Gli annunci per dispositivi mobili possono mettere a rischio i dati personali degli utenti, afferma uno studio

0
11

Ci sono circa 2,6 miliardi di utenti di smartphone in tutto il mondo e si prevede che supereranno i 6 miliardi entro il 2020. Tuttavia, secondo un nuovo studio, gli annunci pubblicitari all’interno delle app possono mettere a rischio i dati degli utenti. Un nuovo studio ha scoperto che la pubblicità nelle app può divulgare le informazioni dell’utente tra reti pubblicitarie e sviluppatori di app mobili.

Gli annunci per dispositivi mobili possono mettere a rischio i dati personali degli utenti, afferma uno studio

Lo studio è stato condotto da ricercatori del Georgia Institute of Technology negli Stati Uniti, questa ricerca si basa su oltre 200 utenti che hanno utilizzato app personalizzate nei dispositivi Android.

I ricercatori hanno analizzato l’autenticità degli annunci personalizzati presentati per testare i soggetti seguendo il loro interesse personale e i profili demografici. Hanno anche analizzato la misura in cui il produttore di app per dispositivi mobili poteva esporre i dati sugli utenti quando venivano loro presentati annunci personalizzati.

I ricercatori hanno scoperto che il 73% delle impressioni degli annunci per il 92% degli utenti è correttamente orientato ai rispettivi profili demografici.

I ricercatori hanno anche scoperto che gli sviluppatori di app possono determinare il sesso dell’utente, con un’esattezza del 75%, del 66% dello stato parentale e del 54% dell’età degli utenti. Inoltre, possono anche indovinare con più esattezza il reddito degli utenti, lo stato marziale oi legami politici.

Inoltre, alcuni dati personali sono considerati così sensibili, tanto che Google afferma positivamente che tali fattori non vengono utilizzati per la “personalizzazione”. Inoltre, lo studio ha scoperto che gli sviluppatori di app mobili possono determinare queste informazioni a causa della fuga di dati tra reti pubblicitarie e sviluppatori di app.

Wei Meng del Georgia Institute of Technology ha affermato che “Le app per smartphone gratuite non sono realmente gratuite. Le app, in particolare le app dannose, possono essere utilizzate per raccogliere informazioni potenzialmente sensibili su qualcuno semplicemente ospitando annunci nell’app e osservando ciò che viene ricevuto da un utente. Gli annunci in-app per dispositivi mobili e personalizzati rappresentano assolutamente una nuova minaccia per la privacy”.

I ricercatori hanno inoltre affermato che gli sviluppatori di app preferiscono accettare “In App Ads” nella loro app. Le reti AD pagano denaro agli sviluppatori di app per mostrare i loro annunci e tenere traccia delle attività degli utenti come la raccolta di app che l’utente ha installato, posizioni geografiche e modello mobile, ecc.

Anche “In App Ads” è stato mostrato non crittografato come sezione dell’interfaccia utente grafica delle app, il che significa che gli sviluppatori di app possono acquisire contenuti pubblicitari mirati a una posizione specifica visualizzata nella loro app e quindi creare un profilo degli utenti dell’app.

Sembra che gli annunci In App siano in realtà una minaccia per la privacy degli utenti. Se ti è piaciuto questo articolo, sentiti libero di condividerlo!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here