Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Gli effetti della marijuana sul tuo corpo

Gli effetti della marijuana sul tuo corpo

0
5

La marijuana è prodotta dalle parti sminuzzate ed essiccate della pianta di cannabis, inclusi fiori, semi, foglie e steli. È anche conosciuto come erba, erba, hashish e dozzine di altri nomi. Mentre molte persone la fumano o la vaporizzano, puoi anche consumare marijuana come ingrediente di cibo, tè preparato o oli.

Diversi metodi di assunzione del farmaco possono influenzare il tuo corpo in modo diverso. Quando si inala il fumo di marijuana nei polmoni, il farmaco viene rapidamente rilasciato nel flusso sanguigno e si fa strada nel cervello e in altri organi. Ci vuole un po ‘più di tempo per sentire gli effetti se mangi o bevi marijuana.

Sono in corso polemiche sugli effetti della marijuana sul corpo. Le persone riferiscono vari effetti fisici e psicologici, dal danno e il disagio al sollievo dal dolore e al rilassamento.

Ecco cosa succede al tuo corpo quando questo farmaco entra nel flusso sanguigno.

La marijuana può essere utilizzata in alcuni stati per motivi medici e in alcune aree anche l’uso ricreativo è legale. Non importa come usi la marijuana, il farmaco può causare effetti immediati ea lungo termine, come cambiamenti nella percezione e aumento della frequenza cardiaca. Nel tempo, fumare marijuana può causare tosse cronica e altri problemi di salute.

Gli effetti della marijuana sul corpo sono spesso immediati. Gli effetti a lungo termine possono dipendere da come lo prendi, quanto lo usi e quanto spesso lo usi. Gli effetti esatti sono difficili da determinare perché la marijuana è illegale negli Stati Uniti, rendendo gli studi difficili e costosi da condurre.

Ma negli ultimi anni, le proprietà medicinali della marijuana stanno guadagnando l’accettazione pubblica. A partire dal 2017, 29 stati più il Distretto di Columbia hanno legalizzato in una certa misura la marijuana medica. Il THC e un altro ingrediente chiamato cannabidiolo (CBD) sono le principali sostanze di interesse terapeutico. Il Istituto Nazionale della Salute ha finanziato la ricerca sui possibili usi medicinali di THC e CBD, che è ancora in corso.

Con il potenziale per un maggiore uso ricreativo, conoscere gli effetti che la marijuana può avere sul tuo corpo è più importante che mai. Continua a leggere per vedere come influisce su ciascun sistema del tuo corpo.

Sistema respiratorio

Proprio come il fumo di tabacco, il fumo di marijuana è costituito da una varietà di sostanze chimiche tossiche, tra cui l’ammoniaca e l’acido cianidrico, che possono irritare i bronchi e i polmoni. Se sei un fumatore abituale, hai maggiori probabilità di ansimare, tossire e produrre catarro. Sei anche a maggior rischio di bronchite e infezioni polmonari. La marijuana può aggravare le malattie respiratorie esistenti, come l’asma e la fibrosi cistica.

Marijuana e BPCO: esiste un collegamento? »

Il fumo di marijuana contiene agenti cancerogeni, quindi può aumentare anche il rischio di cancro ai polmoni. Tuttavia, gli studi sull’argomento hanno avuto risultati contrastanti. Secondo il National Institute of Drug Abuse (NIDA), non ci sono prove conclusive che il fumo di marijuana provochi il cancro ai polmoni. Sono necessarie ulteriori ricerche.

Sistema circolatorio

Il THC si sposta dai polmoni nel flusso sanguigno e in tutto il corpo. In pochi minuti, la frequenza cardiaca può aumentare da 20 a 50 battiti al minuto. Quel battito cardiaco accelerato può continuare fino a tre ore. Se hai una malattia cardiaca, questo potrebbe aumentare il rischio di infarto.

Uno dei segni rivelatori del recente uso di marijuana sono gli occhi iniettati di sangue. Gli occhi sembrano rossi perché la marijuana fa espandere i vasi sanguigni negli occhi.

