Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Gioca a combattere: dovresti preoccuparti?

Gioca a combattere: dovresti preoccuparti?

0
4

i bambini giocano litigando insieme

Il tuo bambino salta su di te o sul fratello che vuole lottare. Forse sei infastidito. Forse pensi che sia divertente. Forse semplicemente non sai cosa pensare.

I genitori spesso si chiedono se questo desiderio infantile di giocare a combattere sia normale, sicuro e appropriato per l’età del loro bambino o per le aspettative della società.

Il gioco di combattimento è stato un problema molto dibattuto nel corso degli anni perché può sembrare più duro di quanto non sia in realtà e può far sentire a disagio alcuni adulti.

Lasciare che i tuoi bambini si rompano un po’ li farà odiare a vicenda quando saranno più grandi? Rimarranno feriti fisicamente? O stanno eseguendo una sorta di legame? Tutte domande eccellenti, e quelle che affronteremo di seguito.

Cos’è il gioco combattendo?

I genitori spesso lo chiamano gioco di combattimento, mentre ricercatori chiamalo anche “gioco ruvido e ruzzolante” (RTP). Indipendentemente dal nome, è una forma comune di gioco che può essere tra due figli, o un genitore e un figlio, ma è stata spesso associata a padre e figlio.

Gli esperti dell’Università dell’Arkansas definiscono il gioco ruvido e ruvido come “lottare, solleticare, inseguire e farsi rimbalzare, oscillare o sollevare”. Inoltre, dicono che si riferisce a “i tipi vigorosi di comportamenti, inclusi alcuni che possono sembrare combattimenti, che si verificano nel contesto del gioco”.

Spiegano che spesso sembra aggressivo e come un comportamento scorretto, quindi a volte gli adulti lo scoraggiano. Tuttavia, è un aspetto importante dello sviluppo sano del bambino e non dovrebbe essere liquidato così rapidamente.

Nel vero combattimento i partecipanti partecipano volontariamente per il proprio divertimento, e non c’è l’intenzione di nuocere.

Il fondatore del National Institute for Play, il dottor Stuart Brown, suggerisce che il gioco rude e ruvido dei bambini previene effettivamente il comportamento violento e che il gioco può far crescere i talenti e il carattere umani per tutta la vita.

Questo tipo di gioco inizia tipicamente intorno all’età prescolare e continua nella prima adolescenza. Ragazzi, ragazze, mamme e papà possono farne parte, anche se tradizionalmente i papà hanno assunto un ruolo più attivo rispetto alle madri in questo aspetto dell’educazione dei figli.

Quali sono le cause del gioco di combattimento?

Il gioco di combattimento è un fenomeno che si verifica naturalmente in tutte le culture ed è spesso abbastanza divertente per la maggior parte dei bambini. Potrebbe sorprendere i genitori che stanno guardando i loro coniugi e figli rotolarsi sul pavimento mentre lottano, sapere che stanno effettivamente costruendo il loro cervello e il loro benessere emotivo.

È anche abbastanza comune, specialmente nei ragazzi. La dottoressa Eileen Kennedy-Moore scrive in Psychology Today che il 60 percento dei ragazzi delle elementari afferma di aver combattuto per gioco, ma rappresenta solo circa 1/10 del tempo trascorso a giocare in generale.

Dice che questi tipi di combattimenti tra pari si verificano in genere con un intero gruppo di bambini anziché solo due bambini (che è più tipico di un combattimento “reale”). “Il fascino del gioco approssimativo è la sfida fisica di mettere alla prova la propria forza e l’idea eccitante di essere potenti”, afferma Kennedy-Moore. “…[it] spesso implica fingere di essere supereroi o buoni e cattivi.”

È una fase di sviluppo normale per molti bambini. Mentre ci sono alcuni bambini che non sono interessati a questo tipo di gioco, quelli che si impegnano non sono necessariamente più aggressivi o motivo di preoccupazione. Molti bambini rispondono semplicemente alla fisicità e al gioco di ruolo coinvolti nel gioco di combattimento.

Quindi la prossima volta che il tuo finto Hulk si lancia dal divano su suo fratello, sappi che non sei solo.

Ci sono vantaggi nel giocare a combattere?

Di sicuro non sembra a volte. Ma è vero: questo tipo di gioco esercita il corpo e sviluppa abilità sociali.

Il cambiamento di ruolo porta alla risoluzione dei problemi e all’autocorrezione per rimanere nell’attività, un’abilità essenziale della vita. Imparare a reagire e cambiare in base alle reazioni degli altri servirà ai bambini in classe e nella sala riunioni.

Inoltre, i bambini “imparano a mostrare attenzione e preoccupazione quando un compagno di giochi cade e ad esprimere i propri pensieri agli altri in un gioco”, spiegano gli scienziati.

Anche se a volte sembra un rischio potenziale per il pronto soccorso, il combattimento sicuro può effettivamente essere estremamente vantaggioso per lo sviluppo di tuo figlio e anche per il legame genitore / figlio.

