo svezzamento precoce.

Inoltre, neonati e bambini piccoli hanno infezioni alle orecchie e infezioni del tratto respiratorio superiore più frequenti quando c’è un fumatore in casa. Ci sono anche prove che suggeriscono che l’asma è più probabile che si sviluppi nei bambini i cui genitori fumano.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here