Il THC può anche abbassare la pressione negli occhi, che può alleviare i sintomi del glaucoma per alcune ore. Sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere gli ingredienti attivi della marijuana e se è un buon trattamento per il glaucoma.

Qual è l’impatto della cannabis sulla salute? »

A lungo termine, la marijuana ha un possibile effetto positivo sul sistema circolatorio. Ricerca non è ancora conclusivo, ma la marijuana può aiutare a fermare la crescita dei vasi sanguigni che alimentano i tumori cancerosi. Esistono opportunità sia nel trattamento del cancro che nella prevenzione, ma sono necessarie ulteriori ricerche.

Sistema nervoso centrale

Gli effetti della marijuana si estendono a tutto il sistema nervoso centrale (SNC). Si pensa che la marijuana allevi il dolore e l’infiammazione e aiuti a controllare gli spasmi e le convulsioni. Tuttavia, ci sono alcuni effetti negativi a lungo termine sul SNC da considerare.

Il THC stimola il tuo cervello a rilasciare grandi quantità di dopamina, una sostanza chimica naturale per “sentirsi bene”. È ciò che ti dà un piacevole sballo. Può aumentare la tua percezione sensoriale e la tua percezione del tempo. Nell’ippocampo, il THC cambia il modo in cui elabori le informazioni, quindi il tuo giudizio potrebbe essere compromesso. L’ippocampo è responsabile della memoria, quindi potrebbe anche essere difficile formare nuovi ricordi quando sei sballato.

I cambiamenti avvengono anche nel cervelletto e nei gangli della base, aree cerebrali che svolgono un ruolo nel movimento e nell’equilibrio. La marijuana può alterare l’equilibrio, la coordinazione e la risposta riflessa. Tutti questi cambiamenti significano che non è sicuro guidare.

Dosi molto elevate di marijuana o alte concentrazioni di THC possono causare allucinazioni o deliri. Secondo il NIDA, potrebbe esserci un’associazione tra l’uso di marijuana e alcuni disturbi di salute mentale come la depressione e l’ansia. Sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere la connessione. Potresti voler evitare la marijuana se hai la schizofrenia, poiché potrebbe peggiorare i sintomi.

Quando scendi dall’alto, potresti sentirti stanco o un po ‘depresso. In alcune persone, la marijuana può causare ansia. Circa il 30% dei consumatori di marijuana sviluppa un disturbo da uso di marijuana. La dipendenza è considerata rara, ma molto reale. I sintomi di astinenza possono includere irritabilità, insonnia e perdita di appetito.

Nelle persone di età inferiore ai 25 anni, il cui cervello non si è ancora completamente sviluppato, la marijuana può avere un impatto duraturo sui processi di pensiero e memoria. L’uso di marijuana durante la gravidanza può anche influenzare il cervello del tuo bambino non ancora nato. Il tuo bambino potrebbe avere problemi con la memoria, la concentrazione e le capacità di risoluzione dei problemi.

Apparato digerente

Fumare marijuana può causare bruciore o bruciore alla bocca e alla gola durante l’inalazione.

La marijuana può causare problemi digestivi se assunta per via orale. Ad esempio, il THC orale può causare nausea e vomito a causa del modo in cui viene elaborato nel fegato. Potrebbe anche danneggiare il fegato.

Al contrario, la marijuana è stata utilizzata anche per alleviare i sintomi di nausea o disturbi di stomaco.

Un aumento dell’appetito è comune quando si assume qualsiasi forma di marijuana, portando a ciò che molti chiamano “fame chimica”. Questo è considerato un vantaggio per le persone in trattamento con chemioterapia per il cancro. Per altri che stanno cercando di perdere peso, questo effetto potrebbe essere considerato uno svantaggio.

Sistema immunitario

Il THC può influire negativamente sul tuo sistema immunitario. Studi il coinvolgimento di animali ha dimostrato che il THC potrebbe danneggiare il sistema immunitario, rendendoti più vulnerabile alle malattie. Sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere appieno gli effetti.

Continua a leggere: cos’è la marijuana medica? »

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here