Un vantaggio è soprattutto il legame con il padre.

Ricerca mostra che “i padri sembrano socializzare i loro figli soprattutto attraverso il gioco fisico”, aiutandoli a comprendere meglio il panorama sociale. Le interazioni con i padri possono aiutare i bambini a imparare sia l’autocontrollo che la sensibilità verso gli altri. Queste interazioni suscitano anche alti livelli di sentimenti positivi sia per il bambino che per l’adulto.

Un altro vantaggio è che è un ambiente sicuro in cui i bambini piccoli possono testare i limiti dell’aggressività e del dominio in un modo socialmente accettabile per imparare cosa va bene e cosa no.

Poiché ogni persona è in genere in competizione per mostrare una “posizione dominante” sull’altra, la ricerca dice, può avere un impatto sulla relazione padre/figlio.

Ad esempio, questo tipo di gioco è un modo amorevole ma molto chiaro di mostrare ai bambini chi gestisce lo spettacolo. Dimostrano comportamenti giocosi ma aggressivi, ma imparano che non sono la forza più potente del gioco. Questo li aiuta a sviluppare l’autoregolamentazione di questi comportamenti, nonché i confini sociali di dove si inseriscono nel mondo.

Quindi la prossima volta che sei tentato di urlare “Aww, lascialo vincere!” pensa due volte. Il padre che domina fisicamente, entro limiti ragionevoli, conta. Anche l'”auto-handicap” in una certa misura è importante, in modo che il bambino senta di avere una possibilità e di potercela fare. Solo non ogni volta.

Ci sono rischi nel giocare a combattere?

È importante riconoscere, sia per gli insegnanti che per i genitori, che aspetto hanno i combattimenti reali rispetto al combattimento ludico. Abbiamo visto tutti una lotta per gioco diventare un po’ troppo fisica, cosa che a volte può accadere rapidamente e rappresentare un pericolo per i bambini.

Per questo motivo, spesso gli insegnanti della scuola materna e della scuola primaria non possono consentire alcun tipo di combattimento gioco, anche se l’Associazione nazionale per l’educazione della prima infanzia riconosce ora il combattimento gioco come un comportamento accettabile.

Kennedy-Moore afferma che “gli adulti, in particolare le donne che non hanno familiarità personalmente con il gioco rude, spesso cercano di smettere di maltrattare perché non vogliono che nessuno si faccia male”. Continua spiegando che la ricerca mostra che in realtà si tratta solo di combattere “reale” l’1 percento delle volte, che è un’attività piuttosto a basso rischio.

La ricerca rileva che il gioco ruvido e acrobatico potrebbe essere consentito con moderazione con il monitoraggio per la sicurezza del bambino. Gli scienziati forniscono anche linee guida chiare su ciò che costituisce un gioco duro contro l’aggressività. In scenari di combattimento in gioco:

  • I bambini sorridono e ridono, piuttosto che accigliarsi, fissare, piangere o arrossire in faccia.
  • I bambini sono disposti e desiderosi di unirsi al gioco, piuttosto che un bambino che domina tutti gli altri.
  • I partecipanti più forti o più anziani possono lasciare vincere i più giovani e i bambini continueranno a tornare per di più, piuttosto che separarsi dopo ogni round.
  • Il contatto è relativamente gentile e giocoso invece che duro e duro.
  • I bambini si alternano ruoli in contrasto con una vera lotta in cui i ruoli in realtà non cambiano molto.
  • Molti bambini possono partecipare a combattimenti di gioco contro solo due in un vero combattimento.
  • In genere non ci sono spettatori, contro un vero combattimento che attira folle.

Un genitore che sta cercando di giocare a combattere con il proprio figlio per costruire abilità a lungo termine e per legare dovrebbe considerare di trasmettere diversi messaggi al proprio figlio, verbalmente o non verbalmente per stabilire le aspettative.

Fai sapere loro che ti stai divertendo tanto quanto loro, ma fai anche loro sapere che, mentre sono liberi di metterli alla prova, sei l’ultima parola sui limiti e sulle regole. Queste vibrazioni e discussioni aiutano a impostare il tono per esperienze positive di combattimento di gioco.

Porta via

La prossima volta che i tuoi figli si lanciano in un incontro di wrestling a terra, guardando come Simba e Nala che lottano come giovani cuccioli di leone, considera i benefici del roughhousing e gioca a combattere.

I benefici dei bambini piccoli e dei loro coetanei o genitori che si impegnano in un gioco duro ma sicuro hanno una varietà di vantaggi, dal legame alla gestione dell’aggressività.

Con le dovute precauzioni, come un posto sicuro dove giocare, ed entrambe le parti consapevoli e disposte a fermarsi se inizia ad andare troppo lontano, può essere estremamente divertente per tuo figlio.

Conoscere i segni di un combattimento casuale rispetto a un vero combattimento tra coetanei aiuterà a mantenere le cose sicure e divertenti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here